rischio cardiovascolare

gen252022

Diabete e rischio cardiovascolare, nuovo statement dell’Aha. Ecco le novità

Negli Stati Uniti, meno di un adulto su 5 con diabete di tipo 2 soddisfa gli obiettivi volti a diminuire il rischio di malattie cardiache. La salute cardiaca di questi soggetti può migliorare e per farlo è necessario integrare i nuovi...
transparent
Mortalità cardiovascolare, aumentare il consumo di olio di oliva si associa a rischio più basso

gen192022

Mortalità cardiovascolare, aumentare il consumo di olio di oliva si associa a rischio più basso

Assumere più di mezzo cucchiaio di olio di oliva al giorno si associa a un rischio più basso di mortalità per malattie cardiovascolari, per cancro, per malattie neurodegenerative e per malattie respiratorie. A dirlo è un...
transparent

ott142021

Malattie cardiovascolari, una survey di Cittadinanzattiva fotografa la gestione delle patologie in Lombardia

Sono 5,5 milioni le persone che nel nostro Paese soffrono di malattie cardiovascolari . Queste patologie sono la prima causa di ricovero ospedaliero e rappresentano ancora la principale causa di morte, interessando quasi il 36% di tutti i decessi. Uno...
transparent
Malattie cardiovascolari, gli acidi grassi provenienti da latticini non aumentano il rischio

set282021

Malattie cardiovascolari, gli acidi grassi provenienti da latticini non aumentano il rischio

Le persone che assumono maggiori quantità di grassi da latte , misurate tramite acidi grassi nel sangue, hanno mostrato un rischio inferiore di malattie cardiovascolari rispetto a quelli che ne assumono quantità minori. «Abbiamo misurato...
transparent
Rischio cardiovascolare e patologie infiammatorie croniche. Ruolo proattivo del farmacista

set222021

Rischio cardiovascolare e patologie infiammatorie croniche. Ruolo proattivo del farmacista

In gruppo di pazienti con condizioni infiammatorie, l'intervento del farmacista riduce, dopo sei mesi, il rischio cardiovascolare (CV) del 24,5%, come mostra una ricerca pubblicata sul British Medical Journal. Lo studio prospettico non randomizzato...
transparent
Morte cardiaca improvvisa, la dieta si conferma un fattore di rischio modificabile. Ecco come

lug152021

Morte cardiaca improvvisa, la dieta si conferma un fattore di rischio modificabile. Ecco come

Seguire regolarmente una dieta caratterizzata da grassi aggiunti, cibi fritti, uova, frattaglie, carni lavorate e bevande zuccherate, che tipicamente viene consumata negli Stati Uniti del sud, può aumentare il rischio di morte cardiaca improvvisa,...
transparent
L’aspirina riduce il rischio di complicazioni cardiovascolari nei pazienti con polmonite

lug122021

L’aspirina riduce il rischio di complicazioni cardiovascolari nei pazienti con polmonite

Secondo uno studio presentato al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID), e pubblicato sull'European Respiratory Journal, l' aspirina può ridurre il rischio di eventi cardiovascolari gravi come ictus ischemico...
transparent
Polipillola nella prevenzione cardiovascolare, un panel ne valuta costi e benefici

lug62021

Polipillola nella prevenzione cardiovascolare, un panel ne valuta costi e benefici

La polipillola trova spazio nella prevenzione cardiovascolare ? Secondo un panel italiano, questo tipo di farmaco è efficace nel ridurre gli eventi cardiovascolari, la pressione sanguigna e i lipidi, il rischio cardiovascolare e l'onere della...
transparent
L’insufficienza cardiaca legata a un aumento del rischio di alcuni tipi di cancro. Ecco quali

giu302021

L’insufficienza cardiaca legata a un aumento del rischio di alcuni tipi di cancro. Ecco quali

I pazienti con insufficienza cardiaca hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro rispetto ai loro coetanei senza tale patologia di base, secondo uno studio presentato a Heart Failure 2021, meeting online della Società europea di...
transparent

giu172021

Malattia cardiovascolare, si continua a fumare anche se si conosce il rischio

Secondo quanto emerge da uno studio pubblicato su Journal of the American Heart Association, molte persone con una storia di malattia cardiovascolare (Cvd) continuano a fumare o a utilizzare prodotti con tabacco nonostante sappiano che tali pratiche...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi