Professione medica
Pensioni
29/03/2024

Pensione anticipata per i medici, Ssn non la incentiva. Ecco il punto per il 2024

Sono arrivati gli incentivi del Milleproroghe: da quest’anno i medici possono chiedere ed ottenere di mantenere gli assistiti fino a 72 anni; per i medici ospedalieri il tetto era già stato prorogato in precedenza. La domanda successiva è: si può ancora andare in pensione?

pensione-stetoscopio-salute

Medici in pensione a 68 anni con Enpam, e con l’Inps a 67 anni negli ospedali privati e a 65 più 40 di servizio effettivo se dirigenti del Servizio sanitario? In realtà questa “triade” valida per la pensione di vecchiaia va incontro a molte eccezioni. Inoltre, le misure recenti convergono nell’aumentare l’età pensionabile. In ambito Inps la regola sono i 67 anni con 20 di contributi inclusivi di riscatto di laurea e periodo di leva (un limite che dal 2016 non cresce perché Istat non registra incrementi della speranza di vita). Ma sono arrivati gli incentivi del Milleproroghe: se tra i contribuenti Enpam il medico convenzionato poteva lasciare gli assistiti anche a 70 anni, da quest’anno nel caso manchino giovani colleghi per rimpiazzarlo può chiedere ed ottenere di mantenere gli assistiti fino a 72 anni; per i medici ospedalieri il tetto era stato portato in precedenza a 72 anni dal Milleproroghe 2023. La domanda successiva è: si può ancora andare in pensione? Sì, ma serve giudizio. Vediamo prima i medici dipendenti, contribuenti Inps, poi i convenzionati, contribuenti Enpam.

Dipendenza - Quest’anno c’è quota 103: si ha diritto se si raggiunge un’età anagrafica di almeno 62 anni ed un’anzianità contributiva minima di 41 anni. Sotto i 41 non si va a meno di non svolgere lavori usuranti, tra i quali quello di medico non c’è per via di una promessa non mantenuta: il legislatore nel 1993 aveva inserito medici e chirurghi d'urgenza ed anestesisti rianimatori tra le categorie incluse, ma il decreto legislativo 273 non è mai stato tradotto da decreti attuativi. C’è di peggio. Con l’ultima Finanziaria l’assegno è ricalcolato in modo da penalizzare chi più in anticipo si pensiona rispetto al requisito dei 67 anni. All’ultimo momento, ai medici che negli anni Novanta erano iscritti a Cassa pensioni sanitari ed agli infermieri che erano iscritti a Cpdel il legislatore ha garantito il calcolo dell’assegno con il sistema retributivo senza penalità per ogni mese che ritarderanno l'anticipo del pensionamento. L’assegno arriverà dopo 3 mesi dalla maturazione dei requisiti (e non 9 come per gli altri pubblici dipendenti) nel 2024, dopo 4 mesi nel 2025, dopo 5 nel 2026, 7 nel 2027 e 9 mesi nel 2028. Una volta in pensione di vecchiaia si può comunque lavorare e si può essere persino riassunti come dipendenti senza tagli all’assegno. Ma attenzione a tre cose: primo, chi va via prima dei 63 anni se inizia a lavorare come dipendente perde il diritto all’assegno previdenziale mentre se inizia un’attività da autonomo perde il diritto al 50% della pensione che eccede la minima dell’Inps, pari a 598 euro mensili. Secondo, attenzione alla controversa normativa sul lavoro dipendente dei pensionati nella Pubblica amministrazione! Terzo, infine, su tutti i redditi lavorativi si devono pur sempre pagare le tasse nonché i contributi pari al 24% dei proventi per Inps, a meno –come vedremo– per Enpam.

Convenzione – Per pensionati ex medici di famiglia, ex pediatri, ex specialisti ed anche ex ospedalieri che continuano a lavorare in proprio, gli anni scorsi un taglio sui contributi all’Enpam ha semplificato la prosecuzione del lavoro se già versano ad altre casse, riducendolo al 9,75% dei proventi. Nelle casse previste dal decreto legislativo 509/94, cioè, preesistenti alla riforma Dini che dirottò il calcolo dell’assegno Inps sul metodo contributivo, andar via in anticipo è nel complesso un’ipotesi prevista, e lo è anche lavorare dopo la pensione. In Enpam è possibile andare in pensione anticipata a partire dai 62 anni se si possiedono 35 anni di contributi e 30 di anzianità di laurea. E quando si raggiungono i 42 anni di contributi non c’è limite di età. Anche per ingegneri e architetti (che possono andare via a 63 anni e 6 mesi con 35 anni di contributi), o per i commercialisti (che possono uscire a 61 anni con 38 di contributi) per andar via senza penalità, ricevere l’assegno, continuare a lavorare da liberi professionisti basta una somma tra età e contributi dai 97 ai 99 anni – e non 100, 102 o 103 come in Inps. Ma niente è regalato. Come dichiara al Sole 24 Ore del 25 marzo il presidente Enpam Alberto Oliveti, «le casse private hanno meccanismi di calcolo per cui chi va in pensione prima si paga da solo il beneficio dell’anticipo ottenendo un assegno ridotto rispetto a quello di vecchiaia».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Arriva per tutti i professionisti sanitari il nuovo manuale sulla formazione continua rivisto dalla rinnovata Commissione ECM. Valido per il triennio 2023-25, rinnova l’obbligo di totalizzare 150 crediti nei tre anni. Ma ci sono gli sconti
Sulle ferie maturate al momento di dimettersi, ma non godute, si susseguono sentenze favorevoli ai dipendenti pubblici che chiedano un’indennità sostitutiva
Snami e Sindacato Medici Italiani hanno qualche dubbio sul tema centrale del ruolo unico, cioè dell’occupazione ad ore più scelte dei nuovi medici, previsto dalla convenzione di medicina generale
Lo ha sancito, dopo altre pronunce favorevoli, anche il Tribunale di Torino in relazione alla richiesta dell’Azienda ospedaliera delle Molinette relativa ai proventi dell’attività intramoenia esercitata dai medici dal 2012 al 2015

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Altro | Trentino-Alto Adige
Studio dentistico affitta postazione lavorativa a colleghi o a medici specialisti

EVENTI
Aderenza alla terapia, il 10 aprile a Roma esperti a confronto
Ottimizzare l’aderenza alle terapie, esplorando nuove strategie di miglioramento dal punto di vista clinico, socioeconomico e organizzativo. Con questo obiettivo...

AZIENDE
Eurosets presenta Landing Advance
Immagine in evidenza Eurosets presenta Landing Advance, un sistema completo e intuitivo che apre nuove frontiere nel campo del monitoraggio multiparametrico in cardiochirurgia...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa


Pacchetto di corsi per 25 ECM

3 corsi Fad per 25 crediti ECM destinati ai medici: Corso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso...