Proteine di trasporto cationico

apr162013

Associazione antitrombotico più gastroprotettore in un’unica capsula

È stata presentata a Milano l’associazione in un'unica capsula di acido acetilsalicilico, Asa (81 mg) ed esomeprazolo (20 mg), da poco introdotta nel mercato italiano. La compresenza di un gastroprotettore e di un antitrombotico, favorendo la compliance...
transparent

set122012

L’assunzione di un farmaco può contribuire ad una alterata interpretazione dei risultati di laboratorio: il caso della Cromogranina A e dei PPI

Anche se è nota l’interferenza dell’assunzione di un inibitore di pompa protonica (PPI) con la secrezione di Cromogranina A (CgA, marker generico di neoplasie neuroendocrine), vi sono scarse informazioni sull’entità di questa interferenza, su quanto tempo...
transparent

giu272011

PPI ed ASA: un’altra associazione a rischio di interazione sfavorevole

Alcuni cardiologi danesi hanno voluto verificare se la contemporanea assunzione di ASA con i PPI  potesse, al pari di quanto accade con il clopidogrel, determinare una interazione negativa. Per tale motivo dei quasi 20.000 pazienti che erano stati...
transparent

giu142011

Nei post-infartuati trattati con Asa e Ppi maggiore rischio Cv

Nei pazienti in terapia con acido acetilsalicilico (Asa) dopo un primo infarto del miocardio, un trattamento con inibitori di pompa protonica appare associato a un rischio aumentato di eventi cardiovascolari. Lo rivela uno studio retrospettivo danese,...
transparent

giu82011

GERD: terapia medica o correzione laparoscopica?

Alcuni ricercatori gastroenterologi francesi, norvegesi, svedesi, inglesi, tedeschi ed italiani hanno impostato un trial clinico randomizzato, in aperto, denominato LOTUS trial, condotto in ospedali universitari di 11 paesi europei tra ottobre 2001 ed...
transparent

apr272011

Tosse cronica: è utile un trattamento con PPI?

È diventata prassi comune consigliare un trattamento con PPI nei pazienti che riferiscono di una tosse cronica che non sia chiaramente secondaria a problematiche intrinsecamente respiratorie. Una revisione sistematica della Cochrane ha voluto verificarne...
transparent

apr182011

Gerd pediatrica: Ppi inefficaci nella risoluzione dei sintomi

Nonostante l’impiego degli inibitori della pompa protonica (Ppi) per il trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo (Gerd) in età pediatrica sia molto aumentato, il dibattito all’interno della comunità medica sulla loro efficacia e tollerabilità...
transparent

apr122011

Conferma di un aumentato rischio di polmoniti con farmaci che sopprimono l’acidità gastrica

Una revisione sistematica, apparsa sul Canadian Medical Association Journal di febbraio focalizza l’attenzione della classe medica sull’utilizzo spesso inappropriato di farmaci che bloccano la secrezione acida gastrica. In particolare è stato ricercato...
transparent

mar222011

Attenzione all’utilizzo contemporaneo di PPI e bisfosfonati, specie negli anziani

Le conclusioni di uno studio collaborativo danese recentemente pubblicato online sugli Archives of Internal Medicine ‘ nei pazienti anziani il concomitante utilizzo di un PPI si associa ad una perdita dose-dipendente della protezione che l’alendronato...
transparent

mar112011

Soppressione acida in ospedale, no all'impiego di routine

Nei pazienti ospedalizzati, ma al di fuori delle unità di cura intensiva, il sanguinamento gastrointestinale (Gi) è un'eventualità rara. Anche se gli inibitori della secrezione acida (inibitori di pompa protonica e antagonisti dei recettori H2 dell'istamina)...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi