rischio cardiovascolare

nov192018

Rischio cardiovascolare nel diabete di tipo 2: coagulopatie e molecole infiammatorie le probabili cause principali

Secondo uno studio pubblicato su Cardiovascular Diabetology, vi sono prove concrete che indicano che gli stati patologici delle piastrine insieme alla fibrina amiloide presenti nei pazienti con diabete di tipo 2 potrebbero essere alla base dell'aumento...
transparent
Livelli più alti di vitamina D nel sangue si associano a migliori prestazioni cardiorespiratorie

nov82018

Livelli più alti di vitamina D nel sangue si associano a migliori prestazioni cardiorespiratorie

I livelli di vitamina D nel sangue sono collegati al fitness cardiorespiratorio, secondo uno studio pubblicato sull'European Journal of Preventive Cardiology. «Il nostro studio mostra che livelli più elevati di vitamina D sono associati a una migliore...
transparent

ott312018

Malattie cardiovascolari, nuove prospettive per la riduzione del colesterolo

Come diminuire l'impatto delle malattie cardiovascolari in Italia, sia in termini di vite umane perdute e di morbilità, sia per le ricadute economiche? Se n'è parlato a Meridiano Cardio "Nuove prospettive nella prevenzione secondaria cardiovascolare:...
transparent
Diabete 2 e outcome cardiovascolari, risultati positivi in studio di fase III per inibitore Sglt2

set282018

Diabete 2 e outcome cardiovascolari, risultati positivi in studio di fase III per inibitore Sglt2

Risultati positivi di dapagliflozin sugli outcome cardiovascolari nello studio di fase III DECLARE (Dapagliflozin Effect on Cardiovascular Events) - TIMI 58, il più ampio studio sugli outcome cardiovascolari (Cvot) condotto ad oggi per un inibitore...
transparent
Salute cardiovascolare, pochi miglioramenti negli USA e si abbassa l’età del rischio

set182018

Salute cardiovascolare, pochi miglioramenti negli USA e si abbassa l’età del rischio

Circa un ricovero su tre e parecchi decessi correlati a eventi cardiovascolari nel 2016 hanno coinvolto adulti tra i 35 e i 64 anni, secondo quanto riporta un documento pubblicato dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi nell'ambito...
transparent
Rischio cardiovascolare, vantaggi da abbassamento colesterolo Ldl oltre i valori consigliati

ago22018

Rischio cardiovascolare, vantaggi da abbassamento colesterolo Ldl oltre i valori consigliati

Un abbassamento dei valori del colesterolo LDL (LDL-C) oltre quelli che sono gli attuali limiti inferiori potrebbe ulteriormente ridurre il rischio cardiovascolare, secondo i risultati di uno studio pubblicato su JAMA Cardiology. «Nella Cholesterol Treatment...
transparent
Nuovi indici cardiovascolari: da Uspstf perplessità sulla reale utilità

lug172018

Nuovi indici cardiovascolari: da Uspstf perplessità sulla reale utilità

Negli adulti asintomatici, l'aggiunta di nuovi indici come l'indice di Winsor (ABI), la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hsCRP) o il calcio dell'arteria coronaria (CAC) alla valutazione del rischio tradizionale delle malattie cardiovascolari...
transparent
Ipertensione, coi nuovi limiti aumentano i casi anche nei paesi a basso reddito

lug162018

Ipertensione, coi nuovi limiti aumentano i casi anche nei paesi a basso reddito

I livelli di ipertensione nei paesi in via di sviluppo sono simili a quelli negli Stati Uniti se si utilizza la nuova definizione della malattia, con pressione superiore a 130/80 mmHg, data dell'American College of Cardiology (ACC) e dalla American Heart...
transparent

lug122018

Nei giovani il binge drinking aumenta il rischio cardiovascolare

I giovani adulti che frequentemente bevono fino a ubriacarsi (binge drinking) hanno maggiori probabilità di essere a rischio cardiovascolare rispetto ai normali bevitori, secondo uno studio pubblicato sul Journal of American Heart Association....
transparent

lug122018

Prevenzione al femminile, donne sempre più attente al rischio cardiovascolare

Sono attente alla prevenzione primaria e chiedono maggiore accessibilità a programmi di screening e diagnosi precoce, non solo in ambito cardiovascolare ma anche dermatologico (il 58%), ginecologico (24%) e dell'Hiv (17%). È questo il ritratto...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi