Stenosi coronarica

feb92009

Coronaropatie: compromissione endoteliale inficia esiti

Cardiologia-cardiopatia ischemica I pazienti coronaropatici con funzionalità vasomotoria endoteliale persistentemente danneggiata nonostante una terapia ottimale vanno incontro ad esiti peggiori rispetto a coloro la cui funzionalità endoteliale...
transparent

nov182008

Miocardite da parvovirus e angina

Cardiologia-miocardiopatie Il dolore toracico nei pazienti con miocardite da parvovirus B19 (PVB19) deriva da una forma di vasospasmo coronarico. Quest’ultimo sembra essere causato da un disordine vasomotorio che di fatto inizia nella regione dei...
transparent

ott262008

Fattori psicosociali, ipertensione e coronaropatie

Medicina interna-malattie cardiovascolari Un carattere rabbioso negli uomini di mezza età e lo stress a lungo termine in uomini e donne predicono la progressione dalla preipertensione all’ipertensione e le coronaropatie; l’esercizio comunque...
transparent

ott12007

Meno fibrillazione con le statine

Cardiopatia ischemica I pazienti con sintomi di coronaropatie acute hanno minori probabilità di sviluppare fibrillazione atriale di nuova insorgenza se vengono trattati con statine. Altri fattori correlati con la riduzione del rischio comprendono...
transparent

set172007

Le coronaropatie nei giovani adulti

Cardiopatia ischemica   In base a uno studio condotto nel Regno Unito, il declino nella mortalità derivante dalle coronaropatie osservato negli ultimi 20 anni sta rallentando nei giovani adulti di età compresa fra 35 e 44 anni. Questa...
transparent

set172007

Gli stent medicati aiutano le collaterali

Arteriopatie periferiche In base ad un modello animale, gli stent arteriosi che rilasciano TGF-beta-1 stimolano la crescita di arterie collaterali nella circolazione periferica. Molti studi clinici sull’uso di fattori angiogenici/arteriogenici per...
transparent

giu182007

Coronaropatie: fattore reumatoide predice aumento del rischio

Cardiopatia ischemica     Gli uomini portatori di fattore reumatoide presentano un aumento del rischio di coronaropatie, anche se non vi è segno di una correlazione simile nel sesso femminile. Questi dati aggiungono peso all’ipotesi...
transparent

giu32007

Radioterapia intracoronarica con stenting: benefici iniziali non prolungati nel tempo

L’irradiazione beta al momento del piazzamento dello stent nelle stenosi coronariche ex novo previene la proliferazione neointimale che spesso porta alla restenosi sono transitoriamente. La brachiterapia vascolare riduce significativamente le recidive...
transparent

mag122007

PCI: dose steroidi influenza stenosi

Chirurgia-cuore e pericardio L’efficacia anti-stenotica del trattamento steroideo dopo PCI convenzionale è dose-sensibile: una diminuzione del 50 percento nelle dosi porta infatti ad un aumento significativo delle restenosi. L’uso di una...
transparent

mar282007

PCI: statine riducono eventi coronarici

Cardiochirurgia Il pretrattamento con statine riduce l’incidenza di eventi cardiaci importanti a seguito di PCI precoce nei pazienti con sindromi coronariche acute. Le statine al giorno d’oggi dovrebbero far parte dell’attrezzatura di un...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi