Governo e Parlamento
Autonomia differenziata
23/04/2024

Autonomia differenziata, ecco i rischi potenziali per la sanità del Sud

Se ne è parlato nell’incontro tenuto a Bologna da Anaao Assomed. La sanità è la materia in cui si vedono le crepe originate dal regionalismo nel tessuto del paese

AUTONOMIA-DIFFERENZIATA-1

«Controrisorgimento», questo il termine che Vincenzo De Luca usa quando parla di “devolution”. Per il governatore della Campania, protagonista con i governatori emiliano Stefano Bonaccini e ligure Giovanni Toti (quest’ultimo presente con un messaggio) dell’incontro tenuto a Bologna da Anaao Assomed, il disegno di legge del ministro delle Riforme, il leghista Roberto Calderoli, sulle conseguenze dell’autonomia differenziata delle regioni del Nord è «distruttivo dell’unità d’Italia». E la sanità è la materia in cui già oggi si vedono le crepe originate dal regionalismo nel tessuto del paese. De Luca osserva che l’autonomia ha un costo, pagato in termini economici dai contribuenti delle regioni che non l'avranno, in termini umani dal Mezzogiorno con disservizi ed emigrazione di pazienti e professionisti. «Ci sono elementi di truffa politica e comunicativa quando si dice che l’autonomia si fa senza oneri aggiuntivi. Come si fa, senza interventi dello Stato, a garantire livelli essenziali di prestazioni che oggi gran parte delle regioni non erogano? Abbiamo una spesa sanitaria al 6,3% del Prodotto interno lordo, cui mancano almeno 30 miliardi facendo le proporzioni con Francia e Germania. Eppure, si tratta di una priorità assoluta, se la gente non sta bene non c’è Pil. E questa proporzione non cambierà, perché la ripartizione del Fondo sanitario avviene ed avverrà sulla base della spesa storica fin qui sostenuta in ogni regione». Una spesa che ad esempio in Campania, sottolinea De Luca, lascerà la dotazione di personale «a 11,7 addetti ogni 1000 abitanti contro i 16,8 del Piemonte, i 19 dell’Emilia-Romagna. Nella nostra regione abbiamo affrontato la pandemia, con grandi risultati, con 15 mila dipendenti in meno. Oggi per ogni residente riceviamo 40 euro in meno del Veneto e 60 in meno dell’Emilia-Romagna, due regioni che una volta autonome potranno contare sul residuo fiscale dei loro residenti contribuenti e, con la Lombardia, potranno utilizzare questi fondi per sottoscrivere con il personale contratti integrativi attraendo professionisti dalle altre regioni d’Italia». Altro tema ricordato da De Luca, i criteri di riparto della spesa che avvantaggiano le regioni del Centro-Nord: «La Costituzione prevede che il riparto del Fondo sanitario nelle regioni avvenga sulla base non solo della pesatura dei cittadini per età anagrafica ma anche dell’attesa di vita e della deprivazione sociale. Per 10 anni ci è stato detto che, contando la Campania più residenti giovani, c’erano meno malattie e la salute costava meno, anche se la nostra aspettativa di vita è 2 anni inferiore alla media italiana. Solo dopo un nostro ricorso al Tar Lazio, da noi vinto, il governo Draghi ha introdotto la pesatura con i due criteri dimenticati. Ma si è fatto in modo che l’età anagrafica valga per il 99% del riparto e l’aspettativa di vita e la deprivazione sociale per lo 0,5 % ciascuna. Il risultato di ciò è che i pronti soccorso non reggono più, che non abbiamo la possibilità di mandare il personale sanitario nelle aree interne, che non sono possibili adeguamenti salariali, che la carenza di personale cresce, anche nelle 170 case di comunità cui stiamo lavorando. L’autonomia peggiorerà tutto questo».

Per Francesco Pallante associato di Economia Politica all’Università di Torino, protagonista dei lavori con Francesco Porcelli docente all’Università di Bari, l’autonomia differenziata affronta un problema collettivo, l’insostenibilità dei diritti fondamentali dei cittadini con gli attuali finanziamenti, con soluzioni anticostituzionali. «Nel 2023 la Consulta nella sentenza 71 ha sancito che il finanziamento di un livello essenziale di prestazione-LEP posto a garanzia di un diritto fondamentale del cittadino è inscindibile dal “LEP” stesso. Cioè, il sistema tributario non può prendere meno risorse di quelle che servono per finanziare ovunque nel Paese i diritti garantiti». Una premessa: ogni regione affronta una spesa diversa per produrre sul proprio territorio le prestazioni atte a sostenere un diritto. Per essere sicuri di mantenere esigibile quel diritto in tutte le regioni si dovrebbe erogare la prestazione a sostegno di esso non al costo sostenuto nella regione più virtuosa ma a quello della regione dove il diritto è meno sostenibile. «La Costituzione fissava come pre-condizione indispensabile per finanziare correttamente i LEP l’imposizione progressiva prevista all’articolo 53 della Carta», avverte Pallante. «Nel 1973 le aliquote Irpef erano 32 e andavano a crescere con il reddito, la minima era al 10% e la massima al 72%. Oggi tale imposizione non c’è più. Abbiamo, a parte l’evasione, tre aliquote e il governo ne progetta una sola, con cui dovremmo finanziare le spese sia per i diritti fondamentali sia per i diritti facoltativi, per i quali in realtà i fondi dovrebbero esserci solo dopo che lo stato ha assicurato i diritti fondamentali (ad esempio prima di finanziare la scuola privata bisognerebbe sincerarsi di finanziare adeguatamente la scuola pubblica)». Nel Ddl Calderoli, aggiunge Pallante, non si prevedono poi gli oneri della riforma. «Le regioni del Nord che hanno chiesto l’autonomia trarranno le risorse per attuare i LEP dal residuo fiscale delle tasse pagate dai loro residenti (54 miliardi in Lombardia, 18 in Veneto, 17 in Emilia-Romagna) in base ad una trattativa condotta dai rispettivi governatori e dal ministro delle riforme. Nelle altre regioni i finanziamenti resterebbero quelli fissati dalla spesa storica, tranne nelle regioni oggi impossibilitate ad erogare alcune prestazioni fondamentali (queste ultime dovrebbero trarre risorse aggiuntive dal fondo di perequazione ndr). L’insieme delle misure sarebbe sostenuto dalla diminuzione della spesa statale attraverso l’affidamento di funzioni, personale e dotazioni alle regioni autonome. In realtà l’Ufficio di Bilancio della Ragioneria dello Stato ha replicato che nelle regioni a statuto ordinario rimaste, facendo meno economie di scala, i costi di produzione dei LEP supereranno gli attuali».

Tra i contributi al convegno anche quello di Giovanni Migliore, presidente Federazione aziende sanitarie ed ospedaliere-FIASO, che disillude i critici della “devolution": «In sanità sperimentiamo l’autonomia regionale da quasi 25 anni. La modifica del Titolo V del 2001 ha creato di fatto 21 sistemi sanitari. La riforma può e deve essere dunque un’opportunità per garantire maggiore equità e stabilità al sistema sulla base dell’esperienza che abbiamo maturato».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
L'indagine della Commissione Affari sociali della Camera sull'emergenza-urgenza in Italia e la situazione dei pronto soccorso, fotografa "una situazione difficile, che oggi in Italia rappresenta la 'punta dell'iceberg'
Il ministro della Salute Orazio Schillaci, nel suo intervento all'ottava edizione di Rcs Academy, sì è soffermato su medicina territoriale e università
Il governo ha considerato ancora una volta insufficienti due mesi di tempo per riempire i posti lasciati vuoti all’ultimo momento da corsisti che cambiano indirizzo e tentano il corso di specializzazione, o rinunciano
La circolare firmata dal direttore della Prevenzione Francesco Vaia, contiene le più recenti indicazioni Oms sulla composizione dei vaccini antinfluenzali

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Altro | Tutta Italia
Mi chiamo Federica Libbia, sono vedova.  Scrivo questo con le lacrime agli occhi perché sono delusa dalla vita.  Non ho...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa


Pacchetto di corsi per 25 ECM

3 corsi Fad per 25 crediti ECM destinati ai medici: Corso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso...