Politica e Sanità

lug112018

Vaccini, Smi contro autocertificazione: non si torni indietro

«Non si torni indietro, non sia questo il "governo della restaurazione". La salute dei bambini è fondamentale, quella dell'autocertificazione è una trovata demagogica, inefficace e pericolosa: un pasticcio che demolirà quanto di buono prodotto dall'obbligatorietà sancita dal decreto Lorenzin e ingolferà i nostri tribunali con ricorsi e processi». Così Francesco Esposito e Maurizio Andreoli, dirigenti nazionali Smi, si rivolgono al ministro Giulia Grillo, a difesa della permanenza dell'obbligatorietà della vaccinazione, prevista dal decreto Lorenzin, e contro il ricorso all'autocertificazione.

«Ha ragione Ricciardi a denunciare la grave situazione che si verrà a creare e a precisare e correggere i dati del ministro sulla soglia di sicurezza per il nostro Paese per le vaccinazioni» continua Esposito «dovremmo ancora una volta dare più ascolto ai medici, ai tecnici, agli studiosi, e meno alle pressioni dei no vax. Grave, in questo contesto, anche il silenzio di molti sindacalisti, e presidenti di ordini, che dovrebbero difendere la tutela della salute, sopra di ogni cosa, come un principio irrinunciabile. Prima ancora delle simpatie per questo o quel governo, in questo caso con l'attuale ministro Grillo o con il ministro plenipotenziario degli interni, Salvini, che, pure lui, ha trovato il tempo di disquisire anche sull'obbligo vaccinale".
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>
Ultime notifiche dalla community