Professione medica
Liste attesa
09/07/2024

Liste attesa, a Bologna per gestirle taglio delle prescrizioni dei Mmg. Ecco come

"La Task Force Specialistica OM, nasce allo scopo di governare le liste d’attesa attraverso un’azione di controllo della domanda con una indiscriminata operazione di taglio delle prescrizioni" il parere di Fimmg Bologna

sciopero-di-medici-e-infermieri

«Con noi sindacati non hanno mai parlato di alcun piano per la gestione delle liste di attesa». A parlare è Salvatore Bauleo, Segretario Generale Provinciale Fimmg di Bologna. Che lamenta: «Dall’Ausl ci viene comunicato via mail che le nostre prescrizioni sono inappropriate e, pertanto, vengono annullate. Non ci viene fornita alcuna spiegazione sul perché il quesito diagnostico o la tempistica risultino "inappropriate". Inoltre, non conosciamo come siano arrivati a concepire la Task Force Specialistica OM, quando sia nata e da chi sia composta, né tantomeno è possibile con essa un contraddittorio (che evidentemente non vogliono). Si capisce che nasce allo scopo di governare le liste d’attesa attraverso un’azione di controllo della domanda con una indiscriminata operazione di taglio delle nostre prescrizioni. Un taglio che non ci viene seriamente motivato. Per di più, veniamo sollecitati a comunicare noi al paziente l'annullamento delle nostre ricette». L'esecutivo Fimmg così descrive l’operato della commissione che ha ribattezzato “mask force” e che da questo mese comunica ai Mmg felsinei le situazioni di “mancata correttezza prescrittiva”. «Il sospetto diagnostico, indicato sulle nostre prescrizioni, è in linea sia con i criteri che definiscono una tempistica corretta che l'appropriatezza dell'accertamento richiesto. I funzionari sostengono di avere nel mirino le richieste di “second opinion” a carico del servizio sanitario, e ho sentito qualcuno lamentarsi che i cittadini chiedono esami quando sono in buona salute. Casi di ripetizione di accertamenti in tempi brevi, se anche vi sono, costituiscono comunque un numero esiguo e certo non sono il fattore determinante dell'allungamento delle liste di attesa. In merito ai soggetti sani che "non dovrebbero" sottoporsi ad esami clinici e laboratoristici, cosa si vorrebbe affermare, che non si vorrebbe la prevenzione?» Le ricette più contestate «sono spesso quelle relative ad esami per i quali le attese sono più lunghe. Si dovrebbe però forse prendere meglio atto dei bisogni di salute della popolazione».

Da aprile la Regione Emilia Romagna ha varato un piano per erogare più prestazioni e tagliare le attese dei pazienti, stanziando 30 milioni di euro, e anticipando il decreto legge del governo: infatti offre ai Centri Unici di prenotazione la possibilità di guardare anche alle agende appuntamenti del privato convenzionato. Le agende aperte devono offrire disponibilità fino a 24 mesi. Se l’esame richiesto supera i tempi previsti dalla classe di priorità prescritta dal medico, gli utenti non devono ricontattare i servizi di prenotazione, ma le richieste sono registrate in elenchi progressivi in ordine cronologico e l’erogazione avviene prendendo a parametro i tempi di attesa previsti. Tutte le Ausl hanno inoltre approntato piani di recupero straordinari delle prestazioni: per incrementare l’offerta si potranno schierare specialisti ospedalieri sia nei piccoli ospedali sia nelle Case di Comunità. Solo a Bologna il target è erogare entro il 2024 ben 337 mila prestazioni in più, superando i 3 milioni. Però c’è un’azione parallela, sulle impegnative dei medici di famiglia. «Non ritenevamo possibile che si arrivasse a tanto», recita il comunicato Fimmg Bologna. «Le avvisaglie c'erano già state, non ci hanno mai convocati ma il 28 giugno all'udienza conoscitiva in Comune avevamo appreso i contenuti del piano Ausl presentato falsamente come "condiviso". Ci hanno accusati di elevata "inappropriatezza prescrittiva" anche se i numeri Agenas dicono che in Emilia Romagna il numero delle prestazioni è stato nel 2023 inferiore del 3% rispetto a quelle del 2019». Nel comunicato, si esprimono preoccupazioni anche per la trasparenza nei piani di gestione delle liste di attesa. «Sono piani a 2 anni. Se si considera che il periodo più lungo consentito dalla normativa nazionale per la priorità "P-programmabile" è di sei mesi, ne deriva che i primi a non credere che il piano funzioni–dice Bauleo– sono gli ideatori. I quali hanno inventato anche la "Pre Lista di Attesa" riedizione della vecchia "presa in carico" che non consentiva il conteggio reale degli effettivi tempi di attesa. Sui cittadini richiamati, non è possibile sapere in percentuale dopo quanto tempo lo siano stati, quanti si siano dovuti rivolgere al privato pagando di tasca propria, quanti non avendo la possibilità si siano arresi e quanti si siano rivolti al Pronto Soccorso».
A breve, sempre a Bologna è prevista la sperimentazione di una piattaforma di teleconsulto tra medici di famiglia e specialisti, e l’Ausl intende attivare un numero di telefono unico per il confronto tra medici di famiglia e specialisti sui casi urgenti. «Per telefono come su una piattaforma, il dialogo con lo specialista è auspicabile e tra l’altro abbiamo avuto buoni precedenti fin qui. Tale dialogo non deve però perseguire gli scopi dei funzionari dell'Azienda né tantomeno essere finalizzato a cassare e limitare l’attività prescrittiva del medico di famiglia, o la sua gestione clinica del paziente. Un medico che lavori attenendosi a rigidi protocolli piuttosto che secondo "scienza e coscienza", non sarebbe accettato né da noi né dai nostri assistiti. Anziché solo di sovrabbondante richiesta di accertamenti clinici e strumentali, si dovrebbe parlare anche dei casi in cui l'offerta del Servizio sanitario regionale rispetto ai reali bisogni sia poco adeguata, e costringa, chi se lo può permettere, di ricorrere al privato, e chi non ha le risorse ad andare in Pronto Soccorso».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
L’ordinanza della Corte di Cassazione 18344 del 4 luglio scorso ha sancito che insistere con le cause per avere quelle borse e gli interessi può configurare lite temeraria: non solo chi ricorre perde ma paga le spese di soccombenza
Nei giorni scorsi è avvenuta una importante saldatura. Sette confederazioni hanno lanciato una petizione per porre fine alla dilazione dei trattamenti di fine servizio e di fine rapporto dei dipendenti pubblici
A lanciare l'allarme è la Federazione nazionale medici di medicina generale, alla luce dei "dati della rete della Fimmg Roma nella regione Lazio, dove i numeri del Covid stanno risalendo in modo importante
Nonostante il Covid non sia una malattia stagionale, quest’estate siamo di nuovo alle prese con una variante del virus, che torna a far risalire i contagi, la Kp3. Ma l’epidemia in corso è fortemente sottostimata. L‘allarme di Filippo Anelli

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Lombardia
Sanipiù per un prestigioso ospedale privato sito a Milano che deve implementare l'organico medico, ricerca un/a:MEDICO FISIATRAPROFILORequisiti:Laurea in Medicina e...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa