Europa e Mondo
Dengue
31/05/2024

Dengue, Oms: significativo aumento negli ultimi cinque anni. Dati sottostimati

Negli ultimi 5 anni, ricorda l'Oms, è stato segnalato un aumento sostanziale dei casi di Dengue a livello globale, ma in particolare l'impennata dei contagi ha riguardato la regione delle Americhe

shutterstock_1508879219

Nei primi 4 mesi del 2024 sono stati segnalati all'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) oltre 7,6 milioni di casi di Dengue: 3,4 milioni di infezioni confermate, oltre 16mila casi gravi e oltre 3mila morti. A fare il punto è l'agenzia Onu per la salute in un focus di aggiornamento. Negli ultimi 5 anni, ricorda l'Oms, è stato segnalato un aumento sostanziale dei casi di Dengue a livello globale, ma in particolare l'impennata dei contagi ha riguardato la regione delle Americhe, dove il numero di casi aveva già sfondato quota 7 milioni a fine aprile, superando il dato annuale di un massimo di 4,6 milioni di casi nel 2023. Inoltre, si tratta di 3 volte quanto riportato nello stesso periodo nel 2023, a testimonianza dell'accelerazione di questo problema sanitario. Ad oggi sono 90 i Paesi che hanno visto una trasmissione attiva di Dengue nel 2024, "non tutti sono stati catturati nelle segnalazioni formali", fa notare l'Oms. "Inoltre, molti Paesi endemici non dispongono di meccanismi efficaci di rilevamento e segnalazione, quindi il vero peso della Dengue a livello globale è sottostimato".

Proprio per questo motivo, per gli esperti dell'organizzazione "è necessaria una solida sorveglianza della Dengue in tempo reale per affrontare le preoccupazioni sui potenziali casi non rilevati, sulla co-circolazione e sulla diagnosi errata di altri arbovirus e sui movimenti di viaggio non registrati. Questi fattori potrebbero contribuire alla diffusione di malattie non riconosciute e stabilire un potenziale rischio di trasmissione locale in Paesi non endemici", avverte l'Oms. Il virus della Dengue, ricorda, si trasmette all'uomo attraverso la puntura di zanzare infette. I casi sono più comunemente asintomatici o provocano una lieve malattia febbrile. A volte, però, si sviluppa una forma grave che può comportare shock, gravi emorragie o gravi danni agli organi.

Per rafforzare la sorveglianza globale, l'Oms ha istituito un sistema di sorveglianza con rapporti mensili in tutte le regioni. "Finora nel 2024 in Europa non sono stati segnalati casi di Dengue autoctoni o trasmessi localmente, ma puntualizza l'Oms questi dati verranno aggiunti quando si verificheranno infezioni di questo tipo. Ciò potrà accadere quando le condizioni stagionali consentono l'attività dei vettori", quindi "da giugno a novembre". Nel 2023, casi autoctoni erano stati segnalati nella regione in 3 Paesi, fra cui, come è noto, l'Italia (82), e poi Francia (45) e Spagna (3). Negli ultimi 10 anni ci sono stati dei cambiamenti che espongono maggiormente anche quest'area del mondo: per esempio il vettore competente, Aedes albopictus, si è affermato più a Nord e a Ovest dell'Europa. Inoltre, l'Aedes aegypti si è già stata stabilita a Cipro e a Madeira (Portogallo).

E poi c'è il fattore clima. Sebbene gli inverni freddi nella maggior parte della regione europea non consentano la trasmissione durante tutto l'anno, "l'idoneità climatica alla trasmissione delle infezioni da Dengue nella regione europea potrebbe aumentare con i cambiamenti climatici (temperature potenzialmente più elevate e inverni più miti) e con l'aumento dell'area geografica dei vettori competenti e dell'idoneità della temperatura per la trasmissione del virus. I cambiamenti nell'umidità e nelle precipitazioni (seguiti da inondazioni e pozze d'acqua stagnante) possono anche creare condizioni più favorevoli per la popolazione dei vettori e quindi una maggiore idoneità alla trasmissione della Dengue", analizza l'Oms.

A livello mondiale, "il rischio complessivo a livello globale è ancora valutato come elevato e quindi la Dengue rimane una minaccia globale per la salute pubblica", conclude l'agenzia Onu. Mentre "la capacità complessiva dei Paesi di rispondere a epidemie multiple e simultanee continua a essere messa a dura prova a causa della mancanza globale di risorse, inclusa la carenza di kit diagnostici di buona qualità per la diagnosi precoce della malattia, la mancanza di personale qualificato per il controllo clinico e dei vettori e la scarsa consapevolezza nelle comunità". Per provare a rispondere a questa situazione, "sono stati istituiti meccanismi di risposta alle emergenze e l'Oms" continua a "sostenere i Paesi ad alto rischio nelle regioni colpite".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Quattro nuovi casi umani di influenza aviare negli States. I Cdc sarebbero a conoscenza anche di un quinto caso, al momento presunto, sul quale sono in corso le analisi per la conferma
I consigli offrono indicazioni su una vasta gamma di argomenti, dai vaccini necessari prima del viaggio alle informazioni su come proteggersi da varie malattie, come quelle respiratorie o trasmesse da zanzare e zecche
Tre nuovi casi umani di influenza aviaria negli Stati Uniti, questa volta da pollame infetto. Il Colorado, informano i Cdc americani, ha segnalato una presunta positività all'infezione da virus aviario ad alta patogenicità
Complici le nuove varianti, dall'ormai prevalente KP.3 la più attiva delle varianti cosiddette 'FLiRT' alla relativamente nuova LB.1 che sta mostrando una crescita nel Paese. Il quadro emerge dall'ultimo aggiornamento dei Centri statunitensi

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Lombardia
Sanipiù per un prestigioso ospedale privato sito a Milano che deve implementare l'organico medico, ricerca un/a:MEDICO FISIATRAPROFILORequisiti:Laurea in Medicina e...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa