Prostata

Cancro della prostata, con risonanza magnetica ed esami del sangue lo screening universale è più vicino

lug192021

Cancro della prostata, con risonanza magnetica ed esami del sangue lo screening universale è più vicino

L'utilizzo di risonanza magnetica (RMN) e biopsie mirate potrebbe potenzialmente dimezzare le sovradiagnosi dovute a screening per il cancro della prostata , secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine. «La maggior parte dei paesi...
transparent
Cancro alla prostata, un nuovo test sulle urine per identificarlo e predirne aggressività

apr302021

Cancro alla prostata, un nuovo test sulle urine per identificarlo e predirne aggressività

Secondo uno studio pubblicato su Cancers, un nuovo test sperimentale, noto come ExoGrail, può indicare non solo la presenza del cancro alla prostata , ma anche l'aggressività della malattia, e potrebbe ridurre del 35% il numero di biopsie...
transparent
Cancro della prostata, consumare più caffè potrebbe ridurre i rischi

gen122021

Cancro della prostata, consumare più caffè potrebbe ridurre i rischi

Bere più tazze di caffè ogni giorno sarebbe collegato a un rischio minore di sviluppare il cancro della prostata , secondo uno studio pubblicato su Bmj Open. «Ogni tazza giornaliera aggiuntiva è stata associata a una riduzione...
transparent
Esmo, tumore prostatico. Nuovi dati positivi dagli studi Profound per olaparib e Aramis per darolutamide

ott72020

Esmo, tumore prostatico. Nuovi dati positivi dagli studi Profound per olaparib e Aramis per darolutamide

Il cancro alla prostata è il tipo di cancro più comune negli uomini, con circa 37.000 nuovi casi diagnosticati in Italia nel 2019. Circa il 20-30% degli uomini con tumore della prostata metastatico resistente alla castrazione (mCrpc) presenta...
transparent
Cancro della prostata, microbioma intestinale influenza la risposta a un trattamento orale

ott62020

Cancro della prostata, microbioma intestinale influenza la risposta a un trattamento orale

Secondo uno studio pubblicato su Nature Communications, alcuni batteri presenti nell'intestino hanno un ruolo nei risultati del trattamento per il cancro alla prostata effettuato tramite una terapia orale con abiraterone acetato. I batteri, infatti,...
transparent
Radioterapia dopo intervento alla prostata, in molti uomini è possibile evitarla

ott22020

Radioterapia dopo intervento alla prostata, in molti uomini è possibile evitarla

La maggior parte degli uomini sottoposti a intervento chirurgico per carcinoma prostatico localizzato e localmente avanzato potrebbe fare a meno della radioterapia in seguito all'operazione, secondo una revisione sistematica e metanalisi pubblicata...
transparent
Cancro alla prostata, in aumento nei giovani. Cause ancora da identificare

dic42019

Cancro alla prostata, in aumento nei giovani. Cause ancora da identificare

L'incidenza del cancro alla prostata negli adolescenti e nei giovani adulti è in aumento in gran parte del mondo, e le cause di questa crescita non sono del tutto chiare, secondo uno studio pubblicato su Cancer. «L'incidenza del cancro alla prostata...
transparent
Carcinoma prostatico, sottoposta a Ema documentazione per nuovo antiandrogeno

mar122019

Carcinoma prostatico, sottoposta a Ema documentazione per nuovo antiandrogeno

È stata presentata all'Agenzia europea del farmaco (Ema) la richiesta di autorizzazione alla commercializzazione (Maa) di darolutamide, un nuovo antiandrogeno non steroideo, per il trattamento dei pazienti affetti da carcinoma della prostata resistente...
transparent

lug72017

Dal Rotterdam Study evidenze di un’associazione positiva tra livelli di FT4 e rischio oncologico

Tra i risultati principali in ambito endocrinologico derivati dal 'Rotterdam Study', studio prospettico di coorte in corso dal 1990, sono state evidenziate correlazioni fra livelli elevati di ormoni tiroidei e demenza, aumento del rischio di eventi e...
transparent

mar272017

L’uso di inibitori della 5alfa-reduttasi non aumenta il rischio di suicidio

Secondo uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine, l'utilizzo di inibitori della 5alfa-reduttasi non è risultato associato a un aumento del rischio di suicidio, anche se i rischi di autolesionismo e depressione sono aumentati in particolare...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi