Governo e Parlamento
Ospedali
13/05/2024

Sanità, Schillaci: Colmare gap comunicazione tra ospedale e territorio

Il gap di comunicazione tra medici del territorio e ospedale preoccupa anche il ministro Schillaci, per cui rappresenta un "vulnus per il nostro sistema sanitario che va colmato. Una maggiore capacità di dialogo è necessaria”

medico parla con paziente

Il gap di comunicazione tra i medici del territorio e l'ospedale rappresenta un "vulnus per il nostro sistema sanitario che va colmato. Una maggiore capacità di dialogo è, infatti, necessaria sia per migliorare la qualità delle cure ai pazienti - ha detto - sia per allentare la pressione sulle strutture ospedaliere". Il tema, emerso da una survey condotta da Fadoi, la Federazione dei medici internisti ospedalieri (Fadoi), e presentata nel corso del suo 29esimo congresso a Rimini, preoccupa anche il ministro della Salute Orazio Schillaci. Riferendosi ai ricoveri impropri, Schillaci ha quindi avvertito che "se non rafforziamo il territorio, mettiamo a rischio la tenuta e la qualità dell'assistenza ospedaliera del Ssn che ancora oggi, nonostante tante difficoltà, è tra i migliori al mondo".

"Questi numeri indicano che in sanità continuare a ragionare per comparti stagni, seguendo la vecchia logica silos, non solo non consente di fare l'interesse del pazienti, ai quali tutti noi abbiamo grande attenzione - ha detto Schillaci in video-collegamento - e che hanno bisogno e diritto a una continuità assistenziale, ma si rivela gravoso per il personale sanitario ospedaliero, a cominciare dai voi medici internisti, e per la sostenibilità del servizio sanitario". Per il ministro, "il Fascicolo sanitario elettronico rientra a pieno titolo tra i facilitatori della comunicazione tra territorio e ospedale. È uno strumento che sta via via entrando nella quotidianità degli operatori sanitari e delle aziende. L'ultima rilevazione effettuata dal ministero della Salute nel 2023 indica che 3 medici di famiglia e pediatri su 4 hanno alimentato il Fascicolo sanitario elettronico, in particolare tramite le prescrizioni sanitarie elettroniche. Un approccio che si sta diffondendo anche nelle aziende sanitarie - evidenzia - Abbiamo la consapevolezza che, se non rafforziamo il territorio, mettiamo a rischio la tenuta e la qualità dell’assistenza ospedaliera del servizio sanitario nazionale che ancora oggi, nonostante tante difficoltà, è tra i migliori al mondo, soprattutto grazie al capitale umano che vi opera. Per ridare slancio alla nostra sanità, stiamo definendo un modello che va oltre la capacità di curare la malattia, per potenziare interventi di prevenzione e di riabilitazione e consentire una presa in carico che permetta di evitare l'evento patologico e di ridurre l'impatto delle conseguenze". Da qui l'importanza della riforma in atto dell'assistenza territoriale. La presenza nelle Case di Comunità di team multidisciplinari, ha spiegato il ministro, "è la risposta più efficace per i bisogni dei pazienti cronici, che rappresentano i maggiori utenti del Ssn, e per arginare la pressione sugli ospedali".

Pesano anche i ricoveri 'sociali': "Non possiamo lasciare che i reparti di medicina interna degli ospedali si trasformino in strutture di assistenza sociosanitaria per pazienti dimissibili ma che non possono andare a casa", afferma il presidente della Federazione delle aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), Giovanni Migliore. ''Attualmente tra i pronto soccorso e i reparti di medicina interna si crea il maggiore imbuto che allunga i tempi di attesa e aggrava le condizioni di assistenza dei pazienti bloccati in barella in mancanza di un posto letto. ''Non possiamo lasciare che i reparti di medicina interna degli ospedali si trasformino in strutture di assistenza sociosanitaria territoriale", sottolinea. ''C'è poi un 30% degli accessi che non dovrebbe nemmeno arrivare in pronto soccorso ma essere preso in carico dalla sanità territoriale'', aggiunge. Come ha messo in luce l'indagine presentata oggi dalla Fadoi anche la riforma della sanità territoriale con l'istituzione delle Case di Comunità, potrebbe non essere risolutiva. Il Pnrr ha destinato risorse importanti, è necessaria la formazione di nuovi professionisti, medici o infermieri specializzati con competenze avanzate, in grado di assicurare la continuità di cura necessaria ai pazienti fragili. "Le nostre aziende - conclude Migliore - stanno facendo uno sforzo straordinario anche per assicurare lo sviluppo di queste competenze. I corsi sono già partiti in molte regioni e le infrastrutture applicative presto saranno disponibili. Tutti noi abbiamo quindi la grande responsabilità di garantire un reale cambiamento del Ssn, impegnandoci per un maggiore coordinamento degli interventi e per superare anacronistici atteggiamenti corporativi''.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Entro dicembre, i cittadini potranno utilizzare il Fascicolo sanitario elettronico in modo operativo per ottenere varie prestazioni. Le novità sono state presentate alla stampa oggi
I punti di avvicinamento e le discrepanze più evidenti fra i modelli di riforma della sanità messi al tavolo dai maggiori partiti. Tra un’opposizione che vorrebbe rifinanziare la sanità e un governo osservante dei parametri europei
“Con il Pnrr abbiamo assegnato oltre mezzo miliardo di euro al potenziamento della ricerca biomedica del Servizio sanitario nazionale”. Le parole del ministro della Salute, Orazio Schillaci all'evento 'Improving human life and technology'
"La Commissione per lo studio e l'approfondimento delle problematiche relative alla colpa professionale medica ha compiuto un ottimo lavoro e ha consegnato la sua relazione". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Carlo Nordio

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Vendo | Veneto
Vendesi attività di studio dentistico in comune limitrofo a Castelfranco Veneto. Lo studio è di circa 130 metri quadri con...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa