Attualità
Influenza aviaria
06/06/2024

Aviaria, primo uomo morto per l’influenza. La conferma dell’Oms

L’Oms ha confermato in una nota la morte di una persona in Messico. Si tratta del primo caso noto di infezione umana da influenza aviaria H5N2, una variante diversa da quella rilevata negli Stati Uniti

aviaria 2

In Messico c’è stato "il primo caso umano confermato in laboratorio a livello globale" di influenza aviaria da virus A/H5N2. Si tratta di un uomo di 59 anni, deceduto, che già soffriva di diverse altre malattie e per il quale non è stata riferita alcuna "esposizione a pollame o altri animali". Lo ha comunicato l'Organizzazione mondiale della sanità, dopo che il 23 maggio scorso le autorità messicane hanno riferito il caso alla Pan American Health Organization (Paho), l'ufficio regionale dell'Oms per le Americhe. Pier Luigi Lopalco, docente di Epidemiologia all'università del Salento, tranquillizza spiegando che si tratta di un “caso isolato” che “rientra nella casistica attesa e che non deve suscitare allarme, fino a quanto resta un caso unico". "Casi isolati di infezioni gravi da virus di influenza aviaria spiega all'Adnkronos Salute Lopalco sono segnalati nel mondo in maniera abbastanza costante. Difficile ipotizzare come il virus sia arrivato ad infettare questo povero cittadino, ma sicuramente sarà originato da qualche allevamento di polli nei paraggi. Da sottolineare che il ceppo è del tutto differente dall'H5N1 che sta circolando in Nord America, anche se le sigle sembrano simili".

"Sebbene la fonte di esposizione al virus in questo caso sia attualmente sconosciuta, in Messico sono stati segnalati virus A/H5N2 nel pollame", precisa l'Oms. "Sulla base delle informazioni disponibili", l'agenzia delle Nazioni Unite per la salute valuta "basso il rischio attuale per la popolazione generale rappresentato da questo virus". Il virus H5N2 è un sottotipo diverso dal più noto H5N1 responsabile dell'epidemia in corso tra i bovini da latte in 9 stati Usa, con 3 casi umani al momento collegati. Secondo quanto raccontato dai familiari del 59enne, residente in Messico ricostruisce l'Oms prima di manifestare sintomi acuti l'uomo era allettato da 3 settimane per altre ragioni. Il 17 aprile ha sviluppato febbre, fiato corto, diarrea, nausea e malessere generale; il 24 aprile ha richiesto cure mediche ed è stato ricoverato al National Institute of Respiratory Diseases 'Ismael Cosio Villegas' (Iner) di Città del Messico, dove è morto il giorno stesso per complicanze. Dal test Pcr condotto su un campione respiratorio raccolto e testato all'Iner il 24 aprile, la vittima è risultata affetta da un virus dell'influenza A non sottotipizzabile. L'8 maggio il campione è stato inviato per il sequenziamento al Laboratorio di biologia molecolare delle malattie emergenti del Centro per la ricerca sulle malattie infettive dell'Iner, che riscontrato la positività al virus A/H5N2. Il 20 maggio il campione è arrivato all'Istituto di diagnosi epidemiologica e di riferimento (Indre) del Centro nazionale messicano, dove l'analisi Pcr ha confermato la positività all'influenza A. Il 22 maggio il sequenziamento ha confermato il sottotipo A/H5N2. Durante l'indagine epidemiologica condotta, puntualizza l'Oms, "non sono stati segnalati ulteriori casi".

Dei 17 contatti del 59enne identificati e monitorati dall'Iner, "uno ha riferito di avere 'il naso che cola' tra il 28 e il 29 aprile. I campioni prelevati da questi contatti ospedalieri tra il 27 e il 29 maggio sono risultati negativi per l'influenza e per Sars-CoV-2". Nei pressi della residenza dell'uomo sono stati inoltre individuati "12 ulteriori contatti (7 sintomatici e 5 asintomatici)", dai quali sono stati ottenuti campioni faringei, tamponi nasofaringei e siero. I risultati delle analisi sul siero ancora si attendono, mentre riguardo agli esami condotti sugli altri campioni, "il 28 maggio l'Indre ha comunicato che tutti risultano negativi per Sars-CoV-2, influenza A e influenza B, come determinato mediante Pcr". Oltre a rappresentare "il primo caso umano confermato in laboratorio di infezione da virus influenzale A/H5N2 segnalato a livello globale", quella descritta è "la prima infezione umana da virus aviario H5 segnalata in Messico".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
La febbre Oropouche è causata dall'omonimo virus (Orov), è un virus tipico delle regioni tropicali che viene trasmesso all'uomo dalle punture di insetti, in particolare moscerini e zanzare
La mortalità in eccesso è rimasta alta nei paesi occidentali per tre anni consecutivi, nonostante le misure di contenimento e i vaccini COVID-19. Lo studio evidenzia la necessità di capirne i motivi
È il monito degli esperti della Società italiana di medicina ambientale, che tra le ripercussioni del repentino rialzo delle temperature sull'organismo indicano anche possibili danni a organi vitali e cervello
Le alte temperature potrebbero portare i concorrenti a collassare e, nel peggiore dei casi, a morire durante i Giochi olimpici. L'allarme degli atleti

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Compro | Friuli-Venezia Giulia
Cerco studio medico in provincia di Pordenone da rilevare per avvio attività in proprio.

EVENTI
Ricerca, dati e digitalizzazione: nuovi equilibri per la sostenibilità della salute
Fondazione Roche, Studio Legale LCA e EDRA sono lieti di invitarvi all'evento "Ricerca, dati e digitalizzazione: nuovi equilibri per la...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa