Tromboembolia

apr162012

Tromboprofilassi prolungata: meno embolie, più sanguinamenti

Nei pazienti avviati a sostituzione totale d'anca (o a chirurgia ortopedica maggiore, in generale), una tromboprofilassi prolungata riduce il rischio di tromboembolismo venoso, embolia polmonare e trombosi venosa profonda (Tvp), ma aumenta il rischio...
transparent

feb212012

Idrabiotaparinux nel trattamento post acuto dell’embolia polmonare

Si è da poco concluso - ed i risultati sono stati recentemente pubblicati su Lancet - un ponderoso trial clinico che ha messo a confronto l’abituale trattamento dell’embolia polmonare (enoxaparina seguita da warfarin) con uno schema terapeutico innovativo...
transparent

feb72012

Efficacia e sicurezza dell’automonitoraggio della coagulazione

Un’analisi di Carl Heneghan e dei suoi colleghi del Department of primary care health sciences di Oxford (UK) mostra che l’auto-valutazione e auto-gestione del trattamento con anticoagulanti orali costituiscono un’opzione sicura per pazienti di qualunque...
transparent

gen252012

Contraccettivi orali con differenti dosi di estrogeni e progesterone e rischio TEV

Partendo dai dati di 4 registri danesi, è stato recentemente condotto uno studio di coorte con l’obiettivo di determinare il rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in rapporto all’uso di contraccettivi orali (OC) in funzione del tipo di progestinico...
transparent

gen252012

La profilassi con LMWH nei pazienti medici “acuti” non influenza la mortalità

Dopo quanto recentemente riportato da Lederle et al. (Venous Thromboembolism Prophylaxis in Hospitalized Medical Patients and Those With Stroke: A Background Review for an American College of Physicians Clinical Practice Guideline, Ann Intern Med November...
transparent

gen202012

Terapia con anti-Egfr: aumenta il rischio di Tev

L'uso dei farmaci antitumorali diretti contro il recettore del fattore di crescita epidermico (anti-Egfr), siano essi anticorpi monoclonali o inibitori della tirosinchinasi, risulta associato a un aumento significativo del rischio di eventi tromboembolici...
transparent

gen172012

Da rivedere profilassi Tev in gravidanza e puerperio

Il riscontro di un notevole aumento del rischio di tromboembolismo venoso (Tev) per 3 settimane dopo il parto e di un rischio maggiore precedente al parto confinato al 3° trimestre dovrebbe indurre a modificare le attuali raccomandazioni relative alla...
transparent

gen102012

Le infezioni acute aumentano il rischio di Tev

Le infezioni rappresentano un fattore di rischio per lo sviluppo di tromboembolismo venoso (Tev). È la conclusione di uno studio caso-controllo di popolazione effettuato nella Danimarca settentrionale da Morten Schmidt , dell'ospedale universitario...
transparent

dic192011

Terapia anticoagulante orale: più sicuro l'automonitoraggio

L'automonitoraggio della terapia anticoagulante orale è superiore ai controlli effettuati in clinica. Lo dimostra la metanalisi di 11 trial randomizzati (per un totale di 6.417 partecipanti e 12.800 anni-persona di follow-up) effettuata da Carl Heneghan...
transparent

dic72011

Rischio embolia polmonare post ricovero per malattie autoimmuni

I pazienti ricoverati per malattie autoimmuni spesso hanno un alto rischio di embolia polmonare nell'anno successivo all'ammissione. Tale rischio decresce gradualmente nel tempo, ma persiste ancora a 10 anni di distanza. Questo tipo di disturbo sembra...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>