Sindrome da distress respiratorio

Neonati prematuri, in Italia sono il 10%. Ecco le problematiche

gen82019

Neonati prematuri, in Italia sono il 10%. Ecco le problematiche

In Italia, i bambini che nascono pre-termine rappresentano il 10% del totale delle nascite. Tra le problematiche che colpiscono maggiormente questi bebè prematuri al primo posto quelle di tipo respiratorio che interessano il 42% dei neonati, fra...
transparent

ott72017

Terapia intensiva neonatale, disponibile nuova metodologia per i pretermine con distress respiratorio

Da settembre è applicabilein Italia la metodologia Lisa ( Less Invasive Surfactant Administration ) un nuovo approccio, con un catetere dedicato, LISAcath, meno invasivo rispetto alla tradizionale intubazione endotracheale, per la somministrazione...
transparent

mag232016

Nei pazienti con Ards la ventilazione non invasiva con casco riduce la frequenza di intubazione

In uno studio pubblicato su Jama, John Kress della University of Chicago e colleghi hanno verificato se la ventilazione non invasiva (Niv) con casco, rispetto a quella in maschera, fosse in grado di ridurre la frequenza di intubazioni nei pazienti con...
transparent
Terapia intensiva, sindrome da distress respiratorio acuto resta sottodiagnosticata

feb252016

Terapia intensiva, sindrome da distress respiratorio acuto resta sottodiagnosticata

Tra le unità di terapia intensiva di 50 paesi del mondo la prevalenza della sindrome da distress respiratorio acuto è del 10,4%, dato che indica come la condizione, a elevata mortalità, sia ancora sottodiagnosticata e sottotrattata....
transparent

set252015

Descritta l’efficacia della circolazione extracorporea contro la legionellosi infantile

Un gruppo di ricercatori dell'Istituto Giannina Gaslini di Genova, primo autore Andrea Moscatelli del reparto di terapia intensiva neonatale e pediatrica, ha appena pubblicato su Pediatrics la prima descrizione del successo terapeutico raggiunto grazie...
transparent

gen302012

Ards: evitare i beta-2-agonisti per via endovenosa

Il trattamento precoce con salbutamolo per via endovenosa in corso di sindrome da distress respiratorio (Ards) – recentemente proposto in uno studio di fase 2 - è in realtà poco tollerato. Il trattamento non sembra portare benefici e potrebbe anzi peggiorare...
transparent

ott112011

Distress respiratorio da H1N1: risultati della rete italiana

Istituita dalle Autorità sanitarie nazionali in vista dell'epidemia influenzale del 2009, la rete italiana di 14 unità di terapia intensiva, selezionate per la possibilità di trattare casi di sindrome da distress respiratorio (Ards) mediante ossigenazione...
transparent

apr272011

Corticosteroidi antenatali non diminuiscono disturbi respiratori

Il trattamento antenatale con corticosteroidi alle settimane 34-36 in donne a rischio di imminente parto prematuro non riduce l’incidenza di disordini respiratori nei neonati. È questo il risultato di una ricerca brasiliana coordinata da Melania Maria...
transparent

apr92008

Disfunzioni ventilatorie nel fumatore con BPCO

Pneumologia-insufficienza respiratoria E’ stata individuata la causa della dispnea nei fumatori con BPCO: si tratta di una combinazione di elevata richiesta ventilatoria ed anomalie della meccanica ventilatoria. Sia la compromissione ventilatoria...
transparent

dic102007

ARDS: posizione prona utile al cuore

Pneumologia-ARDS Il sovraccarico del ventricolo destro può essere controllato nei pazienti con grave ARDS tramite la posizione prona. Nonostante la limitazione della pressione delle vie aeree, in una minoranza dei pazienti con ARDS si osserva comunque...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>