Prove di funzuionalità cardiaca

lug22007

Disordini della frequenza cardiaca: una sfida per il radiologo

Aritmie Le aritmie possono sussistere in presenza o meno di una cardiopatia di base: la maggior parte delle cardiopatie danno luogo ad aritmie, ma esse possono originare anche in un cuore precedentemente sano a causa di altre patologie quali disordini...
transparent

giu252007

Sindrome metabolica aumenta rischio morte improvvisa negli uomini

Medicina interna-manifestazioni di malattia Negli uomini sani di mezza età, la sindrome metabolica incrementa il rischio di morte improvvisa e, in misura minore, anche quello di morte improvvisa indipendente dai fattori di rischio coronarico. L’associazione...
transparent

giu182007

Chirurgi valvolare elettiva: sicura angiografia coronarica nello stesso giorno

Cardiopatie valvolari L’angiografia coronarica nello stesso giorno dell’intervento è sicura nei pazienti sottoposti a cardiochirurgia valvolare elettiva. L’angiografia coronarica viene spesso effettuata giorni o settimane prima di...
transparent

mag282007

Sindromi coronariche acute: bloccanti recettori glicoproteina Iib/IIIa utili a tutte le età

I rischi e benefici associati ai bloccanti dei recettori delle glicoproteine IIb/IIIa sono simili sia nei giovani che negli anziani con sindromi coronariche acute senza slivellamento del tratto ST. Studi precedenti che avevano paragonato gli effetti di...
transparent

mar172007

Coronaropatie stabili: peptide natriuretico utile per la diagnosi

Cardiologia I pazienti con coronaropatie stabili potrebbero potenzialmente evitare gli studi ecocardiografici o nucleari della funzionalità ventricolare in presenza di bassi livelli di peptide natriuretico nel siero: ciò potenzialmente estende...
transparent

feb12007

Malattie cardiovascolari: complessi ventricolari prematuri fattori di rischio

I complessi ventricolari prematuri (VPC) risultati da ECG di soggetti apparentemente sani sono associati ad un aumento del rischio di eventi cardiaci. Questa associazione permane anche dopo l’approssimazione per altri fattori di rischio di malattie...
transparent

gen292007

Insufficienza cardiaca ed apnea nel sonno miocardio non soffre da aumento frazione eiezione da CPAP

La CPAP non soltanto può porre fine all’apnea ostruttiva nel sonno (OSA) nei pazienti con insufficienza cardiaca sistolica, ma può migliorare anche la loro funzionalità cardiaca: essa infatti favorisce la frazione di eiezione ventricolare...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi