Clinica
27/07/2023

Caldo estremo e inquinamento possono raddoppiare il rischio di morte per infarto

Secondo uno studio pubblicato su Circulation, quasi il 3% di tutti i decessi per infarto miocardico avvenuti in un periodo di cinque anni nella provincia di Jiangsu, in Cina, potrebbe essere attribuito all'esposizione a temperature estreme e alla scarsa qualità dell'aria.
«I periodi di temperature estreme stanno diventando più frequenti, più lunghi e più intensi, e i loro effetti negativi sulla salute suscitano crescente preoccupazione. Un altro problema è la presenza di particolato fine nell'aria, che può interagire sinergicamente con le temperature estreme e influire negativamente sulla salute cardiovascolare. Tuttavia, non è noto se e come la co-esposizione a questi elementi possa aumentare il rischio di morte per infarto» spiega in un comunicato stampa Yuewei Liu, dell'Università Sun Yat-sen di Guangzhou, in Cina, che ha diretto il gruppo di lavoro.
Per approfondire la questione, i ricercatori hanno esaminato i dati relativi a 202.678 decessi per infarto miocardico dal 2015 al 2020, e hanno valutato l'associazione tra esposizione a ondate di caldo e di freddo e al particolato fine (PM2.5) e la morte per infarto. La maggior parte della provincia dello Jiangsu ha un clima subtropicale umido con quattro stagioni distinte, mentre il clima nelle aree più settentrionali diventa continentale umido. Gli esperti hanno definito un'ondata di caldo come temperatura giornaliera uguale o superiore al 95° percentile di temperatura per almeno tre giorni consecutivi, e un'ondata di freddo come temperatura giornaliera inferiore o uguale al 5° percentile di temperatura per almeno tre giorni consecutivi. Ebbene, l'analisi dei dati ha stimato che fino al 2,8% dei decessi per infarto miocardico dal 2015 al 2020 erano attribuibili all'esposizione a temperature estreme e a livelli di PM2,5 superiori alle linee guida sulla qualità dell'aria dell'OMS (37,5 g/m3). Dopo l'aggiustamento per l'esposizione a temperature estreme, la probabilità di morte per infarto è aumentata in modo monotono con l'aumento dell'esposizione a PM2,5, e si è attenuata dopo un breakpoint stimato di 39,5 g/m3. «Abbiamo osservato un effetto sinergico tra l'esposizione alle ondate di calore e il PM2,5 e un aumento delle probabilità di morte per infarto del miocardio; tuttavia, non abbiamo osservato alcun effetto interattivo tra l'esposizione al freddo e il PM2,5 e le probabilità di morte per infarto» concludono gli autori.

Circulation 2023. Doi: 10.1161/CIRCULATIONAHA.122.063504
https://doi.org/10.1161/CIRCULATIONAHA.122.063504
Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Incrociando i dati di 19 studi scientifici, per un totale di oltre 20.000 individui coinvolti, lo studio mostra un'efficacia superiore al 50%, cioè riduce del 50% il rischio di ammalarsi
I risultati hanno dimostrato che risankizumab non è inferiore a ustekinumab in termini di remissione clinica alla settimana 24, ed è addirittura migliore nella remissione endoscopica alla settimana 48
La prevalenza del PI-IBS varia a seconda dell'agente patogeno, con la più alta prevalenza associata ai parassiti, seguiti dai batteri e virus. Campylobacter è stato associato alla più alta prevalenza di PI-IBS, mentre Proteobacteria e SARS-CoV-2 hanno mostrato le più alte probabilità di portare PI-IBS
Il test immunochimico fecale è uno strumento ampiamente utilizzato per lo screening del carcinoma colorettale, ma finora le prove della sua efficacia erano limitate

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Tutta Italia
Noos Srl è un'azienda farmaceutica italiana in forte crescita, operante nello sviluppo e nella commercializzazione di farmaci, dispositivi medici ed integratori...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa