Simvastatina

Malattia di Alzheimer, trattamento con statine si associa a una riduzione del rischio

dic152016

Malattia di Alzheimer, trattamento con statine si associa a una riduzione del rischio

Secondo uno studio pubblicato su Jama Neurology che ha analizzato i dati Medicare, l'impiego di statine si associa a una riduzione del rischio di malattia di Alzheimer (AD) che varia in base al tipo di statina e all'etnia del paziente. «Risultati che...
transparent

mar242016

Perdita acuta di memoria e terapia con statine o altri farmaci ipolipemizzanti

Le statine (STAT) sono gli ipocolesterolemizzanti più prescritti ed esistono evidenze che possano apportare benefici a livello del sistema nervoso centrale (SNC), grazie alla loro capacità di ridurre la formazione di placche beta-amiloidi...
transparent

mar262014

Il ruolo delle statine nella sclerosi multipla

Alte dosi di statine giornaliere sono sicure e potrebbero rivelarsi efficaci nel trattamento della sclerosi multipla in fase avanzata. È quanto si legge dalle pagine della rivista The Lancet, dove è stato recentemente pubblicato uno studio sull’uso della...
transparent

mar172014

Dopo un infarto meglio le statine ad alta potenza

Nei pazienti sopravvissuti a un infarto, l’impiego di statine ad alta potenza come atorvastatina o rosuvastatina appare più efficace nel ridurre la mortalità (per tutte le cause) rispetto alla simvastatina, da sola o con l’aggiunta di ezetimibe. Sono...
transparent

dic162013

La malattia renale cronica richiede sorveglianza su cuore e vasi

Terapia ipolipemizzante e nefropatia cronica. Un binomio ormai imprescindibile, come dettato dalle più recenti linee-guida internazionali e recepito dall’Aifa nella revisione della Nota 13 nello scorso aprile. A ribadire l’importanza della cura del profilo...
transparent

set102013

Il punto sulla polipillola nella protezione di cuore e vasi

Uno studio e un editoriale di Jama tornano a fare il punto sulla polipillola, che intervenendo su pressione, piastrine e colesterolo aumenta l’aderenza alla terapia, migliorando anche i fattori di rischio cardiovascolare. «L'uso a lungo termine della...
transparent
Con alcune statine cresce il rischio di diabete

mag272013

Con alcune statine cresce il rischio di diabete

Atorvastatina e simvastatina, tra i più comuni ed efficaci farmaci ipocolesterolemizzanti, aumenterebbero il rischio di ammalarsi di diabete. La scoperta viene da uno studio di coorte, pubblicato sul British medical journal e condotto da Muhammad Mamdani...
transparent

apr192013

Terapia statinica: ragioni e modalità per ripristinarla

Quando un paziente coronaropatico smette di assumere una statina a causa di una reazione avversa (aumentando così il rischio di eventi cardiovascolari ed exitus), il curante dovrebbe considerare la prescrizione di una dose più bassa o di un diverso tipo di statina
transparent

set122012

Simvastatina e miglioramento della disfunzione erettile: funziona?

La disfunzione erettile (ED) è spesso associata ad un danno endoteliale, e vari consensus meetings ormai concordano sul fatto che sia predittiva di futura malattia cardiovascolare e/o un precoce marker di malattia cardiovascolare aterosclerotica silente....
transparent

lug102012

La polipillola: ci si aspettava di più

Nel 2003 Walde e Low hanno presentato l’idea di una ipotetica polipillola affermando che avrebbe ridotto il rischio cardiovascolare (CVD) e lo stroke di almeno l’80%. Questa ipotetica combinazione dovrebbe essere somministrata ai pazienti >55 anni...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi