Clinica
Ricerca
16/01/2024

Il Virus Respiratorio Sinciziale può danneggiare le cellule nervose. Ecco come

Lo studio, pubblicato sul Journal of Infectious Diseases, rivela come RSV possa infettare le cellule nervose e scatenare un'infiammazione che porta danni ai nervi

neuroni sinapsi

Una recente ricerca condotta dall'Università di Tulane ha portato alla luce una sorprendente scoperta sul Virus Respiratorio Sinciziale (RSV), noto per essere una comune infezione nei bambini e negli anziani. Lo studio, pubblicato sul Journal of Infectious Diseases, rivela come RSV possa infettare le cellule nervose e scatenare un'infiammazione che porta danni ai nervi.

Da quando il virus è stato scoperto nel 1956, si pensava che infettasse esclusivamente le vie respiratorie. Tuttavia, questo studio dimostra che il Virus Respiratorio Sinciziale può penetrare nelle cellule nervose, fornendo un collegamento chiaro tra virus e sintomi neurologici segnalati nei bambini.

Precedenti rilevazioni avevano trovato tracce di RSV nel liquido spinale di bambini affetti da crisi epilettiche. Inoltre, il 40% dei bambini di età inferiore ai 2 anni risultati positivi al RSV ha mostrato segni di encefalopatia acuta, un danno cerebrale che può causare confusione, perdita di memoria o difficoltà cognitive.

La ricerca ha utilizzato colture nervose periferiche 3D coltivate a partire da cellule staminali e embrioni di ratto. Dopo aver scoperto che possono essere infettate dal RSV, i ricercatori hanno constatato che il virus induce il rilascio di chemochine – proteine che combattono le infezioni controllando le cellule immunitarie – e causa un'infiammazione significativa.

A bassi livelli di infezione da RSV, i nervi diventano iperreattivi alla stimolazione. A livelli più elevati, è stata osservata una progressiva degenerazione del nervo e un aumento della neurotossicità a causa dell'eccessiva infiammazione.

Lo studio ha anche scoperto che il RSV potrebbe entrare nel midollo spinale attraverso i nervi periferici nonostante non abbia la capacità di entrare direttamente nei neuroni spinali. Saranno necessarie ulteriori ricerche per esplorare questo meccanismo, ma i ricercatori teorizzano che, utilizzando i nervi periferici, il virus possa bypassare la barriera emato-encefalica ed entrare nel sistema nervoso centrale e infettare il cervello. Se confermato, ciò potrebbe segnalare un collegamento tra il RSV e altri disturbi neurologici o dello sviluppo.

"I risultati sottolineano gli impatti potenzialmente a lungo termine della malattia, così come l'importanza delle misure preventive quali i due vaccini RSV approvati dalla FDA nel 2023", afferma il Dr. Giovanni Piedimonte, vice president for research and professor of pediatrics, biochemistry and molecular biology e professore di pediatria, biochimica e biologia molecolare alla Tulane University.

"Il nostro studio dimostra che non solo l'infiammazione indirettamente attiva i nervi, ma che il virus può penetrare direttamente in essi", spiega Piedimonte. Questa iperreattività nervosa potrebbe spiegare perché i bambini che contraggono il RSV sono in seguito più propensi a sviluppare sintomi asmatici.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
L'obesità è riconosciuta come una condizione multifattoriale, cronica, recidivante e non trasmissibile, caratterizzata da un accumulo anomalo o eccessivo di grasso corporeo che può compromettere la salute
Il fumo di sigaretta ha rappresentato li fattore legato al maggior numero di casi di cancro e morti, seguito dal sovrappeso e dal consumo di alcol. Nel dettaglio, il fumo di sigaretta è risultato essere il principale fattore di rischio
Nonostante la mancanza di una cura definitiva, la psoriasi rappresenta un notevole peso psicologico ed economico per i pazienti. Lo studio analizza le relazioni fra microbioma e patologia
La prevalenza del PI-IBS varia a seconda dell'agente patogeno, con la più alta prevalenza associata ai parassiti, seguiti dai batteri e virus. Campylobacter è stato associato alla più alta prevalenza di PI-IBS, mentre Proteobacteria e SARS-CoV-2 hanno mostrato le più alte probabilità di portare PI-IBS

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Lombardia
Sanipiù per un prestigioso ospedale privato sito a Milano che deve implementare l'organico medico, ricerca un/a:MEDICO FISIATRAPROFILORequisiti:Laurea in Medicina e...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa