Clinica
15/09/2023

Scoperto un nuovo tipo di cellule cerebrali cruciali per memoria, apprendimento e movimento

Un recente studio pubblicato su Nature ha rivelato l'esistenza di un tipo di cellule cerebrali precedentemente sconosciute, chiamate astrociti glutammatergici, che svolgono un ruolo cruciale nella regolazione della memoria, dell'apprendimento e del movimento. Questa scoperta è il risultato di una ricerca internazionale in cui l'Italia ha giocato un ruolo significativo.

La ricerca è stata condotta sotto la guida del professor Andrea Volterra dell'Università di Losanna, in Svizzera, da un team di ricercatori internazionale, tra cui la farmacologa e neuroscienziata Ada Ledonne, ora ricercatrice presso l'Università di Roma Tor Vergata e l'Irccs Santa Lucia. Questo studio ha dimostrato che gli astrociti glutammatergici influenzano l'attività neuronale, la neurotrasmissione e la plasticità sinaptica in importanti circuiti cerebrali associati all'apprendimento, alla memoria e al controllo del movimento.

Gliastrociti glutammatergici rappresentano una terza categoria di cellule cerebrali, oltre ai neuroni e alla glia, che sono state a lungo considerate la parte non neuronale del cervello, responsabile di fornire supporto strutturale, nutrimento e regolazione dell'ambiente encefalico. Queste nuove cellule sono caratterizzate da alcune peculiarità, tra cui la capacità di rilasciare il neurotrasmettitore glutammato, una caratteristica precedentemente attribuita solo ai neuroni.
L'identificazione del meccanismo a livello molecolare necessario al rilascio rapido dei neurotrasmettitori ha portato alla scoperta di questo nuovo tipo di cellule funzionali per il cervello. Le cellule possiedono le caratteristiche e la forma degli astrociti ma funzionano soprattutto come i neuroni con la capacità di liberare il neurotrasmettitore glutammato.
In particolare, è emerso che questi astrociti svolgono un ruolo chiave nella regolazione del circuito cerebrale coinvolto nel controllo del movimento, noto come sistema dopaminergico nigrostriatale, la cui disfunzione è legata alla malattia di Parkinson. Inoltre, influenzano la plasticità sinaptica neuronale, un processo essenziale per i meccanismi di apprendimento a lungo termine.

"La scoperta di questa nuova tipologia di cellule cerebrali con caratteristiche intermedie tra astrociti e neuroni risolve, in definitiva, le precedenti controversie sulla capacità degli astrociti di effettuare rilascio vescicolare di trasmettitori e costituisce un significativo avanzamento della conoscenza dei meccanismi di funzionamento del cervello, con implicazioni per la comprensione dei meccanismi patogenetici e il trattamento delle malattie cerebrali" conferma Nicola Biagio Mercuri professore ordinario di Neurologia a "Tor Vergata".

Questa scoperta rappresenta un significativo avanzamento nella comprensione dei meccanismi di funzionamento del cervello e potrebbe avere importanti implicazioni nella ricerca di terapie per diverse patologie neurologiche. Gli astrociti glutammatergici, essendo una componente chiave del sistema neurale, aprono nuove strade per lo sviluppo di terapie mirate che potrebbero influenzare positivamente il decorso delle malattie cerebrali. Inoltre, la loro importanza nella plasticità sinaptica potrebbe aprire nuovi orizzonti nella comprensione dei processi di apprendimento e memoria. In definitiva, questa scoperta getta nuova luce sulla complessità del cervello umano e offre opportunità per future ricerche e applicazioni terapeutiche.
Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
L'obesità è riconosciuta come una condizione multifattoriale, cronica, recidivante e non trasmissibile, caratterizzata da un accumulo anomalo o eccessivo di grasso corporeo che può compromettere la salute
Il fumo di sigaretta ha rappresentato li fattore legato al maggior numero di casi di cancro e morti, seguito dal sovrappeso e dal consumo di alcol. Nel dettaglio, il fumo di sigaretta è risultato essere il principale fattore di rischio
Nonostante la mancanza di una cura definitiva, la psoriasi rappresenta un notevole peso psicologico ed economico per i pazienti. Lo studio analizza le relazioni fra microbioma e patologia
La prevalenza del PI-IBS varia a seconda dell'agente patogeno, con la più alta prevalenza associata ai parassiti, seguiti dai batteri e virus. Campylobacter è stato associato alla più alta prevalenza di PI-IBS, mentre Proteobacteria e SARS-CoV-2 hanno mostrato le più alte probabilità di portare PI-IBS

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Lombardia
Sanipiù per un prestigioso ospedale privato sito a Milano che deve implementare l'organico medico, ricerca un/a:MEDICO FISIATRAPROFILORequisiti:Laurea in Medicina e...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa