Farmaci
24/05/2023

Diabete di tipo 1, in arrivo anticorpo monoclonale che ritarda l'insorgenza

Per la prima volta nella storia delle terapie per la prevenzione e il trattamento del diabete di tipo 1 si affaccia sulla scena un farmaco in grado di ritardarne l'insorgenza dai 3 ai 5 anni. Il teplizumab, anticorpo monoclonale somministrabile per via endovenosa al cui sviluppo ha contribuito la ricerca italiana, è stato approvato a novembre dalla statunitense Fda, aprendo la strada al suo utilizzo anche in Europa dove al momento è in fase di revisione da parte delle autorità di regolamentazione dei farmaci nel Regno Unito e nell'Ue. La sfida, come è emerso nella seconda giornata di 'Panorama Diabete' in corso al Palazzo dei congressi di Riccione, è quella della previsione dei soggetti ai quali somministrare il farmaco, che va utilizzato prima dell'insorgenza della malattia.

Se le persone con diabete di tipo 1 in Italia sono circa 180mila - si legge in una nota - il costo umano è elevato poiché sono colpite da una patologia che toglie dai 10 ai 15 anni all'aspettativa di vita. Inoltre, il trattamento delle persone con diabete di tipo 1 è molto oneroso per il sistema sanitario nazionale, con una terapia insulinica a vita, una tecnologia di monitoraggio impegnativa e la necessità di un'assistenza medica specialistica; infine, il diabete di tipo 1 è in crescita annua del 2-3% e durante la pandemia, per cause ignote, è aumentato ancor di più.

"Dopo circa 30 anni di studi e relativi trial clinici finalizzati alla prevenzione dell'insorgenza clinica del diabete tipo 1 nei soggetti a rischio - dichiara Raffaella Buzzetti, presidente eletto della Società italiana diabetologia (Sid) - l'approvazione negli Stati Uniti di un farmaco capace di dilazionare di circa 2 anni l'insorgenza della malattia apre nuovi scenari. Al di là dell'efficacia di questa molecola che necessita di ulteriori studi a lungo termine, questa approvazione offre nuova linfa ed entusiasmo, dopo anni di attesa, nella ricerca di base e nell'implementazione di studi clinici per prevenire o addirittura curare il diabete tipo 1''.

"È un momento particolare - spiega il presidente del Comitato scientifico Sid, Lorenzo Piemonti, professore di endocrinologia e direttore del Diabetes Research Institute dell'Irccs ospedale San Raffaele - perché per la prima volta abbiamo la possibilità di immaginare di intervenire in una fase precoce del diabete di tipo 1, prima che compaia la malattia clinica, grazie a dei sistemi di predizione molto opportuni. Si apre così una nuova era, sia dal punto di vista scientifico che di quello della sanità pubblica, poiché possono essere attuate strategie per ridurre il carico della malattia all'interno della popolazione. Si tratta di una delle novità più importanti nel campo della diabetologia per il diabete di tipo 1 in cui il nostro Paese ha giocato un ruolo importante, contribuendo a costruire questa prospettiva con la propria ricerca scientifica. È importante che ciò avvenga proprio mentre in Parlamento è in discussione l'approvazione di una legge che introduce per la prima volta al mondo lo screening di popolazione per il diabete di tipo 1: un primato che porrebbe l'Italia all'avanguardia nella predizione e prevenzione di questa malattia''.
Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui
nostri canali social seguendoci su:
Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra Newsletter!
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Sono oltre 300 milioni gli interventi chirurgici eseguiti ogni anno nel mondo, di cui 1 milione con l'ausilio di un bypass cardiopolmonare, una nuova tecnica promette di ridurre lo stress dovuto a questo intervento
Per questa XVI edizione di Icar, che torna nella Capitale dopo sei anni, sono attesi oltre mille tra specialisti e clinici, giovani ricercatori, infermieri, operatori nel sociale, volontari delle associazioni pazienti
Il nuovo vaccino contro il covid per l’autunno dovrà mirare alla variante KP.2. Una decisione a sorpresa, visto che solo una settimana fa, si era raccomandato una nuova formulazione contro la mutazione 'madre' JN.1
I dati confermano i benefici clinici potenzialmente trasformativi e duraturi di exa-cel, la prima e unica terapia approvata di editing genico basata sulla tecnologia Crispr/Cas9

Resta aggiornato con noi!
La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

I più letti della settimana
CODIFA
Farmaci, integratori, dispositivi medici, prodotti veterinari e tanto altro. Digita il marchio, il principio attivo o l'azienda del prodotto che stai cercando.
ANNUNCI
Offro lavoro | Tutta Italia
Per noi di Esserre Pharma, vedere il team crescere e diventare anno dopo anno una vera squadra, unita da valori e...

EVENTI
Ricerca, dati e digitalizzazione: nuovi equilibri per la sostenibilità della salute
Fondazione Roche, Studio Legale LCA e EDRA sono lieti di invitarvi all'evento "Ricerca, dati e digitalizzazione: nuovi equilibri per la...

AZIENDE
New Era for Rare
Immagine in evidenza Le malattie rare presentano sfide uniche e complesse che possono portare a bisogni insoddisfatti nei pazienti e nelle loro famiglie,...

Libreria
Il manuale è stato scritto per colmare una...
La radiologia senologica incarna un ramo dell'imaging di...
Negli ultimi anni, i progressi scientifici e clinici...
Questo manuale offre una panoramica aggiornata sul ruolo...
Questo testo vuole aiutare a comprendere la legge...
Corsi
Social media in medicina. Al via nuovo corso di formazione Fad

Edra, sempre attenta a garantire una formazione completa e adeguata alle esigenze del sistema salute, ha progettato il nuovo corso...


Progettare la cura con la medicina narrativa. Strumenti per un uso quotidiano

Introdurre la Medicina Narrativa nella progettazione dei percorsi di cura. Integrare la narrazione nel sistema cura e nel sistema persona...


Il rapporto con il paziente: rapporti legali ed emozionali

3 Corsi per 25 crediti ECMCorso 1: La medicina narrativa nella pratica di cura Corso 2: Progettare la cura con...


ECM Medicina Narrativa – Pacchetto Corsi Fad Umanizzazione delle cure

Corso Fad diviso in due moduli, che conferirà 38 crediti ECM, che esplorerà diversi aspetti della medicina narrativa