Governo e Parlamento
Intervista
06/10/2023

Trasformare studi Mmg in case della salute Spoke. L'intervista ad Alberto Oliveti (Enpam)

Le dinamiche previdenziali sono negative, c'è una pletora di medici pensionati, l'inflazione erode il patrimonio dell'Enpam e la futura pensione. Investire? Le risposte di Alberto Oliveti

Oliveti-Enpam-lEnpam_Cristofariphoto
Le dinamiche previdenziali sono negative, c'è una pletora di medici pensionati, l'inflazione erode il patrimonio dell'Enpam e la futura pensione. Investire? Il 2022 è stato un anno negativo per azioni e obbligazioni. Per far sopravvivere non solo il patrimonio degli iscritti, ma anche la presenza dei medici stessi nel servizio sanitario, la Fondazione punta sulle case della salute, come ha spiegato il Presidente Alberto Oliveti al congresso Fimmg di Villasimius. Finanzierà la riqualificazione di strutture esistenti e ne agevolerà l'affitto o l'acquisto, una chance dedicata soprattutto ai giovani medici. Occhio, non si tratta di case di comunità - i 1400 poliambulatori "hub" previsti dal Piano nazionale di Ripresa e Resilienza- bensì di nuove sedi attrezzate dalla stessa medicina generale. La casa della salute-spoke, come spiega Oliveti a Doctor 33, più che una casa di comunità sussidiaria sarà uno studio convenzionato che cambia pelle. «Enpam aveva già espresso i propri dubbi sul fatto che con 1.350 Case di Comunità, quelle programmate in un primo momento, fosse anche solo immaginabile risolvere tutti i problemi dell'assistenza territoriale. Ne siamo ancora più convinti ora che il governo, causa aumento dei costi, può realizzarne solo 936», spiega. «Invece ci sono già decine di migliaia di studi di medici di famiglia e di pediatri di libera scelta che assolvono a questa funzione in maniera capillare. Certo hanno bisogno di adeguarsi alle novità tecnologiche e alle nuove sfide. Ciò potrà avvenire facendo in modo che gli studi professionali evolvano in aggregazioni che funzionino da Case della salute "spoke". Naturalmente collegate alle Case di Comunità, che possiamo definire "hub", presso le quali potrebbero essere gli stessi medici ad andare a prestare alcune ore ogni settimana in quota oraria. Può essere un vantaggio per tutti: il medico che si è organizzato in una Casa "spoke" potrebbe inviare un paziente alla Casa "hub" proprio nelle ore in cui lui stesso presta servizio, per fare accertamenti più approfonditi con strumenti diagnostici che in periferia non è possibile garantire, o magari per introdurlo di persona ad uno specialista ambulatoriale presente nella struttura».

Le case della salute-spoke vanno verso il superamento degli studi singoli "disseminati" sul territorio?
«Ci sono realtà di medicina di gruppo all'avanguardia che, con cambiamenti minori o nulli, potrebbero già oggi rientrare in un modello di Casa spoke. Per il futuro degli studi singoli bisognerà andare ad analizzare le specifiche realtà. Il modello ideale è quello dove nessun medico lavora da solo. Ma si scontra con la complessità del territorio italiano. Ci sono realtà, ad esempio in montagna o nelle isole, dove è inevitabile che il medico si ritrovi a condurre uno studio singolo come l'abbiamo conosciuto finora. Un modello che, tra l'altro, dimostra anche la ricchezza e la flessibilità del sistema convenzionato, capace di adeguarsi in modo efficace alla peculiarità di tutte le realtà territoriali. Ma anche in questi casi lavorare in rete porterebbe di sicuro dei vantaggi: si pensi, solo per fare un'ipotesi, alle possibilità di beneficiare di una segreteria, anche se situata a distanza presso la Casa spoke, che risponde al telefono e agevola comunque il lavoro in termini di rapporti con i pazienti e di incombenze burocratiche da evadere».

Nelle Case di comunità hub si riuscirà a inserire la medicina di famiglia senza portarla alla dipendenza e al timbro del cartellino?
«Certamente sì! E la risposta si trova nell'Accordo collettivo nazionale della medicina generale, che prevede la possibilità di una remunerazione per quota sia capitaria sia oraria. Il fatto che si sia andati verso il ruolo unico della medicina generale favorisce senz'altro questo tipo di rapporto flessibile. E questo perché nulla vieterebbe, come già detto, che un medico di famiglia possa essere convenzionato per i suoi pazienti che faranno riferimento a lui presso la Casa spoke, e poi per un certo numero di ore settimanali, lo stesso medico, possa prestare servizio nella Casa di comunità hub. In tal modo, nel suo percorso di cura, il paziente verrebbe "accompagnato per mano" dal proprio medico che potrebbe essere presente o comunque integrato».

Che ruolo può avere la casa spoke nell'evitare che il paziente perda contatto con il medico di fiducia?
«Le Case di comunità sono la risposta alla realtà quale si è evoluta: per i medici, in tanti casi, non è più fattibile lavorare senza personale di studio, senza attrezzature, o ritrovarsi a gestire studi con barriere architettoniche o che non consentirebbero di operare in sicurezza in caso di pandemia. Quindi si tratta di un cambiamento necessario. Viceversa, il cittadino continua a scegliere il proprio medico di fiducia, ed è tramite questa scelta che poi può accedere, in caso di bisogno, ai colleghi del medico che operano nella stessa Casa spoke. La professione è valorizzata consentendo a ciascun medico di famiglia di presentarsi agli assistiti come "il primario della propria casa spoke". Con questo modello si potranno attrarre giovani alla professione. E a proposito di giovani medici, è il caso di sottolineare che, in ogni caso, il rinnovamento della medicina generale va affrontato fin dagli anni dell'Università facendo in modo che gli atenei insegnino non più solo la medicina della diagnosi, tipica delle specializzazioni tradizionali, ma anche la medicina dei problemi, attività tipica dei medici di famiglia e dei pediatri di libera scelta. Così come è necessario intervenire sulla formazione post-laurea: non è più tollerabile che ai futuri medici di medicina generale si prospetti un compenso che è metà delle già insufficienti borse di specializzazione. Un messaggio del genere induce i giovani camici bianchi a ritenere erroneamente la medicina generale un percorso di serie B».
Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
C’era attesa per il nuovo testo: l'originale era stato bocciato dalle regioni in quanto ne calpestava i poteri di organizzazione sanitaria. L’aula ha approvato le novità “stoppando” gli emendamenti aggiuntivi a quelli della Commissione
C'è ancora molto da lavorare sugli screening oncologici per i quali tra l'altro risulta un'alta variabilità intraregionale sugli stili di vita e sui tempi d'attesa per le prestazioni ambulatoriali e sugli alti tassi di ospedalizzazione
I dati arrivano dal ministro della Salute Orazio Schillaci al primo incontro dell’intergruppo dei parlamentari di Camera e Senato dedicato a prevenzione ed esigenze sanitarie nelle aree interne. Si tratta di aree montane spopolate in parte
Il Consiglio Nazionale Fnomceo si è appena pronunciato: le regole per le professioni sanitarie non possono essere affidate alle regioni, come invece potrebbe essere

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Lombardia
Sanipiù per un prestigioso ospedale privato sito a Milano che deve implementare l'organico medico, ricerca un/a:MEDICO FISIATRAPROFILORequisiti:Laurea in Medicina e...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa