Europa e Mondo
Influenza aviaria
22/05/2024

Influenza aviaria, Australia segnala il primo caso umano di H5N1 nel Paese

Il paziente è un bambino che ha contratto l'infezione in India ed è poi rientrato nello Stato di Australia. I sintomi risalgono a marzo. ma adesso si è ripreso completamente

influenza bambina

"Un caso umano di infezione da influenza aviaria A H5N1 è stato segnalato nello stato di Victoria", in Australia. Lo comunica in una nota il Dipartimento Salute dello Stato, spiegando che si tratta del "primo caso umano di influenza aviaria H5N1 in Australia". Il paziente è "un bambino che ha contratto l'infezione in India" ed è poi rientrato nello Stato di Victoria. I sintomi risalgono a marzo. Il virus dell'influenza aviaria è stato rilevato successivamente attraverso ulteriori test su campioni influenzali positivi effettuati per rilevare ceppi di virus nuovi o di interesse, come parte di un programma di sorveglianza potenziata.

Il tracciamento dei contatti, informano le autorità sanitarie, non ha identificato ulteriori casi di influenza aviaria collegati a questo. Il bambino aveva sviluppato "una grave infezione", ma adesso "non sta più male e si è ripreso completamente", si legge nella nota. Gli esperti precisano che "non ci sono prove di una trasmissione" del virus in corso "nel Victoria e la possibilità che si verifichino ulteriori casi umani è molto bassa".
Sebbene il caso vittoriano sia dato dal virus H5N1 ad alta patogenicità, non è lo stesso ceppo rispetto a quelli che hanno causato epidemie negli Stati Uniti fra le mucche da latte e il caso umano nel lavoratore del settore lattiero-caseario, precisano gli esperti. Questa, informano infine i funzionari sanitari, è anche "la prima volta" in assoluto "che l'H5N1 viene rilevato in Australia, in una persona o in un animale".

Nel frattempo, l’'influenza aviaria continua a preoccupare gli Stati Uniti. In un incontro con rappresentati della sanità pubblica, il vicedirettore dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), Nirav Shah, ha raccomandato di non allentare le attività di sorveglianza dell'influenza nonostante l'arrivo della bella stagione, allo scopo di poter identificare tempestivamente eventuali segnali di diffusione dell'influenza aviaria nell'uomo. I Cdc hanno chiesto che venga aumentato il numero di analisi approfondite (la cosiddetta sottotipizzazione) sui campioni che risultassero positivi al virus dell'influenza di tipo A. I test 'di primo livello' non consentono infatti di discriminare tra la convenzionale influenza umana e l'influenza aviaria A/H5N1 che attualmente sta circolando nelle mucche in Usa. I Cdc sperano che, intensificando lo sforzo di analisi, si possano individuare anche casi rari di aviaria che circolano nella popolazione. Intanto, cresce il numero di allevamenti colpiti dall'influenza aviaria: con gli ultimi tre notificati dal dipartimento dell'Agricoltura del Michigan lunedì, il numero è salito a 54.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Quattro nuovi casi umani di influenza aviare negli States. I Cdc sarebbero a conoscenza anche di un quinto caso, al momento presunto, sul quale sono in corso le analisi per la conferma
I consigli offrono indicazioni su una vasta gamma di argomenti, dai vaccini necessari prima del viaggio alle informazioni su come proteggersi da varie malattie, come quelle respiratorie o trasmesse da zanzare e zecche
Tre nuovi casi umani di influenza aviaria negli Stati Uniti, questa volta da pollame infetto. Il Colorado, informano i Cdc americani, ha segnalato una presunta positività all'infezione da virus aviario ad alta patogenicità
Complici le nuove varianti, dall'ormai prevalente KP.3 la più attiva delle varianti cosiddette 'FLiRT' alla relativamente nuova LB.1 che sta mostrando una crescita nel Paese. Il quadro emerge dall'ultimo aggiornamento dei Centri statunitensi

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Lombardia
Sanipiù per un prestigioso ospedale privato sito a Milano che deve implementare l'organico medico, ricerca un/a:MEDICO FISIATRAPROFILORequisiti:Laurea in Medicina e...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa