Sistemi informativi

mar292012

Garante: ricerca, dati senza consenso in certi casi

Per scopi di ricerca scientifica in campo medico, biomedico o epidemiologico, è obbligatorio raccogliere il consenso informato al trattamento dei dati personali sullo stato di salute in tutti i casi in cui è possibile acquisirlo. Eccezioni possono essere...
transparent

feb72012

Riunioni via internet o ‘face to face’; vale anche per le visite mediche al malato?

Gli ingegneri informatici ci invitano a credere che gli incontri via internet sono altrettanto validi delle riunioni ‘face to face’. Ma è veramente così? È  evidente che le riunioni via internet sono molto più economiche, ma migliorano o ostacolano...
transparent
Cimo, primario medico non manager

gen272012

Cimo, primario medico non manager

Ridisegnare il ruolo del medico nel Ssn per uscire dalle sclerotizzazioni di un sistema che mostra sempre più la corda. Un manifesto più che un filo conduttore il tema del convegno organizzato ieri a Roma da Cimo Asmd per discutere di professione
transparent

gen112012

Comorbilità e decision making nei pazienti con cardiopatia ischemica

La cardiopatia ischemica (CHD) - come è noto - è una malattia assai frequente nei soggetti anziani ed è associata ad un peggioramento della qualità di vita e ad elevata mortalità. Nei pazienti anziani con CHD molto spesso si riscontrano più malattie croniche associate (nel 79% degli uomini e nel 69% delle donne), con conseguente peggioramento della prognosi (sia in termini di mortalità che di ospedalizzazioni) e con più elevato consumo di risorse sanitarie. In queste situazioni cliniche il peggioramento dell’outcome può essere determinato dalla presenza di complesse interazioni fisiopatologiche tra le differenti patologie associate e dalla difficile gestione e coordinamento delle terapie farmacologiche necessarie. Ciò significa che il processo di ‘decision-making’ diagnostico-terapeutico risulta difficoltoso in termini di scelta delle priorità cliniche da trattare e di armonizzazione dell’approccio terapeutico.
transparent

giu212011

Clusit: sulla sicurezza dei dati personali mantenere alta l’attenzione

In tema di sicurezza sul trattamento dei dati personali l’Associazione italiana per la sicurezza informatica (Clusit), che raggruppa 500 organizzazioni di vari ambiti, tra cui la sanità, invita a non abbassare la guardia e, insieme ad altre associazioni,...
transparent

giu102011

Certificati online: dalla Fimmg un App per i medici della Ca

La Fimmg mette a disposizione ai propri medici della Ca gratuitamente un'applicazione per la compilazione online dei certificati di malattia, utilizzabile su palmari e tablet
transparent
Ricetta elettronica, la griglia di partenza rimane vuota

apr42011

Ricetta elettronica, la griglia di partenza rimane vuota

Continua a restare vuota la griglia di partenza della ricetta elettronica. Il decreto delle Finanze pubblicato ai primi di marzo chiamava allo start nove Regioni, che avrebbero dovuto avviare la fase a regime in base a un calendario spalmato tra aprile...
transparent

feb92011

Oggi è difficile o impossibile essere un medico esperto: strategie per aggiornarsi

Il problema del sovraccarico di informazioni mediche è certamente un problema di non facile soluzione, anche per chi opera in una ristretta area specialistica. Stare al passo con la letteratura pubblicata sta diventando sempre più una impresa impossibile: già molti anni fa David Sackett stimava che per conoscere la letteratura relativa alla medicina interna si sarebbero dovuti leggere 17 articoli al giorno per 365 giorni l’anno ed oggi un medico esperto di ‘imaging cardiologico’ dovrebbe in teoria leggere 40 articoli al giorno per 5 giorni alla settimana.
transparent

giu62007

Dimenticare è utile ai processi neurali?

Psichiatria-psicoanalisi e psicoterapia Benchè potenzialmente frustrante, dimenticare informazioni passate può comportare benefici in termini di miglioramento del ricordo di altre informazioni. Dimenticando, la richiesta di controllo cognitivo...
transparent

mag302007

Asma: promemoria audiovisivi migliorano l’aderenza alla terapia

Pneumologia-asma bronchiale I pazienti asmatici hanno maggiori probabilità di seguire le prescrizioni sui corticosteroidi inalatori se gli inalatori sono provvisti di allarmi audiovisivi che suonano e cambiano colore come promemoria. La scarsa aderenza...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi