Trombosi venosa

dic222010

Da Padova un punteggio predittivo di Tev

Un modello predittivo, messo a punto da un’équipe di ricercatori dell’università di Padova, diretta da Paolo Prandoni del dipartimento di Scienze cardiotoraciche e vascolari, si è dimostrato efficace nella distinzione tra pazienti ospedalizzati ad alto...
transparent

ott62010

Fondaparinux per la trombosi venosa superficiale delle gambe Angiologia

Fondaparinux è efficace e sicuro nel trattamento di pazienti con trombosi acuta e asintomatica delle vene superficiali delle gambe senza concomitante trombosi venosa profonda (Tvp) o embolismo polmonare sintomatico. Lo dimostra uno studio, randomizzato...
transparent

set292010

Rischio di tromboembolismo venoso da farmaci antipsicotici

In un'ampia popolazione afferente alla Medicina generale l'impiego di farmaci antipsicotici si associa al rischio di tromboembolismo venoso (Tev). L'aumento del rischio è più evidente tra i nuovi utilizzatori di antipsicotici e tra i soggetti...
transparent

set132010

Tromboprofilassi dopo artroplastica, rivaroxaban supera enoxaparina Chirurgia ortopedica

Rivaroxaban, inibitore diretto del fattore Xa, risulta più efficace della dose raccomandata di enoxaparina come strategia di tromboprofilassi dopo artroplastica d'anca e di ginocchio. Simili, invece, i profili di sicurezza delle due terapie. Il...
transparent

set92010

Primi mesi di chemioterapia a maggior rischio di Vte Farmacologia

Episodi incidenti di tromboembolismo venoso sintomatico (Vte) sono relativamente comuni nei pazienti con tumori solidi, soprattutto durante i primi mesi di chemioterapia. Ora si auspica un approfondimento delle ricerche per capire meglio la storia naturale...
transparent

set182008

Recidiva delle trombosi venose profonde

Ematologia-coagulopatie L’assenza di trombosi venosa residuale a seguito di un primo episodio di trombosi venosa profonda è un affidabile indicatore dei pazienti che possono sospendere in sicurezza la terapia anticoagulante. I pazienti in cui...
transparent

gen212008

Un gene predispone ai trombi venosi cerebrali

Neurologia-vasculopatie cerebrali E’ stata rinvenuta una variante di un gene, precedentemente connesso alla trombosi venosa periferica, che può aumentare anche il rischio di trombosi venosa cerebrale: questa variante, a carico del gene C46T...
transparent

dic22007

Lo sport allontana trombosi ed embolie

Medicina dello sport-patologie cardiovascolari I soggetti che fanno attività sportiva su base regolare presentano un minor rischio di sviluppare trombosi venosa profonda della gamba ed embolia polmonare. La stasi ematica è una delle principali...
transparent

set242007

Trombosi non rara nei superiori

Arteriopatie periferiche Circa il 14 percento dei casi di trombosi venosa profonda avviene a carico delle estremità superiori. I pazienti che ne sono soggetti sono stati spesso recentemente sottoposti ad interventi a carico del sistema cardiovascolare...
transparent

giu252007

Trombosi venosa profonda: utile trombectomia percutanea

Chirurgia-sistema vascolare La trombectomia meccanica percutanea è sicura ed efficace per il trattamento della trombosi venosa profonda sia negli arti superiori che in quelli inferiori. Questa procedura è in uso in un numero sempre crescente...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi