Governo e Parlamento
Pnrr
30/04/2024

Pnrr, Gimbe: rispettate scadenze europee ma differenze regionali su assistenza domiciliare

Scadenze europee rispettate e step intermedi in linea ma su Adi dato nazionale distorto da risultati differenti Regioni. Sicilia, Campania e Sardegna arrancano

fondi sanità

Tutte rispettate le scadenze europee della Missione Salute del Pnrr al 31 marzo scorso, tuttavia, il raggiungimento degli obiettivi nazionali sull'assistenza domiciliare integrata è condizionato da rilevanti differenze regionali, conseguenti sia al "punto di partenza" delle Regioni del Mezzogiorno, sia alle loro capacità di recuperare il gap con l'avvio del Pnrr". È quanto evidenzia il monitoraggio indipendente condotto dalla Fondazione Gimbe che, analizzando gli step intermedi dell’attuazione del Pnrr, accende un faro sul capitolo assistenza domiciliare, sul quale alcune regioni sembrano arrancare più di altre. Nel dettaglio Sicilia, Campania e Sardegna. "Anche se non condizionano l'erogazione dei fondi del Pnrr - spiega il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta - questi step intermedi richiedono un attento monitoraggio perché potrebbero compromettere le correlate scadenze europee".

Entro le scadenze fissate, rileva il report, sono stati raggiunti tutti quelli previsti nel 2021 e 2022. Relativamente al 2023, sono stati differiti tre target: due da giugno 2023 a giugno 2024, ovvero la 'Stipula di un contratto per gli strumenti di intelligenza artificiale a supporto dell’assistenza primaria' e la 'Stipula dei contratti per la realizzazione delle Centrali operative territoriali'. L’ulteriore target 'Nuovi pazienti che ricevono assistenza domiciliare (prima parte)' differito da marzo 2023 a marzo 2024 è stato raggiunto alla scadenza prevista, insieme alla seconda parte dello stesso target, prevista per marzo 2024. "Raggiunti gli obiettivi per l'assistenza domiciliare integrata (Adi) negli over 65 - commenta Cartabellotta - i ritardi attuali sulle scadenze nazionali non sono particolarmente critici. Tuttavia, il raggiungimento degli obiettivi nazionali sull'Adi è condizionato da rilevanti differenze regionali". In particolare, il target intermedio per raggiungere l'obiettivo al 2026 di circa 1,5 milioni di over 65 in Adi, a fronte di una media nazionale del 101% che rappresenta la percentuale di incremento al 31 dicembre 2023, vede in testa la Provincia Autonoma di Trento (235%), Umbria (206%), Puglia (145%) e Toscana (144%). Risultati che compensano quelli di Sardegna (77%), Campania (62%) e, soprattutto, Sicilia che rimane fanalino di coda all'1%".

Il monitoraggio di Gimbe prende poi in considerazione la rimodulazione della Missione 6 Salute. Se la sua dotazione finanziaria è rimasta invariata (a 15,6 miliardi), sono stati previsti una riduzione delle Case della Comunità (-312), delle Centrali Operative Territoriali (-120) e Ospedali di Comunità (-93) e interventi di antisismica (-25). "L'unica certezza - afferma Cartabellotta - è che tutto quanto espunto dal piano di rimodulazione potrà essere realizzato solo dopo giugno del 2026, data di scadenza ultima delle opere del Pnrr". La rimodulazione stabilisce anche una riduzione dei posti letto di terapia intensiva (-808) e semi-intensiva (-995). Aumento, invece, degli over 65 da prendere in carico in assistenza domiciliare (da almeno 800 mila a 842 mila) e dei pazienti assistiti in telemedicina (da almeno 200 mila a 300 mila). Differimenti temporali sono poi introdotti per l'attivazione delle Centrali Operative Territoriali dal 30 giugno 2024 al 31 dicembre 2024 (+ 6 mesi) e per l'installazione delle grandi apparecchiature dal 31 dicembre 2024 al 30 giugno 2026 (+ 18 mesi). "Un differimento temporale - commenta il Presidente della Fondazione Gimbe - motivato da criticità minori, quali lo smaltimento delle vecchie apparecchiature e l'adeguamento dei locali". Il rispetto delle scadenze future, sottolinea ancora Cartabellotta, sarà condizionato dalle criticità di attuazione della riforma dell'assistenza territoriale nei 21 servizi sanitari regionali. In particolare, il ruolo dei medici di famiglia e la grave carenza infermieri. Su quest'ultimo punto Cartabellotta riporta tre dati: innanzitutto, nel 2021, il numero di infermieri in Italia è pari a 6,2 per 1.000 abitanti (media Ocse di 9,9), con rilevanti differenze regionali e un fabbisogno stimato da Agenas tra 19.450 a 26.850 unità. In secondo luogo, gli stipendi non adeguati, ben al di sotto della media Ocse (EUR 35.030 vs EUR 44.250 a dicembre 2021). Inoltre, negli ultimi 20 anni il potere di acquisto dei loro stipendi si è ridotto sia nel periodo 2000-2019 (-1,5%), sia nel periodo 2019-2021 (-1%), più che in ogni altro Paese Ocse. "La Missione Salute del Pnrr - conclude Cartabellotta - è indubbiamente una grande opportunità per potenziare il Ssn, ma solo nell'ambito di un rilancio complessivo della sanità pubblica. Ovvero, non può essere la "stampella" per sostenere un Ssn claudicante".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Entro dicembre, i cittadini potranno utilizzare il Fascicolo sanitario elettronico in modo operativo per ottenere varie prestazioni. Le novità sono state presentate alla stampa oggi
I punti di avvicinamento e le discrepanze più evidenti fra i modelli di riforma della sanità messi al tavolo dai maggiori partiti. Tra un’opposizione che vorrebbe rifinanziare la sanità e un governo osservante dei parametri europei
“Con il Pnrr abbiamo assegnato oltre mezzo miliardo di euro al potenziamento della ricerca biomedica del Servizio sanitario nazionale”. Le parole del ministro della Salute, Orazio Schillaci all'evento 'Improving human life and technology'
"La Commissione per lo studio e l'approfondimento delle problematiche relative alla colpa professionale medica ha compiuto un ottimo lavoro e ha consegnato la sua relazione". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Carlo Nordio

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Vendo | Veneto
Vendesi attività di studio dentistico in comune limitrofo a Castelfranco Veneto. Lo studio è di circa 130 metri quadri con...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa