Clinica
Ricerca
15/01/2024

Depressione, da Iss metodo matematico che predice speranze guarigione

Una tecnica matematica nota come network analysis ha misurato la cosiddetta plasticità, cioè la capacità di modificare l'attività del cervello e il comportamento, fondamentale per passare dalla psicopatologia al benessere mentale

neuroni

Un metodo matematico potrebbe predire le probabilità di guarigione dalla depressione. Lo dimostra uno studio dell'Istituto superiore di sanità, pubblicato su 'Nature Mental Health', che apre nuove prospettive di prevenzione e di cura contro la malattia e altre patologie della psiche. La ricerca - spiega l'Iss - ha sviluppato un metodo per misurare la cosiddetta plasticità, cioè la capacità di modificare l'attività del cervello e il comportamento, fondamentale per passare dalla psicopatologia al benessere mentale. "A tale scopo - afferma Igor Branchi del Centro di riferimento per le scienze comportamentali e la salute mentale dell'Istituto superiore di sanità, che ha coordinato lo studio - abbiamo impiegato una tecnica matematica nota come network analysis. L'obiettivo era dimostrare come la plasticità possa essere misurata matematicamente valutando la forza della connettività nella rete dei sintomi, ossia la frequenza con cui i sintomi della depressione si modificano assieme. Maggiore è la sincronia delle variazioni di diversi sintomi, più alta è la coerenza (connettività) del sistema e minore è la sua plasticità: in questo lavoro si dimostra come configurazioni più connesse siano più difficili da modificare rispetto a configurazioni in cui i legami tra sintomi sono meno forti".

Per verificare il metodo - riferisce l'Iss - i ricercatori hanno esaminato i dati provenienti da uno degli studi più rilevanti sulle strategie di trattamento della depressione, noto come Star*D e fornito dal National Institute of Mental Health degli Stati Uniti, analizzando la traiettoria di miglioramento di oltre 4mila individui depressi. "L'analisi - prosegue Branchi - ha confermato come il nostro approccio matematico sia in grado di misurare la capacità dei pazienti di modificare il proprio stato depressivo".

"In particolare - spiega lo specialista - abbiamo dimostrato come la forza della connettività dei sintomi, misurata all'inizio dello studio, fosse più debole nei pazienti che avrebbero successivamente mostrato una maggiore plasticità, presentando un miglioramento significativo (responders) rispetto a quelli che avrebbero invece mostrato un miglioramento meno sensibile (non-responders). Inoltre, abbiamo evidenziato una correlazione altamente significativa tra la connettività dei sintomi e sia il miglioramento dello stato depressivo sia la predisposizione a cambiare umore in base alla qualità percepita della vita".

Per gli autori "questo metodo permette di stimare la probabilità di cambiamento, ma non consente di prevedere con certezza lo stato futuro di salute dell'individuo, che dipende da una moltitudine di fattori”, precisano.

"In conclusione - chiude Branchi - questa operazionalizzazione, ovvero lo sviluppo di una misura di un concetto astratto come la plasticità, fornisce uno strumento matematico utile per predire la resilienza, la vulnerabilità e il recupero, aprendo la strada a nuovi approcci nella prevenzione e nel trattamento del disturbo depressivo maggiore e, più in generale, dei disturbi psichiatrici".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
L'obesità è riconosciuta come una condizione multifattoriale, cronica, recidivante e non trasmissibile, caratterizzata da un accumulo anomalo o eccessivo di grasso corporeo che può compromettere la salute
Il fumo di sigaretta ha rappresentato li fattore legato al maggior numero di casi di cancro e morti, seguito dal sovrappeso e dal consumo di alcol. Nel dettaglio, il fumo di sigaretta è risultato essere il principale fattore di rischio
Nonostante la mancanza di una cura definitiva, la psoriasi rappresenta un notevole peso psicologico ed economico per i pazienti. Lo studio analizza le relazioni fra microbioma e patologia
La prevalenza del PI-IBS varia a seconda dell'agente patogeno, con la più alta prevalenza associata ai parassiti, seguiti dai batteri e virus. Campylobacter è stato associato alla più alta prevalenza di PI-IBS, mentre Proteobacteria e SARS-CoV-2 hanno mostrato le più alte probabilità di portare PI-IBS

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Lombardia
Sanipiù per un prestigioso ospedale privato sito a Milano che deve implementare l'organico medico, ricerca un/a:MEDICO FISIATRAPROFILORequisiti:Laurea in Medicina e...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa