Malattie del sistema cardiovascolare

Mortalità cardiovascolare, aumentare il consumo di olio di oliva si associa a rischio più basso

gen192022

Mortalità cardiovascolare, aumentare il consumo di olio di oliva si associa a rischio più basso

Assumere più di mezzo cucchiaio di olio di oliva al giorno si associa a un rischio più basso di mortalità per malattie cardiovascolari, per cancro, per malattie neurodegenerative e per malattie respiratorie. A dirlo è un...
transparent

ott142021

Malattie cardiovascolari, una survey di Cittadinanzattiva fotografa la gestione delle patologie in Lombardia

Sono 5,5 milioni le persone che nel nostro Paese soffrono di malattie cardiovascolari . Queste patologie sono la prima causa di ricovero ospedaliero e rappresentano ancora la principale causa di morte, interessando quasi il 36% di tutti i decessi. Uno...
transparent
Farmaci antipertensivi evitano malattie cardiovascolari anche partendo da valori non elevati

mag52021

Farmaci antipertensivi evitano malattie cardiovascolari anche partendo da valori non elevati

I farmaci utilizzati per abbassare la pressione sanguigna possono prevenire gravi patologie cardiovascolari come ictus, insufficienza cardiaca e attacchi di cuore anche negli adulti con pressione sanguigna normale, secondo uno studio pubblicato su Lancet....
transparent
Malattie cardiovascolari, efficace polipillola in aggiunta ad Asa. Ecco lo studio

nov252020

Malattie cardiovascolari, efficace polipillola in aggiunta ad Asa. Ecco lo studio

Il trattamento combinato con una polipillola in aggiunta ad aspirina ha ridotto del 21% l'incidenza di eventi avversi cardiovascolari maggiori rispetto al placebo in pazienti senza malattie cardiovascolari a rischio cardiovascolare intermedio, secondo...
transparent
Malattie cardiovascolari, una sola polipillola efficace per prevenire infarti e ictus

set62019

Malattie cardiovascolari, una sola polipillola efficace per prevenire infarti e ictus

Secondo i risultati di uno studio pubblicato su Lancet, una pillola con più componenti a dose fissa da assumere una volta al giorno è risultata efficace nella prevenzione di eventi cardiovascolari gravi negli adulti residenti in regioni...
transparent

nov292018

Patologie cardiovascolari, focus a Milano sulla salute della donna. Genere femminile sottorappresentato negli studi

Un'iniziativa di formazione e aggiornamento condotta dalla classe medica femminile per la classe medica femminile, caratterizzata da un'ampia serie di interventi focalizzati sulla cardiologia di genere. Sono stati questi i temi che hanno caratterizzato...
transparent
Giornata mondiale cuore, dagli esperti le strategie per ridurre la mortalità

set242018

Giornata mondiale cuore, dagli esperti le strategie per ridurre la mortalità

Nonostante le malattie cardiovascolari siano la prima causa di morte nella Penisola, responsabili del 44% sul totale decessi, solo il 38% dei pazienti ad alto rischio è davvero consapevole della propria condizione. È questo uno degli aspetti messi...
transparent
Il bere moderato si associa a una riduzione del rischio di molte malattie cardiovascolari

mar282017

Il bere moderato si associa a una riduzione del rischio di molte malattie cardiovascolari

Secondo uno studio sul Bmj, primo autore Steven Bell , del Research Department of Epidemiology and Public Health dell'University College di Londra, una moderata assunzione di alcol si associa a una riduzione del rischio di molte malattie cardiovascolari,...
transparent

feb172017

Cuore e vasi: l’abuso prolungato di amfetamine può accelerarne l’invecchiamento

L'uso ricreativo di amfetamine conosciute come ecstasy, ice e speed può accelerare l'invecchiamento biologico del cuore, secondo i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Heart Asia e coordinato da Albert Stuart Reece , professore associato...
transparent
Calcio coronarico nei giovani adulti associato a rischio cardiovascolare successivo

feb102017

Calcio coronarico nei giovani adulti associato a rischio cardiovascolare successivo

Secondo uno studio pubblicato su Jama Cardiology, la presenza di depositi di calcio coronarico negli adulti tra 32 e 46 anni di età si associa a un aumento di 5 volte del rischio di eventi coronarici fatali e non. «La quantità di calcio...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi