Stent

dic222010

Cambiando lo stent non cambia la mortalità

Nell’intervento percutaneo sulle grandi arterie coronariche, l’uso di stent di metallo nudo (Bms) oppure a eluizione di farmaco di prima generazione con sirolimus (Ses) o di seconda generazione con everolimus (Ees) non determina differenze significative...
transparent

dic222010

Sono proprio necessari gli stent coronarici “medicati”?

Finanziato dal Cardiovascular Research Foundation di Basilea e dalla Fondazione Nazionale Svizzera per la Ricerca si è concluso l’ importante lavoro del BASKET–PROVE Study Group che voleva verificare se gli stent coronarici medicati di seconda generazione...
transparent

nov52010

Quali antiaggreganti un anno dopo lo stent coronarico?

Uscirà fra poco nell’edizione cartacea del NEJM un interessante lavoro multicentrico coreano che si pone il problema di come proseguire l’antiaggregazione dopo i 12 mesi successivi al posizionamento di uno stent coronario medicato:  continuare...
transparent

nov52010

Somministrazione antiaggreganti dopo stent coronarico

Supportato da un grant della the Cardiovascular Research Foundation of South Korea and the Korea Health 21 Research and Development Project e del Ministry of Health and Welfare, alcuni colleghi del Department of Cardiology della University of Ulsan ,...
transparent

nov52010

Efficacia dei nuovi anti aggreganti: confronto fra prasugrel e ticagrelor

Dati recenti suggeriscono la superiorità del prasugrel e del ticagrelor rispetto al clopidogrel. Tuttavia a tutt’oggi mancavano i dati di confronto “testa a testa” fra questi due nuovi antiaggreganti. Una ponderosa meta-analisi (riferita...
transparent

set212010

Stenosi carotidea sintomatica, dopo i 70 anni evitare lo stentino

In caso di stenosi carotidea sintomatica, l’applicazione di uno stent dovrebbe essere evitato quando l’età del paziente è avanzata (=/>70 anni) a causa dell’elevato rischio di ictus o morte a breve termine, mentre potrebbe...
transparent

lug212010

Stent coronarici a confronto

A 13 mesi dall’applicazione, lo stent di nuova generazione a eluizione di zotarolimus ha dimostrato di non essere inferiore allo stent a rilascio di everolimus in una popolazione di pazienti che aveva minimi criteri di esclusione. La sperimentazione...
transparent

mag132010

Diabetici con stent, antiaggregante doppio

Cardiologia Per prevenire fenomeni tardivi di trombosi endoluminale, i pazienti diabetici che hanno ricevuto l’impianto di uno stent a eluizione di farmaco possono trarre beneficio dalla somministrazione di una doppia terapia antiaggregante (Dat)...
transparent

mag132010

Stent a eluizione di everolimus superiori a quelli a rilascio di paclitaxel

Con gli stent a eluizione di everolimus, rispetto a quelli a rilascio di paclitaxel, si determina una minore frequenza, a 1 anno, di fallimenti terapeutici; una superiorità riscontrata in tutti i pazienti, tranne i diabetici. Sono le conclusioni...
transparent

apr192010

Stenting diretto riduce gli infarti

Nell’intervento coronarico percutaneo è preferibile ricorrere all’impianto diretto dello stent, proposto circa dieci anni fa come alternativa alla tecnica tradizionale, o continuare a utilizzare lo stenting convenzionale con preventiva...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>