Medicina Interna

Covid-19, la posizione prona in pazienti non intubati migliora l’ossigenazione

giu222020

Covid-19, la posizione prona in pazienti non intubati migliora l’ossigenazione

In pazienti con Covid-19 e grave insufficienza respiratoria ipossiemica, svegli e che respirano spontaneamente, la posizione prona è stata associata a un miglioramento dell'ossigenazione. A dirlo è un piccolo studio americano che ha anche...
transparent

giu222020

Coronavirus, la trasmissione asintomatica è ancora una questione aperta

Secondo il parere espresso dall'epidemiologa Maria Van Kerkhove dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) durante la conferenza stampa dello scorso 8 giugno, la trasmissione del coronavirus da persone asintomatiche è molto rara....
transparent

giu222020

Mangiare sano previene le malattie cardiovascolari anche con modelli alimentari diversi

Uno studio pubblicato su Jama Internal Medicine suggerisce che un maggior aderenza a diversi modelli dietetici sani è associata a un minor rischio di malattie cardiovascolari (Cvd). «Queste scoperte supportano le raccomandazioni del Dietary Guidelines...
transparent

giu222020

L’interruzione dei ritmi circadiani si associa a una successiva diagnosi di Parkinson

Gli anziani che hanno un ritmo circadiano irregolare che guida i loro cicli quotidiani di riposo e attività hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia di Parkinson , secondo uno studio pubblicato su Jama Neurology firmato dai...
transparent

giu222020

Ai pazienti oncologici vengono prescritti meno farmaci cardioprotettivi

Con l'aumentare dei sopravvissuti al cancro grazie ai moderni trattamenti, le malattie cardiovascolari (Cvd) sono in crescita tra i pazienti con storia oncologica presente o passata, collocandosi tra le principali cause di morte prevenibile in questa...
transparent
Covid-19, nei pazienti sottoposti a chirurgia aumenta il rischio di morte nel post-operatorio

giu82020

Covid-19, nei pazienti sottoposti a chirurgia aumenta il rischio di morte nel post-operatorio

I pazienti operati dopo aver contratto l'infezione da coronavirus sono ad aumentato rischio di decesso post-operatorio secondo uno studio su The Lancet, da cui emerge che tra i soggetti contagiati dal Sars-CoV-2 e sottoposti a chirurgia i tassi di mortalità...
transparent
Diabete 1, durante il lockdown migliore controllo della glicemia

giu82020

Diabete 1, durante il lockdown migliore controllo della glicemia

Due studi condotti su adulti con diabete di tipo 1 , uno in Italia l'altro in Spagna, sono giunti a una conclusione simile: durante la quarantena dovuta a Covid-19 sembra che questi pazienti, che hanno utilizzato dispositivi per il monitoraggio del...
transparent
Nei casi gravi di Covid-19 si osserva un blocco completo della fibrinolisi

giu82020

Nei casi gravi di Covid-19 si osserva un blocco completo della fibrinolisi

Da uno studio sul Journal of American College of Surgeons emerge che l'infezione da Covid-19 causa non solo ipercoagulabilità, ma anche una sorta di arresto della fibrinolisi che aumenta in modo significativo il rischio di tromboembolia venosa...
transparent
L’apatia nella demenza di tipo Alzheimer non migliora con il bupropione

giu82020

L’apatia nella demenza di tipo Alzheimer non migliora con il bupropione

Nei pazienti con demenza di tipo Alzheimer (Dat) e senza umore depresso, il bupropione, sebbene sicuro, non riduce l'apatia rispetto al placebo. A dirlo è uno studio pubblicato su Jama Network Open. Come spiegano Franziska Maier , dell'University...
transparent
L’ipertensione da iperaldosteronismo primitivo è più comune di quanto si pensi

giu82020

L’ipertensione da iperaldosteronismo primitivo è più comune di quanto si pensi

Un iperaldosteronismo primitivo (Pa) potrebbe essere la causa principale di ipertensione nel 16-22% dei casi, secondo uno studio su Annals of Internal Medicine firmato dai ricercatori di quattro centri statunitensi che hanno analizzato una coorte...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>