Farmaci
Vaccini
09/11/2023

“I vaccini tornano a scuola”, come promuovere la cultura della prevenzione e immunizzare tra i banchi

In via di pubblicazione un toolbox con strumenti operativi per gli operatori sanitari che vogliono avviare campagne vaccinali nelle scuole. Il progetto punta ad estendersi sul territorio nazionale

vaccino bambino

Con le coperture vaccinali che sono in discesa soprattutto in alcune fasce della popolazione come bambini e adolescenti, si cercano nuove strategie per raggiungere i ragazzi e le loro famiglie, anche per sensibilizzare all’importanza della prevenzione. “I vaccini tornano a scuola” è un progetto che mira a tornare a vaccinare nelle scuole, come si faceva negli anni ottanta, come si è fatto negli anni novanta per l’epatite A e come si è fatto anche durante la pandemia, quando le palestre delle scuole si sono trasformate in hub vaccinali. L’iniziativa, che conta anche di un toolbox per chi vuole avviare programmi di immunizzazione nelle scuole, è stata presentata martedì 7 novembre, nell’ambito di un incontro che si è tenuto da remoto e al quale hanno preso parte diversi esperti.

Il progetto parte da Taranto dove Michele Conversano, del dipartimento di Prevenzione ASL Taranto e past president della SItI, ha avviato un’esperienza pilota grazie alle quale, in pochi anni, i tassi di copertura vaccinale hanno raggiunto livelli, in alcuni casi, superiori del 50% al dato nazionale. Una dimostrazione del ruolo che gioca la scuola nei programmi di immunizzazione che si rilevano efficaci, grazie al corretto coinvolgimento di dirigenti scolastici, docenti, famiglie e studenti. Il progetto prevede la pubblicazione di un toolbox, una vera e propria “cassetta degli attrezzi” con materiali come slidekit e brochure informative sulle malattie infettive, lettere al personale sanitario e scolastico e inviti alla vaccinazione, rivolta agli operatori sanitari che intendono mettere a punto campagne vaccinali nelle scuole. Il progetto ha il contributo non condizionante di Sanofi.

Secondo Roberta Siliquini, presidente della Società Italiana d’Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (Siti), la pandemia di Covid-19 “ha mostrato che si può raggiungere la popolazione in modo capillare. Il vero pilastro di questo progetto – aggiunge Siliquini riferendosi al toolbox e all’esperienza di Taranto - fa sì che i giovani vengano sensibilizzati nel luogo dove si formano le coscienze di adulti, sia come individuai che come collettività”. La prevenzione, che secondo l’esperta sarà sempre più sostenibile, “ha bisogno di cultura della scienza che deve essere trasmessa già nei primi anni di vita, attraverso i docenti, i genitori, ma anche attraverso il cambiamento culturale. La scuola è troppo importante per la salute pubblica per non essere sempre più coinvolta”, conclude Siliquini.

All’incontro ha preso parte anche Giovanni Gabutti, coordinatore del Gruppo Vaccini della Siti, che ha spiegato come la necessità di vaccinare abbia una duplice valenza: fornire una protezione individuale o una protezione a livello di popolazione, che “è ciò che stiamo facendo nel nostro Paese”. L’Italia “è sempre stata all’avanguardia in questo tema e il nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale presenta novità importanti: armonizzare gli interventi vaccinali superando le differenze tra le Regioni e cercare di creare una rete di operatori che sostengono la vaccinazione”, prosegue Gabutti sottolineando che il Piano comprende un calendario vaccinale aggiornabile in base alle esigenze epidemiologiche e alle evidenze scientifiche, sempre nell’ottica di migliorare le coperture. L’esperto, infatti, segnala il problema del calo di coperture registrato in Italia a partire dal 2013, dovuto a una sempre maggiore “esitazione vaccinale”. “Siamo stati bravi a lavorare sulla prima infanzia, ma con l’avanzare dell’età emergono nuove criticità e la scuola ha un ruolo fondamentale nell’implementazione di programmi di immunizzazione dell’infanzia e dell’adolescenza”, osserva Gabutti.

Mentre Michele Conversano, ripercorrendo la storia delle vaccinazioni tra i banchi, sottolinea che in Italia “c’è una tradizione di vaccinazione a scuola che purtroppo è stata dimenticata”. Tuttavia, “diversi lavori scientifici dimostrano come le campagne nelle scuole siano efficaci. Con il Covid siamo stati bravi a vaccinare ovunque, non abbiamo più paura di uscire dai nostri ambulatori, con tutte le garanzie di sicurezza e di igiene che insegniamo agli altri”, prosegue Conversano secondo il quale “la prevenzione si deve fare nelle scuole, dove si formano le culture, per contrastare la disinformazione”.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Tapinarof introduce un'opzione terapeutica non steroidea con potenziali benefici per una vasta gamma di pazienti, riducendo i limiti associati ai trattamenti attuali

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Vendo | Veneto
Vendesi attività di studio dentistico in comune limitrofo a Castelfranco Veneto. Lo studio è di circa 130 metri quadri con...

EVENTI
Giornata nazionale della salute della donna, il 22 aprile a Roma incontro internazionale
Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all'...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa