Governo e Parlamento
Liste attesa
02/05/2024

Decreto liste d’attesa, il taglio delle prescrizioni fa discutere. Ecco le ricadute per Mmg e pediatri

Il decreto rischia di tradursi in tagli ai livelli di assistenza garantiti ai cittadini e in qualche caso di indurre nuova spesa e nuova attesa. Lo affermano due sindacati dei mmg, Snami e Smi

sanita-liste-dattesal

Il decreto sullo sblocco delle liste d’attesa rischia di tradursi in tagli ai livelli di assistenza garantiti ai cittadini e in qualche caso di indurre nuova spesa e nuova attesa. Lo affermano due sindacati dei medici di famiglia, Snami e Smi, partendo dal presupposto che le richieste dei cittadini non nascano da “sfizi” che il medico è incapace di contenere ma da una carenza di dati: chi governa non conosce il reale stato di salute della popolazione. Previsto in uscita prossima settimana, il decreto del governo sulle liste d’attesa dovrebbe abbattersi su medici di famiglia e (meno) pediatri, imponendo il taglio di un 20% di prescrizioni improprie di esami e visite specialistiche. Le prime indiscrezioni prevedono che il medico indicherà in ricetta il quesito diagnostico indicato con standard Icd-9-cm. Quindi, in base al bacino di pazienti di ogni medico, l’Asl confronterà le prestazioni attese e le ricette emesse: se la bilancia pende troppo per le seconde, la Regione – pare - non sanzionerà il camice ma gli chiederà solo conto. Tuttavia, è su una base simile che le Corti dei Conti regionali hanno indagato e in casi limitati condannato medici per danno erariale. L’Istituto superiore di Sanità lavora a linee guida per indicare ai medici buone pratiche prescrittive. In parallelo, lato offerta, si pensa a consentire agli ospedali di acquistare dai propri medici prestazioni libero professionali fuori orario anche intramoenia, o di appaltare set di esami diagnostici al privato convenzionato. Per lo Snami anziché, tagliare le richieste dei pazienti del medico di famiglia, si dovrebbe imporre ai medici ospedalieri di esercitare in libera professione solo dopo aver esaurito le liste d’attesa. Lo afferma il segretario nazionale Gianfranco Breccia in un comunicato.

Il presupposto della riflessione è che la colpa delle attese non è del medico di famiglia, che prescrive ragionando in chiave di prevenzione su un paziente che conosce bene, ma della stessa lista d’attesa che si autoalimenta. Giorni fa un comunicato a firma della tesoriera Snami Simona Autunnali sottolineava come, pur richiedendo correttamente il medico di famiglia esami secondo i criteri “urgente a 10 giorni-differibile-programmabile” (come da decreto liste d’attesa), le strutture pubbliche e private non rispondano mai nei tempi richiesti. «È normale che per non aspettare troppo chi può si rivolge al privato –dice Breccia – ma a sua volta il privato suggerisce gli accertamenti di supporto a carico del Ssn e rimette in gioco il medico di famiglia, che si trova a prescrivere non solo per quanto lo riguarda, ma anche per gli specialisti pubblici, privati, pubblici in libera professione intramoenia e pubblici in extramoenia decentrata, alimentando suo malgrado le liste d’attesa. A nulla serve che in ricetta si possa segnalare se la prescrizione è suggerita dallo specialista: la responsabilità prescrittiva è nostra perché avalliamo le richieste dei colleghi e deteniamo i ricettari, che sono dei libretti degli assegni del Servizio sanitario nazionale. Lo stato, del resto, sa che la maggioranza delle prescrizioni viene dallo specialista ma vorrebbe che fossimo noi mmg i suoi cani da guardia». Un problema che c’è sempre stato aggiunge Breccia. «Inizio anni 2000 come Snami chiesi ai colleghi nella mia regione una statistica su Tac e Rmn: il 70% era indicato da specialisti, metà nel Ssn e metà fuori. Attenzione, i colleghi ospedalieri dovrebbero prescrivere su ricettario del servizio sanitario, lo dicono le norme regionali (Breccia è piemontese, ci sono misure analoghe in quasi tutte le altre regioni, ndr). Ma non lo fanno. E nessuno gli chiede conto. Ho chiesto alla Regione se sia in grado di scorporare la spesa indotta dagli specialisti, e la risposta è stata negativa. Ma pur non sapendo quante siano le prescrizioni originate dai medici di famiglia, il governo decide di agire solo su di noi. Vuole che prendiamo la responsabilità dei tagli lineari che subiranno i cittadini italiani. Non mi stupirei che i colleghi vicini alla pensione anticipassero la fuga». I medici ospedalieri hanno sempre sostenuto che la libera professione non è in contrasto con le liste d’attesa ma si applica a una domanda di salute esterna a quella del SSN. Breccia taglia corto: «Quando fu istituita l’intramoenia le attese non erano ai livelli di oggi, e nessuno poteva prevedere quanto è avvenuto a seguito del Covid-19».

Non è tutto. «Con questo decreto il decreto, a quanto pare, userà due pesi e due misure. Ai medici di famiglia taglia le prescrizioni, alle farmacie darà la possibilità di prescrivere». Il tema suggerito da Breccia è sviluppato nel comunicato a firma di Pina Onotri, Segretaria del Sindacato Medici Italiani-SMI. Il decreto, è l’argomento, abilita anche le farmacie ad eseguire esami per sfoltire le liste d’attesa. Ma, a quanto pare, non limita gli esami eseguibili in farmacia al solo insieme dei test prescritti da medici, siano essi del Servizio sanitario o privati. Chiunque può entrare in farmacia e chiedere un test. Di fatto, spiega Onotri, «si permette ai farmacisti di prescrivere Ecg e Holter anche senza competenze mediche specifiche. È gravissimo. Davanti alla crisi del SSN ci aspettavamo il rafforzamento della medicina di prossimità. Solo in questo modo si potrebbero abbattere le liste di attesa». Onotri aggiunge che nel definire l’appropriatezza prescrittiva fin qui si tiene conto della sola spesa, e non del dato clinico, o della necessità dei cittadini di effettuare gli esami. «In tali condizioni chi può giudicare l’operato di un medico di famiglia? Le commissioni di burocrati delle Asl? Perché i medici dovrebbero essere controllati sull’appropriatezza prescrittiva se hanno completato un lungo percorso formativo che prevede una laurea, una specializzazione, un esame di Stato, un’abilitazione alla professione e tanta esperienza sul campo?»

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Entro dicembre, i cittadini potranno utilizzare il Fascicolo sanitario elettronico in modo operativo per ottenere varie prestazioni. Le novità sono state presentate alla stampa oggi
I punti di avvicinamento e le discrepanze più evidenti fra i modelli di riforma della sanità messi al tavolo dai maggiori partiti. Tra un’opposizione che vorrebbe rifinanziare la sanità e un governo osservante dei parametri europei
“Con il Pnrr abbiamo assegnato oltre mezzo miliardo di euro al potenziamento della ricerca biomedica del Servizio sanitario nazionale”. Le parole del ministro della Salute, Orazio Schillaci all'evento 'Improving human life and technology'
"La Commissione per lo studio e l'approfondimento delle problematiche relative alla colpa professionale medica ha compiuto un ottimo lavoro e ha consegnato la sua relazione". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Carlo Nordio

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Vendo | Veneto
Vendesi attività di studio dentistico in comune limitrofo a Castelfranco Veneto. Lo studio è di circa 130 metri quadri con...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa