Anticoagulanti

Anticoagulanti orali diretti e interazioni farmacologiche: serve una valutazione attenta. Lo studio

giu292022

Anticoagulanti orali diretti e interazioni farmacologiche: serve una valutazione attenta. Lo studio

Secondo uno studio pubblicato su Pharmaceutics, considerando i dati disponibili derivati da studi clinici specifici o analisi di registri, l'uso di anticoagulanti orali diretti (DOAC) è associato a un minor numero di interazioni farmacologiche...
transparent
Acido acetilsalicilico, i benefici per il rischio di arresto cardiaco a confronto con farmaci anticoagulanti

giu202022

Acido acetilsalicilico, i benefici per il rischio di arresto cardiaco a confronto con farmaci anticoagulanti

L'uso dell'acido acetilsalicilico può ridurre i tassi di arresto cardiaco, ma questo non si può dire per altri farmaci anticoagulanti. Questo almeno secondo una nuova ricerca olandese pubblicata su PlosOne . Lo studio, condotto da Talip...
transparent
Sepsi, solo pochi e selezionati pazienti possono beneficiare della terapia anticoagulante. Ecco quali

giu152022

Sepsi, solo pochi e selezionati pazienti possono beneficiare della terapia anticoagulante. Ecco quali

La coagulazione intravascolare disseminata (Cid) è una delle principali disfunzioni d'organo associate alla sepsi, la terapia anticoagulante è quindi spesso utilizzata per ridurne le complicanze. Tuttavia, questa terapia sembra avere efficacia...
transparent

giu142022

Anticoagulanti orali diretti a dose ridotta, una revisione ne valuta efficacia e sicurezza. I risultati

Esistono due terapie a base di anticoagulanti diretti (DOAC) a dosaggio ridotto: l'aggiustamento della dose e il trattamento a bassa intensità. Il primo, indicato nella fibrillazione atriale (FA), non andrebbe utilizzato per il trattamento del...
transparent
Nuovi anticoagulanti orali, in 20 mesi prescrizioni in crescita con aumento contenuto di spesa. Il punto sulla Nota 97

mag272022

Nuovi anticoagulanti orali, in 20 mesi prescrizioni in crescita con aumento contenuto di spesa. Il punto sulla Nota 97

Nei primi 20 mesi di applicazione della Nota 97 (Determinazione Aifa del 12 giugno 2020, n. 653) per la prescrizione dei farmaci anticoagulanti orali nei pazienti con Fibrillazione atriale non valvolare (FANV), si registra un incremento nel numero delle...
transparent
Covid-19, possibili emorragie nei pazienti in terapia intensiva sotto anticoagulanti a dose elevata

mar72022

Covid-19, possibili emorragie nei pazienti in terapia intensiva sotto anticoagulanti a dose elevata

Secondo uno studio pubblicato su Hospital Pharmacy, i pazienti ricoverati per COVID-19 nell'unità di terapia intensiva (ICU) a cui vengono prescritti anticoagulanti a dose piena hanno una probabilità significativamente maggiore di sviluppare...
transparent

feb222022

Ictus, nei pazienti in terapia anticoagulante la trombolisi non aumenta il rischio emorragico

Trattando con il farmaco trombolitico alteplase i pazienti colpiti da un ictus e già in terapia anticoagulante a lungo termine, la prognosi si è rivelata migliore rispetto a chi non ha ricevuto il farmaco, senza mostrare alcun aumento del...
transparent
Farmaci anticoagulanti orali, Aifa: dal 1° aprile prescrizione solo con Ts

feb142022

Farmaci anticoagulanti orali, Aifa: dal 1° aprile prescrizione solo con Ts

La piattaforma per la prescrizione con piano terapeutico degli anticoagulanti orali (Nao) ai pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (Fanv) sarà attiva fino al 31 marzo, a partire dal 1° aprile 2022 entrano in piena operatività...
transparent

gen202022

Anticoagulanti per il tromboembolismo venoso dei giovani: la giusta durata della terapia

In pazienti con meno di 21 anni di età colpiti da tromboembolismo venoso provocato, una terapia anticoagulante lunga 6 settimane si è dimostrata non inferiore a una convenzionale della durata di 3 mesi. È quanto emerso da uno studio clinico...
transparent
Anticoagulanti efficaci nel ridurre la mortalità a 60 giorni nei pazienti Covid ricoverati

giu172021

Anticoagulanti efficaci nel ridurre la mortalità a 60 giorni nei pazienti Covid ricoverati

Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open, nei pazienti ricoverati per Covid-19 la somministrazione di una terapia anticoagulante a dosi utilizzate abitualmente per la profilassi è in grado di ridurre la mortalità a 60 giorni....
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi