Attualità
Obesità
07/06/2024

Alimentazione, Iss: 40% italiani sovrappeso o obesi. Il Rapporto Passi

Non decolla la regola delle '5 porzioni al giorno di frutta e verdura' raccomandate dalle linee guida per una corretta alimentazione e 4 persone su 10 sono in sovrappeso: i dati italiani

bilancia obesità

In Italia 4 adulti su 10 soffrono di eccesso ponderale, di cui 3 sono in sovrappeso e 1 obeso. E non decolla la regola delle '5 porzioni al giorno di frutta e verdura' raccomandate dalle linee guida per una corretta alimentazione: le consuma solo il 7%. Sono alcuni dei dati pubblicati sul sito Epicentro dei sistemi di sorveglianza 'Passi' e 'Passi d'argento' dell'Istituto superiore di sanità, che coinvolgono almeno l'80% delle Asl con un campione pari a 275 persone per ciascuna. I numeri fanno riferimento al biennio 2022-2023.

L'eccesso ponderale riporta l'Iss è più frequente col crescere dell'età, fra gli uomini rispetto alle donne, fra le persone con difficoltà economiche e fra le persone con un basso livello di istruzione. Alcune regioni del Sud (Molise, Campania, Basilicata e Puglia) continuano a detenere il primato per la quota più alta di persone in eccesso ponderale, sfiorando la metà della popolazione residente. Le analisi temporali non mostrano significative variazioni nell'eccesso ponderale a livello nazionale. Tuttavia, ciò dipende dagli andamenti diversi, con cambiamenti non eccessivi, ma significativi, delle 2 componenti soprappeso e obesità nelle 3 ripartizioni geografiche fra generi e classi di età. Il sovrappeso aumenta al Sud, mentre l'obesità aumenta al Nord, con modifiche contenute, ma statisticamente significative. L'aumento di sovrappeso e obesità è sostenuto dalle classi di età più giovani (18-34enni), mentre fra i 50-69enni si riducono entrambe. Fra le donne aumenta il sovrappeso, ma non vi sono differenze di genere nell'obesità.
Meno della metà degli intervistati in eccesso ponderale riferisce di aver ricevuto dal proprio medico il consiglio di perdere peso e l'attenzione è indirizzata soprattutto alle persone obese (indice di massa corporea Bmi fra 25 e 29,9), molto meno a quelle in sovrappeso (Bmi uguale o superiore a 30). Il parere del medico, comunque, viene valutato molto: la quota di persone in eccesso ponderale che dichiara di seguire una dieta è significativamente maggiore fra coloro che hanno ricevuto il consiglio medico rispetto a quelli che non lo hanno ricevuto (46% vs 17%). Tra gli over 65 è in eccesso ponderale oltre la metà (56%), il 41% in sovrappeso e il 15% obeso. Con l'avanzare dell'età, specie negli over 75, vi è un calo ponderale fisiologico: oltre a ridursi la quota di persone in eccesso ponderale, aumenta progressivamente quella degli anziani che perdono peso in modo involontario (coloro che dichiarano di aver perso più di 4,5 kg o più del 5% del proprio peso negli ultimi 12 mesi).
Riguardo al consumo di frutta e verdura dettaglia l'Iss se è vero che solo il 3% degli italiani 19-69 anni dichiara di non inserirle nei propri pasti, meno di 1 su 2 (45%) ne consuma almeno 3 porzioni al giorno; il 52% si ferma 1-2 al giorno. Tra i più virtuosi (3 porzioni o più al dì), il 38% si ferma a 3-4 e appena il 7%, appunto, arriva a 5. L'abitudine a consumare i cosiddetti 'five a day' è più comune nelle donne, nelle persone con minori problemi economici e cresce con l'avanzare dell'età, per arrestarsi negli over 65, dove la quota di persone che mangiano almeno 3 porzioni di frutta e verdura al giorno o aderiscono al five a day ha raggiunto nel 2023 il valore più basso dal 2016.
Il consumo di almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura resta dunque un'abitudine che coinvolge pochi italiani, non superando mai il 9% neppure nei gruppi che ne mangiano di più. Fra l'altro la quota di persone che adotta questa abitudine nel proprio regime alimentare mostra un trend in calo nel tempo, soprattutto negli ultimi anni e ovunque nel Paese, in particolare nelle regioni settentrionali. Solo nelle regioni del Centro si era intravisto un aumento significativo dal 2008 al 2016, che poi si è arrestato e ha iniziato la discesa come nelle altre parti del Paese.

L'adesione al consumo delle porzioni di frutta e verdura raccomandate per una corretta alimentazione è significativamente più bassa nelle regioni nel Centro-Sud rispetto a quelle del Nord Italia, ad eccezione della Sardegna in cui il consumo di 5 porzioni al giorno è fra i più alti (11%).

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Dai calcoli renali alla necessità di purificarla, sono molte le fake news che causano pregiudizi sull’acqua del rubinetto. L’Iss ha redatto un documento con 7 falsi miti
Il maggior numero di casi è avvenuta nel Lazio il dato più alto, il più basso nelle Marche. È quanto indica il monitoraggio settimanale della Cabina di regia Istituto superiore di sanità-ministero della Salute
L'infezione provoca febbre molto alta, dolori articolari e muscolari e rash cutaneo. Si trasmette all'uomo attraverso le punture di moscerini o di zanzare. Il principale artropode vettore Culicoides paraensis
Per stabilire se dare una terapia a base di testosterone agli uomini non più giovanissimi con qualche sintomo di carenza, non basta valutare i semplici livelli ormonali nel sangue

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Vendo | Veneto
Alla data del 31/12/2025 cedo come da titolo sia attrezzatura che avviamento ultratrentennale di due studi odontoiatrici di uno/due sale...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa