Professione medica
Fascicolo sanitario
19/04/2024

Fascicolo sanitario, le Regioni puntano sui nuovi servizi. Il Garante sulla sicurezza

Le regioni tornano a scommettere sui fascicoli sanitari dei residenti. Ma il Garante della Privacy con sue recenti decisioni rivela che l’investimento chiave sarebbe sulla sicurezza

FSE_articolo_immagine

Le regioni tornano a scommettere sui fascicoli sanitari dei residenti. Ma il Garante della Privacy con sue recenti decisioni, implicitamente, rivela che l’investimento chiave sarebbe sulla sicurezza delle banche dati contenenti i 60 milioni di FSE degli italiani. A scattare in avanti è la Lombardia che in questi giorni offre ai residenti la possibilità ricevere via Sms o via mail le notifiche che di volta in volta le strutture sanitarie o i medici convenzionati aggiungono sul FSE. Nel 'Profilo utente' inoltre è stata introdotta una nuova interfaccia grafica per comunicare al residente le modalità di conferma/adesione al servizio; i cittadini che già ricevono sul cellulare il numero della ricetta elettronica, per conservare il “vantaggio tecnologico” devono confermare l'interesse a mantenere attivo il servizio, o accedendo online dal pc o dal telefonino alla sezione 'Profilo e Impostazioni' Fse; o recandosi negli sportelli di scelta e revoca della Asst; o in alternativa dal medico di famiglia, dal pediatra, in farmacia. La Regione ha avviato una campagna informativa, coinvolgendo medici di medicina generale e farmacie. «Vogliamo far sì che la possibilità di ricevere ricette direttamente sul proprio device diventi la scelta della maggior parte dei lombardi», dice l'assessore al Welfare Guido Bertolaso. Altre regioni stanno cercando di far familiarizzare i residenti. In Toscana l’accesso al Fse riguarda il 90% di chi ha ricevuto ricette od altre notifiche negli ultimi 90 giorni, in Lazio il 25%, in Liguria il 10%, in Val d’Aosta il 40%. Ma il FSE è un’opportunità anche per enti non sanitari come l’Inps. Relatore al Digital Health Forum, Massimiliano D'Angelo, direttore centrale Sistemi informativi e tecnologici dell’istituto, lo vede come luogo dove far confluire i documenti relativi al nuovo iter di assegnazione dell’invalidità civile che parte nel 2025 e come fonte di dati per consentire lo sviluppo di nuovi, più accessibili servizi.

L’ultima newsletter del Garante della Privacy riporta peraltro notizia di importanti sanzioni a titolari di “banche dati” intesi come Asl, Regioni/Province autonome e gestori di sistemi informativi. La vicenda più clamorosa riguarda il cyberattacco scatenato nel Lazio tra il 31 luglio e il 1° agosto di un anno fa, quando un ramsomware fu lanciato da un hacker attraverso il sistema presente nel portatile di un dipendente della Regione ed infettò la banca dati di un’Asl romana. Questo tipo di attacco cripta i dati sensibili dei cittadini con una chiave; chi detiene quest’ultima di solito la rilascia dietro pagamento di un riscatto. È ignoto il danno alle cartelle cliniche dei cittadini, ma questi ultimi ebbero l’amara sorpresa di non poter più prenotare esami e visite o ritirare referti di esami, per 48 ore ed oltre. Non riuscendo ad individuare subito i sistemi compromessi, LAZIOcrea, gestore dei sistemi informatici regionali, spense i server; ciò determinò difficoltà d’accesso, talora di mesi, ad alcuni archivi regionali. “Adozione di sistemi non aggiornati” e mancanza di misure di sicurezza adeguate hanno portato ad una sanzione di 271 mila euro per LAZIOcrea, 120 mila euro per la Regione e 10 mila euro per l’Asl Roma 3. Intanto, molto più a Nord, il Garante sanzionava un’Asl dopo un procedimento avviato a seguito di segnalazioni secondo cui i dossier sanitari degli assistiti non erano attinti dai soli medici (ed infermieri) che li avevano in cura ma anche dal resto del personale. Bastava un’autocertificazione manuale perché anche un amministrativo accedesse ai dati sensibili, in contrasto con le Linee guida sul Dossier sanitario del giugno 2015. Dette linee guida richiedono che l'accesso al dossier sia limitato al solo personale sanitario coinvolto nel processo di cura. Il Garante ha poi accertato ulteriori illeciti, tra cui la mancata predisposizione di un sistema di alert, volto a individuare comportamenti anomali o a rischio da parte degli incaricati al trattamento. La sanzione è stata in tutto di euro 75 mila, a fronte di un comportamento che nasceva da una reinterpretazione della normativa. Il comune denominatore delle due vicende è che i fascicoli sanitari dei 60 milioni di cittadini italiani, ormai avviati in tutte le regioni, hanno bisogno di investimenti per essere messi in sicurezza.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Tra 2019 e 2021 dati Sumai dall'Italia sono andati via oltre 21 mila medici, desiderosi di far valere la specialità, o l’esperienza in cambio di più lauti stipendi
Il presidente Iss elenca le priorità per la sanità italiana, evidenziando che “serve una riforma globale alla luce del fatto che ci possiamo permettere un'assistenza di qualità, pronta e totale, solo attraverso una profonda modifica e rimodulazione"
"Abbiamo tolto i test perché con il test ti giochi il sogno di una vita e soprattutto perché quelli chiusi creano un mercato parallelo della formazione, molto costoso e spesso abbastanza mediocre". Lo ha detto il ministro Anna Maria Bernini,
Nel corso del tempo si è visto come il Long Covid fosse una condizione molto comune e sono numerosi gli studi che si sono concentrati sulla correlazione tra infezione e problemi a livello cerebrale. Se ne parlerà a Roma il 21 maggio presso il Centro Studi Americani

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Altro | Tutta Italia
Mi chiamo Federica Libbia, sono vedova.  Scrivo questo con le lacrime agli occhi perché sono delusa dalla vita.  Non ho...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa


Pacchetto di corsi per 25 ECM

3 corsi Fad per 25 crediti ECM destinati ai medici: Corso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso...