Attualità
21/06/2023

Incontro Schillaci-sindacati, rifinanziare fondo sanitario e contratti. Fimmg ribadisce no a dipendenza

In chiaroscuro il giudizio dei sindacati della Triplice - Cgil, Cisl, Uil - dopo l'incontro con il Ministro della Salute Orazio Schillaci. Si è parlato di ridisegnare l'assistenza territoriale, ma anche di rilancio del Servizio sanitario nazionale dopo le marce in sua difesa del 15 giugno in varie città indette dai sindacati (anche dei medici ospedalieri) e dalle associazioni dei pazienti. Non molto soddisfatto è Maurizio Landini, segretario generale Cgil che vede nei nuovi quattro tavoli di confronto da convocare a luglio (contratti pubblici, privati, Rsa e liste d'attesa) l'unico risultato dell'incontro con il ministro. «Sui punti di fondo che avevamo proposto - rifinanziamento del Fondo sanitario nazionale ed adeguamento all'inflazione - non è arrivata nessuna risposta e per quanto ci riguarda dopo questo incontro c'è una ragione in più per manifestare sabato 24 giugno a Roma per il rafforzamento della sanità pubblica. Invitiamo tutti i cittadini a partecipare. Per noi aumentare la spesa sanitaria significa non fare la flat tax, ma tassare le rendite finanziarie i profitti e gli extra profitti», dice Landini ad ADNKronos Salute. Landini aggiunge inoltre di aver chiesto «assunzioni vere, di medici e infermieri, per ridurre le liste d'attesa e per rafforzare il Ssn. Su queste richieste non c'è stata nessuna risposta se non la disponibilità a fare altri tavoli».

Pure il segretario generale Cisl, Luigi Sbarra chiedeva «un deciso rafforzamento del Fondo sanitario nazionale, per sbloccare le assunzioni, stabilizzare i precari, rendere più efficienti i servizi di cura». E di accelerare nel rinnovo del contratto e nella "messa a terra" degli investimenti del Piano nazionale di ripresa e resilienza per «puntare sulla medicina di prossimità». Analoghe richieste dal segretario Uil, Pierpaolo Bombardieri alla vigilia dell'incontro per avere «risposte non solo per le organizzazioni sindacali ma per le persone». Sbarra, successivamente, si è mostrato in parte soddisfatto «perché il ministro si è impegnato non solo a riconvocare i tavoli di confronto, ma anche affinché nella prossima legge di Stabilità siano assicurate le risorse per rinnovare i contratti pubblici». Sulla medicina territoriale, «abbiamo chiesto un forte impegno a dare risposte concrete ai cittadini, abbattere le liste di attesa, rendere più efficienti i servizi di cura e di assistenza: qualità della cura è anche qualità del capitale umano a cominciare dalla necessità di sbloccare le assunzioni e stabilizzare i precari». Misure che passano «da un rafforzamento del Fondo sanitario nazionale, ma anche dal rinnovo dei contratti pubblici e privati. Vorrei ricordare questa vergogna di avere, in qualche comparto della sanità privata, contratti fermi da 12 anni».

Non erano invitati all'incontro i sindacati di categoria medici e in particolare quelli della medicina generale, ma Silvestro Scotti segretario Fimmg ha colto l'occasione dell'incontro per ribadire ad Ansa il "no" del suo sindacato al passaggio dei medici di famiglia alla dipendenza: è "ipotesi che non è ad oggi in agenda, e che ci vede nettamente contrari". Entrando nei contenuti del disegno di Schillaci, c'è poi qualche perplessità sui temi della formazione e del pronto soccorso. Per la formazione servirebbe una riforma "morbida", «il passaggio dall'attuale corso triennale ad una specializzazione universitaria della durata minima di 4 anni, data l'attuale carenza di medici, dovrà essere graduale, per evitare che l'allungamento dei tempi crei ulteriori carenze». Quanto alla possibilità che il medico di famiglia indirizzi direttamente il paziente in reparto anziché in Ps, «una sperimentazione si è fatta in Lombardia con l'istituzione di un `codice blu´ ma il medico andrebbe messo in grado di effettuare esami diagnostici completi, a partire da elettrocardiogrammi e test cardiologici. Ad oggi i nostri studi ancora non hanno la strumentazione necessaria», osserva Scotti. E ricorda che le Regioni non hanno avviato le procedure per impiegare i 235 milioni stanziati già dal 2019. Su analoga lunghezza d'onda il presidente Fnomceo Filippo Anelli, medico di famiglia, che ammonisce: «Le Case di comunità sono una grande opportunità se pensate come motore organizzativo di servizi adeguati al territorio nonché come strumento nelle mani dei medici, senza perdere il rapporto di fiducia con i pazienti e la capillarità». Pina Onotri, Segretario Generale Sindacato Medici Italiani-SMI contesta che «i sindacati di categoria non sono stati convocati». E ribadisce come SMI sostenga da anni una scuola di specializzazione universitaria per i mmg, «come avviene nel resto d'Europa, preservando il territorio come luogo imprescindibile in cui compiere la formazione». Invece, «la normativa vigente affida l'insegnamento della disciplina agli Ordini Provinciali che organizzano i corsi scegliendo docenti e argomenti da trattare con criteri difformi su tutto l'ambito nazionale». Quanto alle Case di Comunità «non si riesce a capire cos'altro queste strutture potrebbero aggiungere alle competenze che già vi sono all'interno del SSN. Fino poco tempo fa avevamo un medico di famiglia in ogni quartiere o in ogni piccolo paesino. Questo servizio essenziale per i cittadini è stato messo in discussione dalla carenza dei medici. Con le "Case", «si rischia di spendere tutti i soldi previsti dal PNRR per un restyling edilizio abbandonando però le aree socialmente più disagiate o meno raggiungibili. Senza un rilancio e un riconoscimento economico per i medici dell'assistenza primaria non vi sarà nessuna riforma che regga».
Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Nella top ten nessun ospedale italiano, ma per la prima volta su 2.400 ospedali in 30 Paesi, l’Italia figura al 35esimo posto con il Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma
All’incontro annuale del World Economic Forum a Davos, l’AD di OpenAI, Sam Altman, ha dichiarato che la prossima ondata di sistemi di AI generativa consumerà molta più energia del previsto
Il vaccino è sicuro, ben tollerato e immunogeno a breve termine, anche nelle persone con Hiv sottolinea lo studio condotto dall'Inmi Lazzaro Spallanzani
I tassi di decesso nelle aree periferiche sono in particolare raddoppiati, con Milano caso esemplare dei grandi centri urbani italiani

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Altro | Emilia-Romagna
Vendo bellissimo e raro irrigatore per uso ginecologico in porcellana bianca, la maggior parte erano in peltro verniciato, progettato dal dott....

EVENTI
Test NGS e tumore al polmone: indicazioni pratiche per un nuovo modello di refertazione
Il 17 gennaio a Roma presso lo Starhotels Metropole si terrà il convegno dal titolo "Test NGS e tumore al...

AZIENDE
Eurosets presenta Landing Advance
Immagine in evidenza Eurosets presenta Landing Advance, un sistema completo e intuitivo che apre nuove frontiere nel campo del monitoraggio multiparametrico in cardiochirurgia...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa


Pacchetto di corsi per 25 ECM

3 corsi Fad per 25 crediti ECM destinati ai medici: Corso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso...