Attualità
27/04/2024

Acqua di fonte termale e cosmetici

Le meravigliose acque termali, di cui l’Italia è ricchissima, si trovano spesso combinate con materiale argilloso che forma il fango termale e presentano, oltre alle più antiche e riconosciute attività terapeutiche, anche attività benefiche sulla cute. I prodotti cosmetici che le contengono sono, quindi, esempio di alta funzionalità ed efficacia.

acqua termale

È di questi giorni la notizia della mostra "Termalismo come Arte Contemporanea" al Museo del Termalismo antico e del Territorio di Montegrotto Terme, una rassegna fotografica contemporanea con immagini uniche e inedite del mondo delle terme. E anche l’iniziativa "Le Terme Italiane per il Made in Italy",  durante la giornata nazionale del Made in Italy istituita dal MIMIT, in cui gli stabilimenti termali italiani, associati a Federterme, hanno proposto visite e attività per far conoscere il ruolo delle acque termali nella tutela della salute, in un contesto di territori ricchi di storia, arte e tradizioni.

Queste iniziative offrono lo spunto per focalizzare l’attenzione su quanto sia importante il termalismo in Italia, che conta 700 sorgenti minerali fredde e 300 sorgenti minerali calde, sia dal punto di vista storico che scientifico e come aspetto integrante di una modernità del concetto di Benessere che, più che in altri ambiti, affonda le radici nel nostro passato e che, nel settore cosmetico, esalta l’importanza dell’ acqua, elemento naturale per eccellenza, in tutte le sue tipologie.

Il termalismo nei tempi antichi aveva una spiccata valenza di benessere olistico, oggi ripreso nelle moderne SPA che, anche strutturalmente, ricordano molto quelle dell’antica Roma: alle acque termali, quindi, è riconosciuto da sempre un "potere" sia nel trattare malesseri sistemici sia per beneficiarne a livello cutaneo e anche psicologico.

Nello sviluppo della ricerca e della formulazione di prodotti cosmetici, le fonti termali rappresentano una certezza della funzionalità e della performance dei prodotti: la specificità è intrinseca, poiché ogni acqua termale è diversa da fonte a fonte e quindi non replicabile.

Attenzione però ai "falsi d’autore"! Ci si può, infatti, imbattere in prodotti che vantano la presenza di acqua termale nel contenuto e ai consumatori, ignari di regolamentazioni e non adusi alla interpretazione INCI, la parola aqua, in genere primo ingrediente nelle etichette dei prodotti, può sembrare coerente con il claim che invece è ingannevole.

Per indicare la presenza di acqua termale, infatti, va specificata la fonte di provenienza (es. aqua* acqua termale di…. ). Il produttore che sceglie di affidarsi ad una determinata fonte deve assicurarsi che lo stabilimento sia in possesso dell’autorizzazione alla commercializzazione dell’acqua termale e stipulare un contratto di fornitura per poter citare sul pack la fonte termale di provenienza. Pertanto, ogni utilizzo delle espressioni quali: "Terme, thermae, spa (salus per aquam)" e anche " termale/termali", "idrominerale", da parte di soggetti non in possesso dei requisiti di legge e/o materie prime da definirsi tali, se evocative di strutture termali e/o di prestazioni termali propriamente dette, è da ritenersi illegittimo.

Per trovare la percentuale corretta di utilizzo dell’acqua termale nella formulazione va effettuato uno studio di compatibilità tra l’acqua e la matrice cosmetica nella quale si vuole utilizzare. Ciò al fine di verificare le alterazioni chimico-fisiche (soprattutto ossidazione), eventuali alterazioni microbiologiche, la stabilità formulativa nel tempo, oltre alle osservazioni e valutazioni sulla tollerabilità cutanea, la sicurezza e l’efficacia.

L’ampia varietà di acque termali viene classificata per temperatura, salinità, residuo fisso e quelle utilizzate prevalentemente per usi terapeutici sistemici per tipologia. A seconda della varietà degli ioni presenti si distinguono acque sulfuree, salsobromoiodiche, bicarbonate, ferruginose, arsenicali, acidule, alcaline, terrose e calcari. Ricche di oligoelementi favoriscono effetti specifici di comprovata efficacia: manganese e selenio hanno effetti antiossidanti e idratanti; ferro e rame migliorano l'ossigenazione delle cellule; il rame ha azione antinfiammatoria, antisettica; lo zinco stimola il turnover cellulare e la sintesi di collagene; il magnesio stimola la cicatrizzazione e la rigenerazione cellulare.

L’acqua termale è utilizzata in buona percentuale al posto dell’acqua deionizzata nei prodotti cosmetici e, grazie alle sue proprietà, presenta l’attività intrinseca di lenire ed alleviare le irritazioni, decongestiona la pelle dagli inquinanti atmosferici e rafforza la naturale capacità di protezione della pelle. È, inoltre, adatta a qualsiasi tipo di pelle, anche sensibile, con couperose, allergica e delicata come quella dei bambini, migliorandone le condizioni.

Le acque termali più utilizzate nei cosmetici con specifiche funzionalità sono:

Acque sulfuree: ricche di zolfo, nei prodotti cosmetici ad azione esfoliante e anti seborroica. Inoltre, essendo ricche di plancton termale, abbondano in sali minerali, vitamine e sostanze azotate che conferiscono un’azione anti-age sul viso ed antiforfora sul cuoio capelluto.

Acque salsobromoiodiche: ricche di cloruro di sodio, bromo e iodio, elementi che svolgono un’azione rivitalizzante, vaso protettrice e drenante, Preferite nelle formulazioni anti cellulite, per migliorare il microcircolo.

Acque bicarbonate: ricche di bicarbonato con rinomate proprietà purificanti, tonificanti e lenitive. Vengono utilizzate per il trattamento delle pelli grasse e per riequilibrare il pH cutaneo.

Molte linee di dermocosmesi termale presentano formulazioni integrate e diversificate con principi funzionali in base alla destinazione di utilizzo del prodotto. Ad esempio: acido ialuronico e/o aloe negli idratanti, resveratrolo per potenziare l’efficacia su una pelle couperosica, vitamine e aminoacidi per una più marcata azione anti-age e, per favorire il drenaggio dei liquidi, centella asiatica o ippocastano.

Le acque termali si presentano spesso in confezione spray e rappresentano un rimedio pronto all’uso, pratico e confortevole, un must have soprattutto nelle stagioni più calde. E’ il prodotto cosmetico che non fa male a nessuno e che risulta utilissimo al mare, in città, in aereo, dopo lo sport, a fine giornata, per i suoi effetti rinfrescanti, lenitivi, idratanti che donano immediatamente alla pelle sollievo e che rispristinano il più possibile l’eudermia che fa star bene anche con le alte temperature.

Possiamo concludere, prendendo in prestito la locuzione latina che identifica questo elemento vitale per eccellenza: "salus per aquam o sanitas per aquam" (salute attraverso l’acqua), per esortare chi ancora non ne conoscesse le proprietà benefiche a utilizzarlo e consigliarlo come prodotto immancabile anche nella routine quotidiana di skincare.

Fonti:

L. 24 ottobre 2000, n.323 – “Riordino del settore termale” https://www.federterme.it/

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Altro | Tutta Italia
Mi chiamo Federica Libbia, sono vedova.  Scrivo questo con le lacrime agli occhi perché sono delusa dalla vita.  Non ho...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa


Pacchetto di corsi per 25 ECM

3 corsi Fad per 25 crediti ECM destinati ai medici: Corso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso...