Attualità
15/06/2023

Salviamo il Servizio sanitario nazionale, sit-in in 39 città italiane. Ecco le richieste dei sindacati

Da Bolzano a Catania, oggi in 39 città italiane medici e cittadini scendono in piazza in difesa del diritto alla salute e del servizio sanitario nazionale pubblico e universale. "Le cure che attualmente vengono fornite gratuitamente dal Ssn al paziente vengono messe a rischio da una lenta disgregazione del sistema di cure pubblico", dichiara a Doctor33 Pierino Di Silverio, segretario nazionale Anaao-Assomed, il sindacato dei medici dirigenti del Ssn, a margine della presentazione a Roma della mobilitazione per il Ssn.

"Sono necessari interventi di tipo economico e legislativo: abbiamo bisogno di riformare la cura del paziente, di un'integrazione tra cure territoriali e ospedaliere, di investimenti, di rendere la professione più attrattiva per il professionista e più efficiente per il paziente", prosegue Di Silverio.L'appello delle sigle sindacali presenti è univoco: arrestare la deriva verso la privatizzazione dei servizi sanitari e la frantumazione di un diritto che la Costituzione vuole assicurare anche attraverso la valorizzazione dei professionisti, veri garanti della salute delle persone che tale deriva mette sempre più a rischio. Dopo la presentazione, è stato organizzato un sit-in sotto il ministero dell'Economia e Finanza a Roma per difendere la sanità pubblica. Una scelta non casuale perché "il ministero della Salute è marginale rispetto a questi temi, chi comanda è il Mef e le regioni", dichiara Guido Quici, presidente del sindacato dei medici Federazione Cimo - Fesmed. Con il ministero della Salute ''abbiamo un dialogo frammentato, ma forse il vero ministero è il Mef che non si rende conto che la sanità produce economia", aggiunge Di Silverio.

L'iniziativa nasce dall'Intersindacale della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria insieme ad associazioni di pazienti e cittadini. Sotto al Mef sono arrivati anche semplici cittadini che hanno voluto solidarizzare con i medici e supportarli. "Mancano più di 15mila medici e dirigenti sanitari, più di 10mila medici di cure primarie e 3mila medici di continuità assistenziale. Ogni anno più di 3mila medici si dimettono dal pubblico per andare nel privato. La curva pensionistica registrata fino al 2026 mostra che andranno in pensione 25mila professionisti. La situazione è drammatica e, se non interveniamo subito, non saremo più in grado di garantire servizi ai cittadini".

Così Andrea Filippi, segretario nazionale Fp Cgil medici e dirigenti del Servizio sanitario nazionale (Ssn). Il Def 2024 rappresenta la cartina di tornasole delle politiche sanitarie del Governo in carica, e l'occasione per capire quale modello assistenziale vuole adottare e quali politiche di tutela dei professionisti di cui pure, a parole, riconosce l'importanza per il rilancio della sanità pubblica. Il presente e il futuro della più grande infrastruttura civile del Paese, presidio di coesione sociale e unità nazionale, dipende da quante risorse si vorranno destinare alla sanità e da quale ruolo si vorrà riconoscere alle risorse umane che da troppi anni subiscono le conseguenze di pessime condizioni di lavoro.

"Bisogna valorizzare un sistema pubblico sempre più allo sfascio che prima o poi presenterà il conto ai cittadini", sostiene Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC.

"È indispensabile e urgente che il governo stanzi un finanziamento straordinario per riuscire a salvare il Ssn. Ci sono 6 milioni di poveri, 8 milioni di persone in povertà relativa che, se vengono private anche della sanità, saranno veramente in ginocchio. Non possiamo accettarlo", spiega Aldo Grasselli, Presidente FVM (Federazione Veterinari e Medici).

La questione di fondo è rintracciabile nella mancanza storica di politiche sanitarie strutturali e omogenee sul territorio nazionale, non frammentate in 21 rivoli regionali che da tempo scaricano sui professionisti le responsabilità dei disservizi vittime di una governance datata che condiziona ruoli, processi e relazioni in una cornice burocratica asfissiante. Gli eroi sono stati abbandonati nelle retrovie dai generali di un esercito disorganizzato - scrivono le sigle sindacali in una nota - con contratti di lavoro condannati ad essere sottoscritti a tempo scaduto, che non migliorano le condizioni di lavoro e che non tengono il passo con le retribuzioni Europee. Gli stessi fondi del PNRR rischiano di non essere utili al cambiamento strutturale se non si interviene attraverso un investimento deciso sulle risorse umane anche per prevenire la fuga dei professionisti in cerca di condizioni migliori."Il problema principale è il sottofinanziamento del Ssn. Non si può ormai più assumere per un tetto che ormai è anacronistico e quindi i nostri medici fuggono", sostiene Benedetto Magliozzi, segretario nazionale CISL Medici. Da qui l'appello di dirigenti medici, veterinari e sanitari al Governo di salvare il Ssn, "è ancora possibile", sostengono.

Anna Capasso
Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Dai calcoli renali alla necessità di purificarla, sono molte le fake news che causano pregiudizi sull’acqua del rubinetto. L’Iss ha redatto un documento con 7 falsi miti
Il maggior numero di casi è avvenuta nel Lazio il dato più alto, il più basso nelle Marche. È quanto indica il monitoraggio settimanale della Cabina di regia Istituto superiore di sanità-ministero della Salute
L'infezione provoca febbre molto alta, dolori articolari e muscolari e rash cutaneo. Si trasmette all'uomo attraverso le punture di moscerini o di zanzare. Il principale artropode vettore Culicoides paraensis
Per stabilire se dare una terapia a base di testosterone agli uomini non più giovanissimi con qualche sintomo di carenza, non basta valutare i semplici livelli ormonali nel sangue

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Tutta Italia
Noos Srl è un'azienda farmaceutica italiana in forte crescita, operante nello sviluppo e nella commercializzazione di farmaci, dispositivi medici ed integratori...

EVENTI
Dall’economia al primato della persona
Sarà presentato il secondo Rapporto Fnomceo-Censis: “Il necessario cambio di paradigma nel Servizio sanitario: stop all’aziendalizzazione e ritorno del primato...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa