Professione medica
Infermieri
10/07/2024

Assistenza domiciliare infermieristica, più efficace e meno costosa. L’indagine

L’assistenza domiciliare infermieristica funziona. Il 91,7% dei pazienti è soddisfatto e la promuove. Il voto complessivo sulla qualità delle cure ricevute è 9,3/10

infermieri-oss-futuro

L’assistenza domiciliare infermieristica funziona. Il 91,7% dei pazienti è soddisfatto e la promuove. Il voto complessivo sulla qualità delle cure ricevute è 9,3/10, e sale a 9,4 tra gli anziani. Altra notizia: a garantire l’Adi con personale infermieristico è il 92% delle Asl intervistate e i tempi medi di attivazione sono di 2 giorni. I numeri vengono dall’indagine Aidomus-IT “Il contributo dell’infermieristica per lo sviluppo della territorialità”, promossa dalla Federazione degli ordini delle professioni infermieristiche-Fnopi e curata dal CERSI, che nel 2023 ha interpellato dirigenti sugli aspetti organizzativi, 3949 infermieri del comparto sulle caratteristiche della loro attività e delle condizioni di lavoro e pazienti su qualità e soddisfazione per l’assistenza ricevuta. Partiamo da qui: il 91,7% dell’utenza dichiara di essere sempre stata trattata con cortesia e rispetto, l’86% di aver percepito che gli infermieri si stessero prendendo cura di loro, l’83,3% di essere stata ascoltata attentamente, l’82% di essere stata sempre informata su tempi e modi dell’intervento. Gli over 65 presi in carico sono 49,5 su 1.000: 16,8 di questi soffrono di gravi limitazioni per disabilità e 8,2 sono malati cronici.

Le Asl che si avvalgono di soli infermieri dipendenti sono 71 su 77 aderenti al sondaggio. Il numero medio di attività erogate per Asl (su un totale di 17) è 10,1, sia a Nord sia a Sud. Il percorso per il paziente oncologico è presente nel 40,3% delle strutture e le attività per i cronici sono erogate nel 74%, quelle per gli utenti disabili dal 59,7%. Metà circa delle Asl eroga consulenze infermieristiche specialistiche e i servizi di sanità digitale sono presenti in 52 aziende su 100, 26 erogano Teleassistenza. Vengono erogati nella quasi totalità delle Asl: prelievi ematici, medicazioni semplici e avanzate, somministrazione di farmaci, gestione di device, educazione terapeutica, educazione sanitaria, formazione dei caregiver, monitoraggio e misurazioni delle condizioni di salute, valutazione delle condizioni familiari, cure palliative, procedure clinico assistenziali come gestione del catetere vescicale, gestione della nutrizione e dei dispositivi per la nutrizione enterale. L’83,8% degli infermieri rispondenti ha dichiarato di essere soddisfatto o molto soddisfatto del proprio lavoro. Solo il 20,1% degli intervistati, se potesse, lo lascerebbe entro un anno. Un 37% dichiara un carico di lavoro medio-alto e un 10,3% carico decisamente elevato. Pagina amara il numero di episodi di violenza, il 20,5% dichiara di averne subiti negli ultimi 12 mesi. Il 2,6% ha dichiarato di aver subito una violenza verbale con contatto fisico. Tra chi ha subito episodi di violenza, il 36,9% dichiara di averne subiti tre o più negli ultimi 12 mesi.

Lo studio ha poi calcolato in 138,73 euro il costo giornaliero di un infermiere delle cure domiciliari, fra tempo speso a domicilio (circa 24 minuti ad accesso), viaggio, ritorno in struttura ed attività di back-office su una media di 6,84 accessi/pazienti al giorno. Le stime sono confermate dall’analisi di 12 capitolati di gara in 10 regioni da cui risulta che alle Asl un infermiere costa, anche secondo capitolato d’appalto, 152,12 euro per 6,64 accessi. Se la gestione è a carico del SSN si registra un risparmio. Si risparmia anche in rapporto al tariffario ambulatoriale infermieristico 2023: infatti, il valore della produzione garantita è pari a 636,31 euro al giorno. «È auspicabile implementare modelli che prevedano il coinvolgimento di infermieri con formazione specifica nelle cure territoriali», osserva il Comitato centrale FNOPI. «Riguardo alle necessità espresse dai pazienti, l’indagine ha mostrato un’utenza soddisfatta. L’indagine sulla soddisfazione degli infermieri dimostra una maggiore attrattività del setting domiciliare specifico. I dati rilevati sulle missed care (cure mancate) permetteranno, con approfondimenti futuri, di determinare i predittori delle nursing missed care sul territorio (anche riferiti alla singola attività) con ricadute positive sui costi dell’assistenza in termini di re-ricoveri impropri». L’indagine si è svolta in un contesto dove le Case della comunità sono diffuse nel 27,3% delle Asl mentre i servizi di sanità digitale sono presenti nel 57,1%. Delle 74 Asl rispondenti sul sistema di cartella infermieristica utilizzato, 61 (82,4%) ne hanno una territoriale mista (cartacea e informatica), 8 solo cartacea e 5 solo informatica. «Attraverso case della comunità o unità di degenza infermieristiche –osserva Fnopi– sarebbe possibile incrementare quantità e complessità degli interventi erogati in ambito territoriale, senza il coinvolgimento delle strutture ospedaliere, con un evidente impatto in termini di risposte ai problemi di salute del cittadino e di riduzione dei costi sanitari».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
L’ordinanza della Corte di Cassazione 18344 del 4 luglio scorso ha sancito che insistere con le cause per avere quelle borse e gli interessi può configurare lite temeraria: non solo chi ricorre perde ma paga le spese di soccombenza
Nei giorni scorsi è avvenuta una importante saldatura. Sette confederazioni hanno lanciato una petizione per porre fine alla dilazione dei trattamenti di fine servizio e di fine rapporto dei dipendenti pubblici
A lanciare l'allarme è la Federazione nazionale medici di medicina generale, alla luce dei "dati della rete della Fimmg Roma nella regione Lazio, dove i numeri del Covid stanno risalendo in modo importante
Nonostante il Covid non sia una malattia stagionale, quest’estate siamo di nuovo alle prese con una variante del virus, che torna a far risalire i contagi, la Kp3. Ma l’epidemia in corso è fortemente sottostimata. L‘allarme di Filippo Anelli

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Lombardia
Sanipiù per un prestigioso ospedale privato sito a Milano che deve implementare l'organico medico, ricerca un/a:MEDICO FISIATRAPROFILORequisiti:Laurea in Medicina e...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa