Rianimazione cardiopolmonare

Pubblicato l’aggiornamento delle linee guida Aha sulla rianimazione cardiopolmonare

ott232015

Pubblicato l’aggiornamento delle linee guida Aha sulla rianimazione cardiopolmonare

L'American Heart Association (Aha) ha aggiornato le sue linee guida sulla rianimazione cardiopolmonare, dedicate sia agli operatori sanitari sia chi si trova per caso ad assistere la vittima di un arresto cardiaco. Le linee guida, pubblicate su Circulation,...
transparent
Nell’arresto cardiaco la rianimazione semplice salva più vite

nov282014

Nell’arresto cardiaco la rianimazione semplice salva più vite

Nei casi di arresto cardiaco a casa o comunque fuori dall’ospedale la sopravvivenza migliora se i pazienti vengono trattati con la rianimazione di base (Bls) rispetto a quella avanzata (Als). Queste, almeno, sono le conclusioni di uno studio su Jama internal...
transparent

set152014

Dopo rianimazione per arresto cardiaco i fumatori sopravvivono di piu'

Dopo quello francese, ecco il paradosso del fumatore: tra i pazienti sottoposti a rianimazione cardiopolmonare (Cpr) per arresto cardiaco in ospedale, i fumatori sopravvivono più dei non fumatori. «E hanno anche meno probabilità di avere postumi neurologici...
transparent

dic162013

Arresto extraospedaliero, rianimazione meccanica pari alla manuale

Un dispositivo meccanico che garantisce compressioni toraciche regolari in fase di rianimazione cardiorespiratoria (Cpr) non migliora la sopravvivenza a breve termine dei pazienti con arresto cardiaco rispetto all’impiego delle tradizionali compressioni...
transparent
Se passante rianima arresto cardiaco migliora sopravvivenza

ott32013

Se passante rianima arresto cardiaco migliora sopravvivenza

Nell’ultimo decennio In Danimarca c’è stato un significativo aumento della sopravvivenza dopo arresto cardiaco extraospedaliero, almeno secondo uno studio del Copenhagen University Hospital pubblicato su Jama.   «L’arresto cardiaco fuori dall’ospedale...
transparent

set142011

Arresto: rianimazione più lunga prima dell'analisi del ritmo

Nei casi di arresto cardiaco extraospedaliero, l'applicazione da parte di personale specializzato di una rianimazione cardiopolmonare di breve durata - compresa fra 30 e 60 secondi – non comporta differenze rispetto a una rianimazione di più lungo periodo...
transparent

mar142011

Rianimazione migliore con compressione-decompressione attiva

Mediante rianimazione cardiopolmonare con compressione-decompressione attiva (Acd-Cpr) e aumentata pressione negativa intratoracica si può incrementare, rispetto alla tecnica standard, la sopravvivenza a 1 anno dei soggetti con arresto cardiaco extraospedaliero....
transparent

feb242010

Bimbi obesi, occhio a rianimazione cardiopolmonare

Pediatria Ragazzi obesi sottoposti a rianimazione cardiopolmonare presentano un rischio più elevato di mortalità, dopo dimissione ospedaliera, rispetto ai loro coetanei normopeso o sottopeso. Queste le conclusioni di uno studio condotto presso...
transparent

mar222009

Rianimazione, un lavoro di squadra

Anestesiologia e rianimazione-rianimazione I difetti nel procedimento di formazione di team medici appositi influenzano negativamente la tempistica durante la rianimazione cardiopolmonare e la rapidità della defibrillazione. L’arresto cardiaco...
transparent

nov302008

Arresto cardiaco: comune senso di soffocamento

Anestesiologia e rianimazione-rianimazione Alcuni pazienti che vanno incontro ad arresto cardiaco fuori dall’ospedale possono presentare senso di soffocamento, ma ciò non deve trattenere i testimoni dal praticare la compressione toracica: la...
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>