Stenosi coronarica

Aterosclerosi e coronaropatie: tra i fattori anche i macrofagi differenziati

mar32016

Aterosclerosi e coronaropatie: tra i fattori anche i macrofagi differenziati

La presenza di cellule immunitarie residenti nelle placche ateromasiche della parete arteriosa dotate di un'iperaggressiva attività proinfiammatoria e che consumano grandi quantità di glucosio sembra essere il principale fattore alla base...
transparent

lug172015

Restenosi intrastent: inserire un nuovo stent è meglio che usare il palloncino

Il posizionamento di un altro stent medicato, piuttosto che l'uso di un palloncino per angioplastica rivestito di farmaco, sembra essere l'approccio più efficace per la restenosi coronarica che si verifica all'interno di uno stent medicato....
transparent

apr172015

Il punteggio Asges è utile per escludere la Cad nelle donne sintomatiche di mezza età

Il punteggio Asges, che sta per age/sex/gene-expression score sembra essere efficace nell'escludere la presenza di patologia coronarica ostruttiva (Cad) nelle donne di mezza età con algie toraciche, risparmiando loro di dover subire eventuali esami...
transparent

set192011

Stent a eluizione, nefropatia cronica e rischio di restenosi

La presenza di una ridotta funzione renale in un paziente avviato a intervento coronarico percutaneo (Pci) con impiego di stent a eluizione di farmaco rappresenta un fattore di rischio indipendente di restenosi e sanguinamento. La conferma viene da uno...
transparent

mar172007

Coronaropatie stabili: peptide natriuretico utile per la diagnosi

Cardiologia I pazienti con coronaropatie stabili potrebbero potenzialmente evitare gli studi ecocardiografici o nucleari della funzionalità ventricolare in presenza di bassi livelli di peptide natriuretico nel siero: ciò potenzialmente estende...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi