Professione medica
Liste attesa
23/04/2024

Liste attesa, la Lombardia fissa limiti di tempo per le visite. Ecco come funzionerà

Tra le novità approvate in Lombardia nella delibera di giunta “anche dei “tempari”, cioè dei limiti di tempo per la durata di esami e visite e tempi ridotti per la consegna dell’esito degli esami

sanita-liste-dattesal

Riordino delle agende di ospedali e ambulatori pubblici e privati convenzionati, tempi stretti per le visite, consegna dei referti in 3-5 giorni. E da lunedì 6 maggio l’attività degli ambulatori diagnostici si estende dalle 16 alle 20 e al sabato mattina per le prestazioni dove si attende di più. Sono le novità approvate in Lombardia nella delibera di giunta “Ulteriori determinazioni in ordine al contenimento dei tempi di attesa” il 22 aprile. Alla presentazione c’era il governatore Attilio Fontana con l’Assessore Guido Bertolaso. Da maggio, le Ats dovranno garantire almeno il 60 % degli slot delle agende per le prestazioni di specialistica ambulatoriale a canali esterni della Rete regionale di prenotazione quali Contact center, cittadino online, o farmacie. Le Ats dovranno vincolare il 10% del budget dei privati al raggiungimento di obiettivi individuati dalle stesse Ats. Metà di questa quota arriverà dall’aumento del 10% delle prime visite e del 5% di ecografie, endoscopie ed altra diagnostica strumentale. Tra aprile e dicembre gli ospedali pubblici dovranno garantire 4,1 milioni di prestazioni, di cui 1,5 milioni di prime visite e 2,5 milioni di esami, mentre gli ospedali privati convenzionati dovranno effettuare 3,1 milioni di prestazioni tra quelle rientranti nel Piano nazionale gestione liste di attesa, di cui 1,25 milioni nell’area dell’Ats Milano. Novità importante: in caso di indisponibilità della prestazione nei tempi fissati, la struttura chiamata dal cittadino si attiverà per individuare altri Enti pubblici o privati accreditati del territorio; e se nulla trova, la struttura erogherà la prestazione in libera professione con oneri a proprio carico escluso il ticket. Altresì, se il paziente rinuncia alla prima disponibilità offerta nei tempi nel territorio di assistenza non potrà richiedere di fruire della prestazione in libera professione, come del resto se si prenota volontariamente nel privato o in intramoenia non potrà poi chiedere il rimborso della spesa sostenuta. La direzione Welfare monitorerà ogni mese per correggere eventuali criticità nei territori.

La nuova delibera prevede, inoltre, dei “tempari”, cioè dei limiti di tempo per la durata di esami e visite e tempi ridotti per la consegna dell’esito degli esami. Un'ecografia all'addome non dovrà durare più di un quarto d’ora; dovranno bastare 20 minuti per una prima visita dal cardiologo o dal ginecologo; 30 per una risonanza magnetica; 45 per una polipectomia. I tempi più frequenti di esecuzione rilevati presso gli enti pubblici, che la delibera elenca per ogni prestazione, faranno da parametro. «Non andremo a controllare con il cronometro», precisa l'assessore al Welfare Guido Bertolaso. «Stiamo dando delle indicazioni di massima. L'importante è organizzare nel modo migliore la sanità pubblica e privata di questa regione. Vi sono eccellenze, un patrimonio di conoscenze e di risorse umane straordinario, che però ha bisogno di essere organizzato». La delibera riduce poi i tempi di consegna degli esiti degli esami di screening. L’esito della mammografia va rilasciato a 5 giorni dalla prestazione. I centri screening dovranno avvisare le pazienti con esito positivo entro 3 giorni e non oltre i 5 giorni; l’esito del test del sangue occulto nelle feci per lo screening del colon retto va pubblicato nel fascicolo sanitario elettronico a 7 giorni dalla data di esito. I centri screening dovranno avvisare i pazienti con esito positivo entro 3 giorni e non oltre i 6 giorni. È previsto l'invito allo screening alla mammella per tutte le pazienti tra 45 e 74 anni, per il colon retto a tutta la popolazione 50-74 anni e per la prevenzione dei tumori della cervice uterina alle donne 25-29 anni. Gli esami di approfondimento dovranno rispettare tempi rapidi: colonscopia entro 30 giorni dal test di primo livello positivo; per lo screening mammografico entro 28 giorni dal test positivo; per lo screening della cervice uterina entro 45 giorni. La nuova delibera è coperta con 60,95 milioni, due terzi per le strutture pubbliche e un terzo ai privati. Commenta Sergio Dompè vicepresidente Assolombarda con delega alle lifescience: «Si tratta di un grande segnale del sacrificio che Regione Lombardia sta cercando di fare per mettere in testa a tutti la priorità del cittadino. Facendo un confronto con tempi e capacità di risposta negli altri Paesi, per rapporto qualità/prezzo nessun sistema sanitario è come noi. Francia e Germania spendono quasi il 30% in più».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Tra 2019 e 2021 dati Sumai dall'Italia sono andati via oltre 21 mila medici, desiderosi di far valere la specialità, o l’esperienza in cambio di più lauti stipendi
Il presidente Iss elenca le priorità per la sanità italiana, evidenziando che “serve una riforma globale alla luce del fatto che ci possiamo permettere un'assistenza di qualità, pronta e totale, solo attraverso una profonda modifica e rimodulazione"
"Abbiamo tolto i test perché con il test ti giochi il sogno di una vita e soprattutto perché quelli chiusi creano un mercato parallelo della formazione, molto costoso e spesso abbastanza mediocre". Lo ha detto il ministro Anna Maria Bernini,
Nel corso del tempo si è visto come il Long Covid fosse una condizione molto comune e sono numerosi gli studi che si sono concentrati sulla correlazione tra infezione e problemi a livello cerebrale. Se ne parlerà a Roma il 21 maggio presso il Centro Studi Americani

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Altro | Tutta Italia
Mi chiamo Federica Libbia, sono vedova.  Scrivo questo con le lacrime agli occhi perché sono delusa dalla vita.  Non ho...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa


Pacchetto di corsi per 25 ECM

3 corsi Fad per 25 crediti ECM destinati ai medici: Corso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso...