Anticoagulanti

Anticoagulante orale e Asa low-dose in Linee Guida Esc per sindromi coronariche croniche e diabete

set112019

Anticoagulante orale e Asa low-dose in Linee Guida Esc per sindromi coronariche croniche e diabete

Nelle nuove linee guida di pratica clinica sulla gestione del diabete e delle sindromi coronariche croniche, della European society of cardiology (Esc) recentemente pubblicate, rivaroxaban a dosaggio vascolare associato ad acido acetilsalicilico (Asa)...
transparent
Anticoagulanti, combinazioni pericolose: in Uk prescritte a più di 30mila pazienti

set32019

Anticoagulanti, combinazioni pericolose: in Uk prescritte a più di 30mila pazienti

Più di 30mila pazienti del Regno Unito avrebbero ricevuto, nel corso del 2018, prescrizioni contenenti combinazioni di farmaci pericolose: al centro dell'allarme lanciato dal sistema sanitario britannico (Nhs), le combinazioni di antinfiammatori,...
transparent
Anticoagulanti utili nella nefropatia, ma nelle fasi avanzate meglio l’approccio personalizzato

lug252019

Anticoagulanti utili nella nefropatia, ma nelle fasi avanzate meglio l’approccio personalizzato

Nella malattia renale cronica in fase iniziale, i nuovi anticoagulanti orali non antagonisti della vitamina K (NOAC) sembrano essere utili per prevenire l'ictus o la tromboembolia, mentre nella malattia avanzata i benefici non sono chiari. Questo è...
transparent
Anticoagulanti, a pari efficacia l’Asl può dire al medico di prescrivere il principio meno caro

mag282019

Anticoagulanti, a pari efficacia l’Asl può dire al medico di prescrivere il principio meno caro

A parità di efficacia tra due anticoagulanti orali di nuova generazione (Nao) è legittimo che l'Asl chieda al medico di prescrivere il meno costoso. La richiesta dell'Asl, in linea con i dettami regionali, non implica che l'azienda sanitaria...
transparent
Anticoagulanti e uso di inibitori della pompa protonica influenzano il rischio di sanguinamento

dic112018

Anticoagulanti e uso di inibitori della pompa protonica influenzano il rischio di sanguinamento

Secondo uno studio retrospettivo pubblicato su JAMA, apixaban avrebbe il vantaggio di causare il più basso rischio di sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore tra gli anticoagulanti orali, e tale rischio potrebbe essere addirittura...
transparent
Interazioni tra farmaci, una panoramica sui profili dei nuovi anticoagulanti orali

ago32018

Interazioni tra farmaci, una panoramica sui profili dei nuovi anticoagulanti orali

Uno studio pubblicato su Pharmacological Research presenta una panoramica dei profili farmacodinamici e farmacocinetici dei nuovi anticoagulanti orali (NOAC) e delle loro potenziali interazioni con altri farmaci. «L'uso del warfarin, l'anticoagulante...
transparent

lug232018

Fans e anticoagulanti orali: assumerli assieme aumenta il rischio emorragico e quello trombotico

L'associazione tra anti-infiammatori non steroidei (FANS) e anticoagulanti orali nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) aumenta il rischio emorragico e di ictus, secondo un'analisi post-hoc dello studio RE-LY pubblicata sul Journal of the American...
transparent
Farmaci Doac, possibile impiego nel post-infarto grave per la prevenzione di eventi trombotici

feb202018

Farmaci Doac, possibile impiego nel post-infarto grave per la prevenzione di eventi trombotici

L'aggiunta a una terapia antipiastrinica (Apt) di un anticoagulante ad azione diretta - appartenente alla classe dei cosiddetti Doac, noti anche come Nao o Noac, farmaci normalmente impiegati per ridurre il rischio trombotico nella fibrillazione atriale...
transparent

dic152017

Anticoagulanti, linee guida Usa su gestione del sanguinamento

L'American College of Cardiology ha pubblicato su Jacc le linee guida sulla gestione del sanguinamento acuto in pazienti in terapia con anticoagulanti orali (Oac), sia diretti (Doac) sia antagonisti della vitamina K. «L'uso dei DOAC è ormai comune...
transparent
Fibrillazione atriale, il 30% dei pazienti non riceve trattamento anticoagulante

dic132017

Fibrillazione atriale, il 30% dei pazienti non riceve trattamento anticoagulante

In Italia l'8.3% degli individui al di sopra dei 65 anni di età è affetto da fibrillazione atriale, la forma più frequente di aritmia cardiaca legata all'età, alla presenza di ipertensione, a infarto pregresso, e che in alcuni...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community