Scienza della nutrizione

ott222020

Il digiuno intermittente non porta benefici cardiometabolici o di calo ponderale

Secondo uno studio pubblicato su Jama Internal Medicine, il digiuno intermittente non si associa a un calo ponderale più marcato o a maggiori benefici cardiometabolici rispetto al consumo giornaliero di pasti strutturati. «Il digiuno intermittente...
transparent

ott222020

La colza è valida alternativa come fonte di proteine vegetali

La colza potrebbe essere una valida alternativa alla soia in quanto fonte di proteine. Un recente studio pubblicato su Nutrients mostra infatti come il consumo di proteina dei semi di colza abbia un effetto benefico sul metabolismo paragonabile a...
transparent

ott82020

Sensibilità allergenica alle carote, la cottura non elimina il rischio

Sembra che le carote possano portare reazioni allergiche non solo quando sono consumate crude, ma anche se mangiate cotte. Questo perché l'allergene (il Dau c 1) pur assumendo una forma innocua quando riscaldato, pare che ritorni alla sua struttura...
transparent

set102020

Le mandorle proteggono il cuore dagli effetti dello stress

Le mandorle mitigano la variabilità della frequenza cardiaca (Hrv) che si verifica durante lo stress mentale , migliorando la funzione del cuore e la salute cardiovascolare. Ecco quanto emerge da uno studio finanziato dall'Almond Board of California...
transparent

lug232020

La quercetina protegge la salute del cuore e del cervello. Ecco dove si trova

Un composto presente nei capperi sott'aceto non solo è in grado di attivare le proteine implicate nella normale attività dell'encefalo e del cuore, ma potrebbe anche servire a trattare l'epilessia e le aritmie cardiache, secondo quanto...
transparent

mag112009

La verdura si mangia in famiglia

Spesso le madri si lamentano di non riuscire a far accettare frutta e verdura dai propri figli, malgrado la consapevolezza di quanto sia importante questo genere di alimenti. Questo studio danese, svolto su ragazzi di 11 anni, ha preso spunto da un’indagine...
transparent

gen302008

Dieta occidentale e sindrome metabolica

Scienze dell’alimentazione-igiene della nutrizione I risultati di un recente studio hanno confermato ciò che molti da tempo sospettano, ossia che la dieta occidentale, ricca di carne, granaglie raffinate e cibi fritti, incrementa il rischio...
transparent

mag162007

Degenerazione maculare: acidi grassi e pesce limitano il rischio

Oftalmologia-retinopatie Un’elevata assunzione di acidi grassi polinsaturi a catena lunga omega-3 (LCPUFA) e pesce potrebbe ridurre il rischio di degenerazione maculare da invecchiamento (AMD) di natura neovascolare. Questi dati supportano ampiamente...
transparent

mar202007

Sindrome metabolica: utile la soia dopo la menopausa

Medicina interna Il consumo a breve termine di soia migliora il controllo glicemico ed il profilo lipidico nelle donne in età postmenopausale con sindrome metabolica. I dati sugli effetti del consumo di soia nella sindrome metabolica umana erano...
transparent

mar112007

Tumori avanzati: danni gusto ed odorato impattano status nutrizionale

Oncologia Le disfunzioni chemosensoriali danneggiano lo status nutrizionale e la qualità della vita nei pazienti con tumori avanzati. Precedenti studi avevano indicato che i pazienti con tumori avanzati che presentano gravi disfunzioni chemosensoriali...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>