rischio cardiovascolare

I pazienti con la gotta sono a rischio cardiovascolare elevato

feb22017

I pazienti con la gotta sono a rischio cardiovascolare elevato

Secondo uno studio pubblicato su Annals of the Rheumatic Diseases le attuali strategie di valutazione possono sottostimare il rischio cardiovascolare nei pazienti gottosi. «Dato che gran parte dei soggetti con questa malattia potrebbe avere un rischio...
transparent
Apnea ostruttiva, trattamento con Mad non efficace sui fattori di rischio cardiovascolari

feb12017

Apnea ostruttiva, trattamento con Mad non efficace sui fattori di rischio cardiovascolari

Due mesi di terapia con dispositivo per l'avanzamento mandibolare (Mad) sono efficaci nel migliorare la gravità dell'apnea del sonno ostruttiva (Osa) e i sintomi ad essa correlati, ma non sembrano avere effetto sulla funzione endoteliale e sulla...
transparent

gen232017

Uno studio sull’amigdala fa luce su stress e rischio cardiovascolare

Uno studio pubblicato su Lancet da un gruppo di ricercatori della Harvard Medical School di Boston ha studiato come l'aumento di attività elettrica nell'amigdala, coinvolta nella risposta allo stress, si associa a un maggior rischio di malattie...
transparent
Stress e rischio cardiovascolare, iperattività amigdala dimostra collegamento

gen132017

Stress e rischio cardiovascolare, iperattività amigdala dimostra collegamento

L'aumento di attività elettrica nell'amigdala, regione del cervello coinvolta nello stress, si associa a un maggior rischio di malattie cardiache e ictus. Ecco i risultati di uno studio pubblicato su The Lancet che fornisce nuove informazioni sul...
transparent
Nei pazienti a basso rischio, la decisione condivisa riduce gli esami cardiaci

dic142016

Nei pazienti a basso rischio, la decisione condivisa riduce gli esami cardiaci

C'è uno strumento a disposizione di tutti sul sito web della Mayo Clinic che permette di ridurre gli accessi per ulteriori esami cardiaci: è questa la conclusione di uno studio pubblicato sul Bmj da Erik Hess e colleghi del Department...
transparent
Aggiornate le raccomandazioni Usa per chi non presenta fattori di rischio cardiovascolari

dic22016

Aggiornate le raccomandazioni Usa per chi non presenta fattori di rischio cardiovascolari

La task force americana per i servizi preventivi (U.S. Preventive Services Task Force, in sigla Usptf) ha diffuso la bozza delle nuove raccomandazioni per la promozione di un'alimentazione e di stili di vita sani e con adeguata attività fisica...
transparent

dic12016

Insufficienza cardiaca, prevenire fattori di rischio nella mezza età riduce il rischio futuro

La prevenzione dello sviluppo di ipertensione, obesità e diabete mellito dai 45 ai 55 anni può comportare una riduzione fino all'86% del rischio di sviluppare un'insufficienza cardiaca nel resto della vita, secondo quanto si legge in un...
transparent
Ipertensione, pazienti raddoppiati nel mondo. Tassi peggiori nei paesi poveri

nov212016

Ipertensione, pazienti raddoppiati nel mondo. Tassi peggiori nei paesi poveri

Gli ipertesi nel mondo, raddoppiati negli ultimi 40 anni fino a 1,13 miliardi, diminuiscono nei paesi industrializzati e aumentano in quelli a medio e basso reddito, specie in Africa e nel sud dell'Asia. Questo è quanto conclude su The Lancet uno...
transparent
Prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari: pubblicate le linee guida Uspstf su uso statine

nov162016

Prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari: pubblicate le linee guida Uspstf su uso statine

La U.S. Preventive Services Task Force (Uspstf) ha appena pubblicato sulle pagine di Jama il documento aggiornato sull'uso delle statine nella prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari negli adulti, raccomandando di iniziare il trattamento ipolipemizzante...
transparent
Polveri sottili, chiarito uno dei meccanismi di danno al sistema cardiovascolare

nov92016

Polveri sottili, chiarito uno dei meccanismi di danno al sistema cardiovascolare

Arriva da un articolo pubblicato su Circulation Research il nuovo atto d'accusa nei confronti dell'inquinamento atmosferico. Lo studio, condotto da ricercatori americani, mostra che l'esposizione al particolato fine induce cambiamenti anomali nel sangue,...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community