Rischio

giu82011

GRACE score nella SCA: migliore stratificazione del rischio con BNP

Il GRACE (Global Registry of Acute Coronary Events) è uno score utilizzato per valutare il rischio coronarico all’ingresso in ospedale nei soggetti affetti da sindrome coronarica acuta (SCA), basato su età, frequenza cardiaca, pressione sistolica, creatinina,...
transparent

mag252011

Quanto conta la familiarità per il rischio di infarto? Lo studio INTERHEART

In diversi studi una storia familiare (SF) positiva è associata in maniera consistente con un elevato rischio di sviluppare cardiopatia ischemica (CI), ma non è chiaro se essa sia un fattore di rischio indipendente, come invece è stato riportato, per...
transparent

mag252011

Rischio clinico, per il Ddl percorso a ostacoli

Botta e risposta, ieri, tra il ministro Fazio e Ignazio Marino in merito al disegno di legge sul rischio clinico che continua a muoversi tra mille difficoltà in Parlamento. «Il Ministro ci ha assicurato che il disegno di legge vedrà la luce in questa...
transparent

mag112011

L'identikit dei giovani adulti ad alto rischio di infarto acuto

Nei soggetti ad alto rischio di infarto miocardico acuto con sovraslivellamento ST (Stemi), il profilo degli stessi fattori di rischio e il quadro angiografico cambiano notevolmente a seconda se il paziente è un giovane adulto (<40 anni) o è più anziano...
transparent

mag62011

Una foto della prevenzione cardiovascolare primaria in Europa

In Europa, pur esistendo notevoli differenze tra le varie nazioni, un'ampia quota di pazienti in prevenzione primaria presenta fattori di rischio cardiovascolare (Cv) che non sono sotto controllo e non riceve un adeguato counselling sugli stili di vita....
transparent

apr182011

Cambia la valutazione del rischio cardiovascolare

Il 46% delle persone con un livello di colesterolo Ldl inferiore a 130 mg/dl può essere ugualmente a rischio di infarto e ictus. È uno dei risultati, pubblicati su Nutritional metabolism and cardiovascular diseases, dello studio Check realizzato dall'università...
transparent

apr142011

Fa: da controllare i fattori di rischio cardiovascolare

Oltre la metà dei casi di fibrillazione atriale potrebbe essere evitato attraverso un'ottimizzazione del controllo dei fattori di rischio cardiovascolare. È uno dei risultati che Rachel R. Huxley , della divisione di Epidemiologia e salute comunitaria...
transparent

apr132011

Un nuovo punteggio predice il rischio di tromboembolismo venoso

Un panel internazionale di esperti, guidato da Alex C. Spyropoulos , della McMaster university di Hamilton (Canada), ha stilato un punteggio pesato, derivato da 4 fattori clinici valutabili al momento del ricovero, in grado di predire il rischio di tromboembolismo...
transparent

apr72011

Diabete 2, con l’ipertensione cresce il rischio cardiovascolare

Nei pazienti con diabete, la compresenza di ipertensione può rendere ragione di una significativa quantità del loro eccesso di rischio di morte e di eventi cardiovascolari rispetto alla popolazione generale. Lo dimostra uno studio - effettuato nell'Alberta,...
transparent

mar302011

Monitoraggio del rischio cardiovascolare: linee guida poco chiare

Molte linee guida per la prevenzione delle malattie cardiovascolari non riportano chiaramente che cosa si debba monitorare e che cosa vada fatto quando un parametro clinico si modifica. È l'esito di una revisione sistematica di Ivan Moschetti , dell'università...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>