Attualità
Screening
19/01/2024

Rosolia, Iss: “No a screening in gravidanza”. Le indicazioni delle nuove linee guida

L’istituto continua a raccomandarne la vaccinazione, ma sconsiglia gli screening dopo che l’OMS ha dichiarato l’Italia “Rosolia free”

medico base

La raccomandazione allo screening per la rosolia per le donne in gravidanza scompare nella prima parte delle nuove linee guida sulla Gravidanza fisiologica elaborate dal Sistema nazionale linee guida (SNLG) dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), che racchiude al suo interno tre raccomandazioni ad hoc sulla malattia infettiva.
L’Organizzazione mondiale della sanità ha, infatti, dichiarato l’eradicazione della rosolia nel nostro Paese a partire dal 2021. Ciò ha portato all’eliminazione della raccomandazione di screening per questa infezione alle donne in gravidanza.
“Una decisione sbagliata” per il microbiologo Prof. Roberto Burioni che su X (ex Twitter) scrive “Anzi bisognerebbe incoraggiare le donne in età fertile a controllare la situazione sierologica (anche contro altri virus), per poter vivere una futura gravidanza nel modo più sereno e sicuro possibile”. L’Iss risponde a stretto giro in una nota.

Questa raccomandazione è sostenuta da:
- un tasso di copertura vaccinale nella popolazione generale (ottobre 2022) pari a 93,8% a 24 mesi di età (coorte di nascita 2020) e un tasso di copertura vaccinale a 18 anni (coorte di nascita 2003) del 93,3% per la prima dose e dell'89,0% per la seconda dose;
- da una incidenza di sindrome da rosolia congenita inferiore a 1 su 100mila nati vivi nel 2013, con assenza assoluta di casi dal 2018;
- dall'inclusione dell'Italia nel 2021 nella lista dell'Organizzazione mondiale della sanità dei Paesi che hanno raggiunto l'eliminazione della trasmissione endemica del virus;
- dalla presenza di un sistema di sorveglianza dell'infezione in grado di rilevare tempestivamente ogni eventuale variazione del quadro epidemiologico nazionale".

Lo screening per la batteriuria asintomatica, che veniva raccomandato a tutte le donne in gravidanza, non viene più offerto, sia per l’incertezza della sua efficacia nel ridurre le infezioni delle vie urinarie che si desiderano prevenire, sia per i benefici derivanti dalla riduzione dell’uso inappropriato di antibiotici, che rappresenta oggi una concreta minaccia per la salute pubblica.
Rimane invece raccomandata la vaccinazione. Poiché la vaccinazione rappresenta l’unica strategia efficace di prevenzione della rosolia, la linea guida Gravidanza fisiologica raccomanda inoltre di offrire la vaccinazione anti-rosolia dopo il parto a tutte le donne suscettibili - le donne, cioè, che non abbiano documentazione di avvenuta vaccinazione con due dosi di vaccino o di pregressa infezione - e di informarle sulla gratuità dei test per verificare la suscettibilità̀ e della gratuità della vaccinazione in periodo preconcezionale.

TAG: Rosolia
Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Tutta Italia
Per noi di Esserre Pharma, vedere il team crescere e diventare anno dopo anno una vera squadra, unita da valori e...

EVENTI
Ricerca, dati e digitalizzazione: nuovi equilibri per la sostenibilità della salute
Fondazione Roche, Studio Legale LCA e EDRA sono lieti di invitarvi all'evento "Ricerca, dati e digitalizzazione: nuovi equilibri per la...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa