Farmaci
12/07/2023

Tumori, ok Ue a primo anticorpo bispecifico per linfomi aggressivi

Via libera Ue al primo anticorpo bispecifico mirato alla forma più cattiva di linfoma. Roche annuncia che la Commissione europea ha concesso l'Autorizzazione all'immissione in commercio condizionata per glofitamab (Columvi*) nel trattamento di pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B (Dlbcl) recidivante o refrattario (R/R) dopo due o più linee di terapia sistemica. "Grazie a questa approvazione - sottolinea il gruppo svizzero - glofitamab diventa il primo anticorpo bispecifico CD20xCD3 attivante i linfociti T disponibile per il trattamento di pazienti europei con la forma più comune e aggressiva di linfoma in seguito a due o più linee terapeutiche".

Ogni anno in Europa circa 36mila persone ricevono una diagnosi di Dlbcl, spiega una nota. Mentre molti pazienti con Dlbcl rispondono al trattamento iniziale, 4 su 10 non traggono alcun beneficio dall'attuale standard di cura - il trattamento di prima linea - e la maggior parte dei pazienti che richiedono linee di terapia successive ottiene esiti scarsi".
"I pazienti affetti da Dlbcl pesantemente pretrattati o refrattari avevano purtroppo poche alternative terapeutiche - rimarca Paolo Corradini, professore ordinario di Ematologia all'università degli Studi di Milano e direttore della Divisione di Ematologia della Fondazione Irccs Istituto nazionale tumori di Milano, che ha partecipato allo studio registrativo di glofitamab e ha trattato già diversi pazienti nell'ambito dell'uso compassionevole attivo in Italia - Negli ultimi anni il panorama terapeutico si è arricchito di terapie efficaci, come ad esempio le Car-T e ora, con l'approvazione di glofitamab, avremo un'ulteriore svolta significativa nel trattamento di questi pazienti. I dati attualmente a disposizione suggeriscono come glofitamab riesca a indurre una percentuale consistente di risposte di lunga durata, anche in coloro che hanno in precedenza fallito una terapia a base di Car-T cells, rappresentando quindi una valida terapia di salvataggio".

"Grazie alla partecipazione nello studio di fase 1/2 NP30179 - riferisce Carmelo Carlo-Stella, professore ordinario di Ematologia presso Humanitas University - ho avuto la possibilità di osservare in prima persona le risposte precoci, rapide e durature che glofitamab è in grado di indurre nei pazienti con Dlbcl fortemente pretrattati e refrattari ai trattamenti precedenti. Con questa approvazione i pazienti europei con Dlbcl trattati con almeno due precedenti linee di terapia avranno una nuova opzione terapeutica per la quale è facile prevedere un impatto clinico significativo, potenzialmente curativo in un buon numero di pazienti. Grazie alla sua efficacia e al regime di trattamento di breve durata, glofitamab usato come agente singolo contribuirà ad alleviare alcuni dei carichi fisici ed emotivi causati dalle terapie citotossiche e a migliorare la qualità di vita dei pazienti".

L'ok Ue a glofitamab - dettaglia la nota - si basa sui risultati positivi dello studio registrativo di fase 1/2 NP30179, in cui il farmaco ha indotto risposte veloci, precoci e durature nelle persone con Dlbcl R/R. Complessivamente, l'83,3% dei pazienti era refrattario alla terapia più recente, il 90% era refrattario a qualsiasi precedente linea di terapia e il 35,2% aveva ricevuto una precedente terapia cellulare con Car-T. I risultati hanno dimostrato che l'anticorpo, somministrato in 12 cicli da 21 giorni, ha indotto una risposta completa (Cr) nel 35,2% dei pazienti - oltre un terzo - e che il 50% ha ottenuto una risposta completa o parziale. Tra chi ha ottenuto una risposta completa, il 74,6% l'ha mantenuta a 12 mesi e la durata mediana della risposta completa non è stata raggiunta. Il tempo mediano per ottenere una la risposta completa è stato di 42 giorni. Gli eventi avversi più comuni sono stati sindrome da rilascio di citochine (Crs, 64,3%), neutropenia ossia riduzione dei globuli bianchi (37,7%), anemia (30,5%) e trombocitopenia, cioè, riduzione della conta piastrinica (24,7%). La Crs è stata generalmente di grado lieve (grado 1 48,1%, grado 2 12,3%) e solo un paziente ha interrotto il trattamento per la sindrome.

Ulteriori dati provenienti da una coorte più ampia dello studio NP30179 e pubblicati sul 'New England Journal of Medicine' confermano l'efficacia e la durabilità della risposta ottenuta con glofitamab. Il farmaco è risultato infatti associato a risposte precoci e durature nei pazienti con Dlbcl pesantemente pretrattati o refrattari, con il 39,4% che ha ottenuto una Cr e una Dor (durata della risposta) mediana di 18,4 mesi. Il tempo mediano per il raggiungimento della risposta completa è stato di 42 giorni, con la maggior parte delle risposte identificate alla prima rivalutazione di malattia (circa 1,4 mesi dopo l'inizio del trattamento). Oltre la metà dei pazienti (51,6%) ha ottenuto una risposta parziale o completa. L'evento avverso più comune è stata la Crs, generalmente di grado lieve (grado 1 47,4%, grado 2 11,7%) e verificatasi alle dosi iniziali. Eventi avversi correlati a glofitamab che hanno determinato l'interruzione del trattamento si sono verificati solo nel 3,2% dei pazienti.

Glofitamab è già stato approvato dall'americana Fda e anche in Canada, e la presentazione di domande di registrazione ad altre autorità regolatorie in tutto il mondo è attualmente in corso, riporta Roche. Nell'ambito di un ampio programma di sviluppo clinico di anticorpi bispecifici CD20xCD3 attivanti i linfociti T - rimarca il gruppo - Roche sta esplorando il potenziale di glofitamab e mosunetuzumab in linee di trattamento precoci e in combinazione con altre molecole innovative e che non richiedono chemioterapia, come polatuzumab vedotin, con l'obiettivo di fornire ai pazienti risultati più duraturi. L'azienda continuerà il programma di sviluppo clinico di glofitamab, che include lo studio di fase 3 Starglo che valuta glofitamab in ​​combinazione con Gemox (gemcitabina e oxaliplatino), rispetto a rituximab in combinazione con Gemox in pazienti con Dlbcl R/R in seconda o successive linee di trattamento non idonei al trapianto autologo di cellule staminali. Sono inoltre previsti ulteriori studi di fase 3 nei pazienti con nuova diagnosi di Dlbcl, indagando quindi le potenzialità di glofitamab anche come trattamento di prima linea.
Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
L’approccio ha già rivelato come diversi farmaci comunemente prescritti possono interferire tra di loro a livello dei trasportatori presenti nel tratto gastrointestinale
Il gene “disattivato” tramite tecniche epigenetiche dai ricercatori è PCSK9, notoriamente coinvolto nella regolazione dei livelli di colesterolo nel sangue nei topi
Lo studio, pubblicato sul Journal of Hospital Infection, ha rivelato attraverso analisi genomiche e microbiologiche che la nuova specie è resistente a molti antibiotici di uso comune
A pochi giorni dalla disponibilità in commercio, la combinazione folsevodopa/foscarbidopa è stata utilizzata per trattare un paziente con malattia di Parkinson e fluttuazioni motorie

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Altro | Emilia-Romagna
Vendo bellissimo e raro irrigatore per uso ginecologico in porcellana bianca, la maggior parte erano in peltro verniciato, progettato dal dott....

EVENTI
Test NGS e tumore al polmone: indicazioni pratiche per un nuovo modello di refertazione
Il 17 gennaio a Roma presso lo Starhotels Metropole si terrà il convegno dal titolo "Test NGS e tumore al...

AZIENDE
Eurosets presenta Landing Advance
Immagine in evidenza Eurosets presenta Landing Advance, un sistema completo e intuitivo che apre nuove frontiere nel campo del monitoraggio multiparametrico in cardiochirurgia...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa


Pacchetto di corsi per 25 ECM

3 corsi Fad per 25 crediti ECM destinati ai medici: Corso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso...