Europa e Mondo
Influenza aviaria
31/05/2024

Influenza aviaria, in Usa terzo caso umano. Cdc: rischio per persone resta basso

Come previsto dagli esperti, negli Usa è stato rilevato il terzo caso umano associato all'epidemia in corso nelle mucche da latte. Per i Cdc il rischio per possibili altri casi rimane basso

aviaria

Come previsto dagli esperti, l’epidemia di influenza aviaria A/H5N1 ad alta patogenicità in corso negli Usa nelle mucche da latte fa registrare un altro caso umano. È la terza persona e, come nei precedenti due casi, si tratta di un lavoratore di un'azienda lattiero-casearia che ha avuto un'esposizione a mucche infette, il che fa ritenere che si tratti di un altro episodio di diffusione da un bovino a una persona, spiegano dai Centri americani per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) che hanno confermato con una nota il rilevamento dell'infezione. Il caso è stato identificato in Michigan, ed è la seconda infezione identificata in questo Stato. Mentre la prima era stata intercettata in Texas. Nessuno dei tre casi è collegato agli altri. "Sulla base delle informazioni disponibili in questo momento, questo caso non cambia l'attuale valutazione del rischio dell'influenza aviaria A H5N1" per la popolazione generale degli Stati Uniti, informano i Cdc.

Per le persone non esposte ad animali infetti il rischio "rimane basso", "perché tutti e tre i casi sporadici registrati hanno avuto un contatto diretto con mucche infette. Il rischio dipende dall'esposizione e, in questo caso, l'esposizione rilevante riguarda animali infetti". Tuttavia, questo ulteriore sviluppo, con il nuovo caso registrato, "sottolinea l'importanza delle precauzioni raccomandate nelle persone esposte ad animali infetti o potenzialmente infetti, le quali corrono un rischio maggiore di infezione e dovrebbero prendere precauzioni". Questo terzo caso umano di aviaria, spiegano i Cdc, "è stato rilevato attraverso il programma di monitoraggio attivo del Michigan per le persone esposte a bestiame infetto, in collaborazione con i Cdc. L'identificazione di un ulteriore caso di H5 non sorprende e mostra l'importanza di una risposta proattiva di sanità pubblica", aggiungono i Cdc. Dopo che il lavoratore ha segnalato i sintomi ai funzionari sanitari locali, uno dei campioni raccolti, testati nel laboratorio del Dipartimento sanitario statale, è risultato positivo al virus dell'influenza A (H5). Quindi il materiale è stato inviato ai Cdc per ulteriori test e dalle analisi condotte il 29 maggio è arrivata la conferma. Il Michigan è stato quindi informato dei risultati. Si attende ora il sequenziamento genetico in corso presso i Cdc e i risultati saranno resi disponibili entro 1-2 giorni, in caso di esito positivo. "Ulteriori analisi genetiche cercheranno eventuali modifiche al virus che potrebbero modificare la valutazione del rischio da parte dell'agenzia", spiegano i Cdc. I contatti familiari del paziente non hanno sviluppato sintomi, sono monitorati per la malattia e gli è stato offerto l'antivirale oseltamivir. Nessun altro lavoratore nella stessa azienda agricola ha segnalato sintomi e tutto il personale è sotto monitoraggio.

I Cdc però rassicurano che “al momento non vi sono indicazioni di diffusione da persona a persona del virus dell'influenza aviaria A H5N1". "Data l'entità della diffusione di questo virus nelle vacche da latte spiegano i Cdc in una nota non sorprenderebbero ulteriori casi umani in persone con esposizioni a rischio più elevato. Una priorità dei Cdc, in questo momento, è prevenire ulteriori casi di infezione da virus A H5N1 nei lavoratori del settore, che sono a maggior rischio di esposizione. "Sono state fornite raccomandazioni provvisorie aggiornate per la protezione dei lavoratori per includere coloro che lavorano con mucche da latte ed è stato chiesto agli Stati di fornire dispositivi di protezione individuale ai lavoratori agricoli. Inoltre, l'agenzia sta conducendo una attività di sensibilizzazione continua ai gruppi che rappresentano i lavoratori agricoli". Fra le raccomandazioni quella di monitorare, in caso di esposizione al virus, le proprie condizioni di salute per 10 giorni. Ed evitare in ogni caso esposizioni ravvicinate, lunghe o non protette ad animali malati o morti, inclusi uccelli selvatici, pollame, altri uccelli domestici e altri animali selvatici o domestici (comprese le mucche). Le persone, concludono i Cdc, dovrebbero anche evitare esposizioni non protette a feci di animali, lettiere (lettiere), latte non pastorizzato ('crudo') o materiali che sono stati toccati o erano nelle vicinanze di uccelli o altri animali con virus A H5N1 sospetto o confermato.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Quattro nuovi casi umani di influenza aviare negli States. I Cdc sarebbero a conoscenza anche di un quinto caso, al momento presunto, sul quale sono in corso le analisi per la conferma
I consigli offrono indicazioni su una vasta gamma di argomenti, dai vaccini necessari prima del viaggio alle informazioni su come proteggersi da varie malattie, come quelle respiratorie o trasmesse da zanzare e zecche
Tre nuovi casi umani di influenza aviaria negli Stati Uniti, questa volta da pollame infetto. Il Colorado, informano i Cdc americani, ha segnalato una presunta positività all'infezione da virus aviario ad alta patogenicità
Complici le nuove varianti, dall'ormai prevalente KP.3 la più attiva delle varianti cosiddette 'FLiRT' alla relativamente nuova LB.1 che sta mostrando una crescita nel Paese. Il quadro emerge dall'ultimo aggiornamento dei Centri statunitensi

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Lombardia
Sanipiù per un prestigioso ospedale privato sito a Milano che deve implementare l'organico medico, ricerca un/a:MEDICO FISIATRAPROFILORequisiti:Laurea in Medicina e...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa