Enti regolatori
13/12/2022

Tumore seno in fase precoce, terapia riduce il rischio di malattia invasiva

Buone notizie dai risultati dello studio di fase 3 'monarchE' per le pazienti con carcinoma mammario in fase precoce Hr+, Her2-, con linfonodi positivi, ad alto rischio. Eli Lilly ha annunciato al San Antonio Breast Cancer Symposium (Sabcs), in contemporanea con la pubblicazione su The Lancet Oncology, i risultati aggiornati dello studio di fase 3 'monarchE' su Abemaciclib in adiuvante in combinazione con la terapia endocrina standard (Et) per il trattamento del carcinoma mammario in fase precoce ad alto rischio (Ebc) positivo al recettore ormonale (Hr+), negativo al recettore 2 del fattore di crescita epidermico umano (Her2-) e con linfonodi positivi.

Secondo i dati, che derivano da un'analisi che riflette un periodo di osservazione mediano di 3,5 anni nel quale tutte le pazienti hanno completato o interrotto il periodo di trattamento previsto di due anni con abemaciclib, "il rischio di sviluppare una malattia invasiva è risultato ridotto del 33,6%. Il tasso di sopravvivenza libera da malattia invasiva (Idfs) a quattro anni è stato dell'85,8% per i pazienti trattati con abemaciclib più terapia endocrina standard (Et) rispetto al 79,4% per i pazienti trattati con la sola terapia endocrina standard, con una differenza assoluta del 6,4% (rispetto al 2,8% a due anni)", riporta lo studio.

"L'aggiunta di Abemaciclib in adiuvante ha anche ridotto il rischio di sviluppare una malattia metastatica del 34,1%. Il tasso di sopravvivenza libera da malattia a distanza (Drfs) a quattro anni è stato pari al 88,4% per i pazienti trattati con Abemaciclib più Et rispetto all'82,5% dei pazienti trattati con sola Et, con una differenza assoluta del 5,9% (rispetto al 2,5% a due anni)", sottolinea Eli Lilly. Questi benefici sono stati descritti in tutti i sottogruppi, indipendentemente dalla percentuale di espressione del marcatore di proliferazione cellulare Ki-67. Sebbene i dati "sulla sopravvivenza globale non siano ancora maturi, nel braccio Abemaciclib con Et sono stati osservati meno decessi rispetto al braccio di monoterapia con Et. I risultati complessivi di sicurezza sono coerenti con il profilo consolidato di Abemaciclib", prosegue la nota dell'azienda.

''Questi dati vanno a confermare il profilo di efficacia e di sicurezza della molecola. Il continuo rafforzamento del beneficio di Abemaciclib in fase adiuvante a quattro anni sottolinea ulteriormente l'importanza potenziale di questi dati per le donne e gli uomini affetti da carcinoma mammario precoce Hr+, Her2-, linfonodo-positivo e ad alto rischio'', ha affermato Valentina Guarneri, ordinaria di Oncologia medica, direttore Unità Operativa complessa di Oncologia 2, Istituto Oncologico Veneto Irccs.

"I risultati dello studio clinico 'monarchE', confermati da questa nuova analisi presentata al più importante congresso mondiale sul tumore del seno, sono di estrema rilevanza clinica sia per l'entità del beneficio indotto da abemaciclib, sia perché questo beneficio riguarda le pazienti con tumore che, pur nelle fasi iniziali, risulta a più alto rischio di ricaduta dopo l'intervento'', ha aggiunto Lucia Del Mastro, docente di Oncologia dell'Università di Genova e direttore della Clinica di Oncologia Medica dell'ospedale Policlinico San Martino.

Lo studio 'monarchE' (su 5.637 individui) ha incluso donne e uomini con tumore del seno Hr+, Her2-, linfonodo-positivi e con un alto rischio di recidiva. La popolazione candidata al trattamento (intention-to-treat, Itt) comprendeva i pazienti arruolati sia nella coorte 1 che nella coorte 2, con la coorte 1 (5.120) che rappresentava il 91% di tutti i pazienti arruolati. La coorte 1 ha arruolato pazienti in base a specifici fattori clinico-patologici (più di 4 linfonodi ascellari [Aln] positivi, o 1-3 Aln positivi e malattia di grado 3 o dimensioni del tumore 5 cm). La coorte 2 ha arruolato pazienti con 1-3 Aln positivi ed espressione del Ki-67 determinata centralmente superiore al 20% (definito nello studio come "Ki-67 alto"). Il Ki-67 è un marcatore della proliferazione cellulare. I dati presentati al Sabcs comprendono anche i risultati della popolazione della coorte 1 (approvata da Ema).
"Anche per quanto riguarda i dati sulla sopravvivenza, i numeri sono confortanti: sono stati osservati meno decessi nel braccio abemaciclib con Et (terapia endocrina standard) (157 [5,6%]) rispetto al braccio di monoterapia con ET (173 [6,1%]). Nel braccio Abemaciclib con Et si è verificato un minor numero di decessi per tumore al seno rispetto al braccio di sola Et, 117 (4,2%) contro 138 (4,9%). Quasi il doppio dei pazienti nel braccio di controllo ha sviluppato e vive con malattia metastatica rispetto a quelli che hanno ricevuto Abemaciclib. Il follow-up è in corso fino alla valutazione finale della sopravvivenza", riporta la nota.

Come precedentemente pubblicato sul 'Journal of Clinical Oncology' e successivamente aggiornato su 'Annals of Oncology', lo studio 'monarchE' ha raggiunto l'endpoint primario registrando un miglioramento statisticamente significativo dell'Idfs nella popolazione candidata al trattamento per i pazienti trattati in adiuvante con Abemaciclib più Et rispetto a quelli trattati con sola Et. In accordo con le linee guida, l'Idfs è stata definita come il periodo di tempo che intercorre prima che si verifichi una recidiva del tumore, che si sviluppi un nuovo tumore o che si verifichi il decesso. Il primo aprile 2022, l'Ema ha approvato Abemaciclib in associazione alla terapia endocrina per il trattamento adiuvante di pazienti adulti con carcinoma mammario in fase iniziale, Hr, Her2, linfonodo-positivo, ad alto rischio di recidiva secondo i criteri della coorte 1 dello studio in oggetto.

"Gli eventi avversi più frequentemente descritti nel braccio Abemaciclib sono stati diarrea, neutropenia e affaticamento; artralgia, vampate di calore e affaticamento nel braccio di controllo; gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati neutropenia, leucopenia e diarrea nel braccio con Abemaciclib e artralgia, neutropenia e aumento delle Alt nel braccio di sola Et", conclude la nota.
Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Avacopan, primo farmaco orale in grado di ridurre l'utilizzo di steroidi per spegnere l'infiammazione nelle vasculiti, è ora approvato e rimborsabile anche in Italia

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Vendo | Veneto
Vendesi attività di studio dentistico in comune limitrofo a Castelfranco Veneto. Lo studio è di circa 130 metri quadri con...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa