Governo e Parlamento
Sanità
29/04/2024

Sanità, Schillaci: entro 15 giorni il decreto sulle liste d'attesa. I prossimi passi del ministero

Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, è intervenuto alla conferenza programmatica di Fratelli d'Italia che si è tenuta a Pescara, nella sessione dedicata a 'Salute, diritti e libertà'

schillaci ufficio

"Stiamo preparando e lavorando a un decreto per combattere le liste d'attesa, lo presenteremo nei prossimi 15 giorni". Lo ha annunciato il ministro della Salute, Orazio Schillaci, intervenendo alla conferenza programmatica di Fratelli d'Italia che si è tenuta a Pescara, nella sessione dedicata a 'Salute, diritti e libertà'. "Le liste d'attesa sono un problema annoso italiano. Negli articoli di venti anni fa si leggevano le stesse cose che leggiamo oggi. Ma questo è un Governo che vuole affrontare il problema", ha sostenuto Schillaci. Il ministro ha rilevato che ad oggi in Italia non esiste un sistema di monitoraggio delle liste d'attesa: "vogliamo che finalmente in Italia, Regione per Regione, con una regia centrale, si possa controllare dove e quali prestazioni mancano. Perché, se vogliamo intervenire realmente e risolvere un problema, dobbiamo sapere dove mancano le prestazioni e quali mancano. Solo partendo da questo si può cercare di rispondere alle domande".

Nel corso del suo discorso, il ministro si è soffermato anche sul problema dell’appropriatezza prescrittiva, “oggi in Italia si fanno tanti, troppi esami medici. Abbiamo la preziosa collaborazione dell’Istituto superiore di Sanità per mettere a punto finalmente delle linee guida che siano univoche su tutto il territorio nazionale, che diano certezza ai medici che prescrivono gli esami senza rischiare nulla". "Il nostro sistema sanitario nazionale ha 45 anni, è un orgoglio di questa nazione. Nessuno mi ha chiesto di fare l'ufficiale liquidatore del Ssn, non avrei mai accettato di fare il ministro. Né il presidente del Consiglio, né nessuno di questo Governo ha mai pensato che siamo qui per liquidare il sistema sanitario nazionale”, ha detto. Il ministro ha detto che per il Fondo sanitario nazionale ci sono134 miliardi di euro, "la più grande cifra in assoluto mai messa a disposizione", ma "oltre ad avere più soldi, bisogna essere sicuri che vengano spesi bene per migliorare la qualità di salute degli italiani. Questo è un governo che da subito ha messo al centro dell'attenzione la sanità". I soldi in più che sono stati stanziati sono "a disposizione dei due principali attori, ossia i cittadini e gli operatori sanitari". Sul fenomeno dei medici a gettone, Schillaci ha rilevato che "siamo intervenuti da subito in questa direzione, cercando di calmierare il fenomeno dei gettonisti e di intervenire sul punto debole del sistema, il pronto soccorso" e "stiamo lavorando con fondi del Pnrr per realizzare la medicina territoriale. Non è vero - ha precisato - che abbiamo sbagliato il numero delle case di comunità, è semplicemente vero che con quei fondi che erano stati stanziati, essendo aumentati in un periodo bellico così complesso i costi di produzione delle infrastrutture del 30%, si possono realizzare il 20% in meno. Ma quelle infrastrutture che mancano saranno realizzate con altri fondi, quindi non abbiamo tagliato nulla. Ci sta a cuore la salute degli italiani, non vogliamo privatizzare", ha aggiunto Schillaci.

Sul piano europeo, il ministro del dicastero della Salute si dice convinto “che con il prossimo voto di giugno conteremo ancora di più per cambiare in meglio l'Europa". "L'Italia è stata la prima Nazione a prendere una posizione chiara su alcuni problemi che riguardano la farmaceutica, ha detto riferendosi ai costi delle materie prime e alla dipendenza in questo campo da nazioni come la Cina e l'India. "Vogliamo rilanciare il sistema Italia e il sistema Europa e per questo abbiamo preso una chiara posizione contro chi voleva ridurre patenti e proprietà intellettuale", ha aggiunto. Sempre sul fonte europeo, Schillaci ha rilevato che "abbiamo detto in modo chiaro 'no' al green pass dell'Oms" e questo "non toglie nulla ai cittadini italiani che hanno il fascicolo sanitario elettronico che permette di avere assistenza sanitaria all'estero". "Abbiamo preso una posizione molto critica sul trattato pandemico che viene proposto dall'Oms. Siamo, insieme ad altri quattro o cinque Paesi, quelli che hanno fatto notare tante situazioni che non vanno in questo trattato pandemico. E non abbiamo nessuna intenzione di cedere nessuna sovranità nazionale, men che meno all'Oms e quindi aspettiamo di vedere l'evolversi di questo negoziato, ma siamo completamente allineati alle dichiarazioni sempre fatte dal nostro governo su questo tema". Riguardo alle persone che denunciano di essere state danneggiate dai vaccini anti Covid, infine, Schillaci ha detto che c'è l'intenzione di potenziare la commissione del ministero che si occupa dei danni in generale da farmaci "vogliamo potenziarla e andare a verificare puntualmente che cosa è successo nel periodo Covid per quanto riguarda i vaccini".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Entro dicembre, i cittadini potranno utilizzare il Fascicolo sanitario elettronico in modo operativo per ottenere varie prestazioni. Le novità sono state presentate alla stampa oggi
I punti di avvicinamento e le discrepanze più evidenti fra i modelli di riforma della sanità messi al tavolo dai maggiori partiti. Tra un’opposizione che vorrebbe rifinanziare la sanità e un governo osservante dei parametri europei
“Con il Pnrr abbiamo assegnato oltre mezzo miliardo di euro al potenziamento della ricerca biomedica del Servizio sanitario nazionale”. Le parole del ministro della Salute, Orazio Schillaci all'evento 'Improving human life and technology'
"La Commissione per lo studio e l'approfondimento delle problematiche relative alla colpa professionale medica ha compiuto un ottimo lavoro e ha consegnato la sua relazione". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Carlo Nordio

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Vendo | Veneto
Vendesi attività di studio dentistico in comune limitrofo a Castelfranco Veneto. Lo studio è di circa 130 metri quadri con...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa