Attualità
Infarto
20/05/2024

Infarto miocardico acuto, Anmco: ascoltare i sintomi e agire presto

Grazie alle cure e a trattamenti come l'angioplastica, da eseguire prima possibile, si è ridotta dal 16% al'8% la mortalità a 30 giorni dall'evento acuto, se questo non succede l'area del cuore va incontro a morte per necrosi dei tessuti

miocardite

Dolore costrittivo e violento al centro del petto, senso di pesante oppressione oppure dolore bruciante che può irradiarsi alla mascella, alle spalle, alle mani o alla schiena, accompagnato da sudorazione fredda, affanno, debolezza o senso di svenimento. Nelle donne possono manifestarsi anche vertigini/capogiri, dolore addominale, senso di stordimento. Sono questi i campanelli d'allarme dell'infarto miocardico acuto, evento improvviso che si verifica a seguito dell'interruzione del flusso sanguigno diretto al cuore a causa di un restringimento o di una ostruzione (coagulo) di una o più arterie (coronarie) che lo trasportano. Per i cardiologi ospedalieri, riuniti a Rimini per il 55esimo Congresso nazionale di Anmco, la prima regola è sempre la stessa: arrivare presto. Appena compaiono segni e sintomi che fanno pensare ad un infarto, non bisogna perdere tempo".

Grazie alle cure e a trattamenti come l'angioplastica, da eseguire prima possibile, si è ridotta dal 16% al'8% la mortalità a 30 giorni dall'evento acuto emerge dal congresso. Se, invece, non si interviene rapidamente per ripristinare il flusso, l'area del cuore coinvolta viene danneggiata dalla mancanza di ossigeno e va incontro a morte per necrosi dei tessuti.

In Italia ogni anno si registrano da 130mila a 150mila nuovi casi di infarto miocardico acuto. La causa principale è l'aterosclerosi, processo patologico progressivo dovuto ad accumulo di materiale lipidico (grasso) sulle pareti delle arterie coronarie, che nel tempo porta alla formazione delle cosiddette 'placche'. Una placca può rompersi all'improvviso con successiva formazione di un coagulo, che può crescere fino ad occludere completamente il vaso arterioso.

Le cure attuate in reparto intensivo dipendono dal tipo di infarto e dalla sua gravità e sono standardizzate da precise linee guida nazionali e internazionali. L'intervento più importante, spiega l'Associazione dei cardiologi ospedalieri, è il ripristino e il mantenimento del flusso sanguigno nel più breve tempo possibile. Le terapie farmacologiche impiegate sono: trombolitici, acido acetilsalicilico, eparina, antidolorifici, nitroglicerina, beta-bloccanti, ipolipemizzanti, morfina, Ace-inibitori. Tra le procedure interventistiche, oltre all'angioplastica con stent coronarici, si ricorre nei casi più seri all'intervento di bypass coronarico.

Dopo la dimissione, nel cosiddetto post infarto, il paziente deve adottare una serie di misure per evitare eventuali recidive: terapie ipolipemizzanti da assumere in maniera continuativa come prescritto dal cardiologo curante, controlli periodici, riabilitazione cardiologica, modificazione dello stile di vita, abolizione del fumo, attività fisica regolare e moderata, alimentazione sana. Oltre a ridurre il rischio di incorrere in un secondo evento ischemico, l'obiettivo di queste misure è migliorare la qualità della vita, favorendo un ritorno alla normalità, alla vita lavorativa e di relazione.


Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Le sostanze stupefacenti sono al centro di varie problematiche della società civile ma vi è ancora poca conoscenza sulla capacità di queste sostanze di determinare problemi cardiovascolari e in generale un danno biologico

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Compro | Friuli-Venezia Giulia
Cerco studio medico in provincia di Pordenone da rilevare per avvio attività in proprio.

EVENTI
Ricerca, dati e digitalizzazione: nuovi equilibri per la sostenibilità della salute
Fondazione Roche, Studio Legale LCA e EDRA sono lieti di invitarvi all'evento "Ricerca, dati e digitalizzazione: nuovi equilibri per la...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa